31 luglio 2012

[Recensione] Il giardino dei raggi di luna di Sarah Addison Allen


Happy Giornata!! Come vanno le vostre vite?! E le vostre vacanze?! Quest'oggi iniziamo la giornata con una bella RECENSIONE!!

Finalmente dopo svariate letture sono riuscita a leggere "Il giardino dei raggi di luna" magicamente vergato dalla bravissima Sarah Addison Allen.

La meravigliosa ambientazione, i fantastici personaggi e le magiche doti della scrittrice ci riportano in un mondo tutto suo. Protagonista della storia è Emily una ragazzina che dopo la morte della mamma si è trasferita dal nonno a Mullaby, un piccolo paesino ove dimora un segreto. Le pagine scorrono veloci e in pochi giorni ho concluso le righe che mi separavano dalla fine. L'astuzia che la scrittrice usa... mi ammalia, mi affascina e mi stupisce allo stesso tempo. A me è piaciuto molto, ricco di particolatri e di descrizioni dei luoghi appropiati.

Suggestivo, quasi palpabile con mano. La magia è nell'aria, nei dolci, nelle parole che ogni singolo personaggio usa. Il gigante di Mullaby, il nonno di Emily avrà un fascino tutto suo, un amore che nessuno mai ha compreso verrà svelato e risolto. Mistero ma allo stesso tempo AMORE allo stato puro quello che non si vede più, ti entra nell'animo e ti fa affezionare a ogni singolo personaggio del romanzo.

Meraviglioso, incantevole e irresistibile, vi lascerà con un vuoto incolmabile ma sazi di fantasia. Vorrete anche voi la carta da parati che cambierà con l'umore...ve lo garantisco..


30 luglio 2012

Salento in Love

Buona Giornata!
Oggi voglio parlarvi di un'iniziativa molto interessante dedicata a tutte le aspiranti scrittrici...
Si tratta del Premio Letterario Nazionale "Salento in Love", un concorso di racconti romance ambientati in Salento nel periodo tra il Medioevo e la fine dell'ottocento...



Dal Sito ufficiale:
Il Premio letterario "Salento in love" nasce dall’idea di un sodalizio tra il romance storico e gli scenari, per molti poco noti, della storia del Salento. È la volontà di dare spazio ad un genere narrativo molto apprezzato da un numero crescente di lettrici e privilegiato da scrittrici che sanno raccontare di due vite che incrociano i loro passi nel vasto panorama della Storia, rendendoli protagonisti con la loro storia d’amore e di passione che, prima di poter volgere al sospirato lieto fine, conosce spesso ostacoli, patimenti, equivoci e intrighi orditi dalle mani dell’uomo e dal vento della Storia. E ricca di fascino è la storia dell’antica penisola salentina, una terra dai ritmi ancestrali, come le passioni umane, che può accogliere tra le pieghe delle sue traversie storiche le vicende romantiche ispirate magari da uno scorcio degli intarsi di pietra del barocco delle corti e dei giardini dei palazzi di Lecce o dalle torri fortificate che punteggiano le coste del Salento, vecchi baluardi a difesa dalle incursioni corsare e turche. Pittoreschi ritagli di arte e di storia salentina sui cui intrecciare la trama di un romance che sappia svelare, tra le righe del racconto d’amore, scenari di Storia ancora non visitati.


Per chiunque sia interessato lascio il link al sito ufficiale:

Qualcuno di voi parteciperà?
Baci...
Ilaria



29 luglio 2012

[Recensione] Persuasione di Jane Austen


Buona Domenica! Per concludere in bellezza questa settimana, voglio parlarvi di un libro a cui sono molto legata: Persuasione della straordinaria Jane Austen! Ho riletto con piacere questo bellissimo romanzo, quindi vi lascio la mia recensione...

Persuasione è l'ultimo romanzo completo di Jane Austen,il più maturo e a mio parere uno dei più belli... La protagonista, Anne, è stata costretta molto giovane a dover rinunciare all'amore per il Capitano Wentworth, perchè questi all'epoca non aveva ne soldi ne prestigio...

Otto anni dopo i due si rincontrano e hanno l'opportunità di godere della felicità che in passato gli è stata negata... Persuasione racconta di come Anne, da giovane inesperta e malleabile,diventa una donna forte,capace di prendere da sola le proprie decisioni,senza farsi influenzare dagli altri...

L'amore che lega lei e il Capitano Wentworth è molto forte, tanto da riuscire a resistere ad anni di allontanamento... Leggere i romanzi della Austen fa venir voglia di tornare a quell'epoca,in cui il decoro,la buona educazione e la galanteria erano all'ordine del giorno, l'esatto contrario di oggi!

Per chi di voi ancora non ha letto questo magnifico romanzo, vi invito a farlo, sono sicura che vi innamorerete, non solo del libro ma anche del Capitano Wentworth!

Per farvi capire meglio di cosa parlo,vi lascio uno stralcio della dichiarazione del Capitano ad Anne: "Voi mi trafiggete l'anima. Io sono tra l'agonia e la speranza. Non ditemi che è troppo tardi, che questo prezioso sentimento è svanito per sempre. Vi offro di nuovo il mio cuore, vi appartiene ancor più di quando otto anni e mezzo fa voi quasi me lo spezzaste. Non dite per carità che l'uomo dimentica più della donna, che il suo amore è più rapido a morire. Non ho mai amato nessuna all'infuori di voi. Posso essere stato ingiusto, forse debole e offeso, ma incostante mai. Penso e faccio progetti solo per voi..."

27 luglio 2012

Anteprime [Elliot ed.]: Sto molto meglio dei miei amici morti & Festa D’estate

Ci troviamo a parlare della casa editrice ELLIOT che ci offre sempre spunti interessanti e vi diamo anche due belle e particolari anteprime per l'ESTATE!!

Viviane Chocas
STO MOLTO MEGLIO DEI MIEI AMICI MORTI
COLLANA SCATTI
pp.192 - euro 16
Una miscela irresistibile di humour e tenerezza per una divertente utopia della terza età i cui eroi non sono molto saggi ma nemmeno rimbambiti.
Come fa un gruppo di pensionanti irrequieti a scomparire impunemente da una casa di cura? La giovane Blanche, animatrice del laboratorio di scrittura, complice dell’impresa suo malgrado, lo sa bene. L’improbabile gang in fuga è guidata da un’energica donnetta in sedia a rotelle, una settantenne simpaticamente svanita e due nonnetti armati di petardi e moschetto. Sono anziani ma alzano il pugno chiuso e sono decisi a far ballare ancora un po’ il mondo sotto i loro piedi. Il racconto delle loro imprese si alterna a quello della vita di Blanche, vissuta tra incontri fatti di solo sesso e lo strano rapporto con gli arzilli vecchietti della Casa delle Rose. A cosa porterà questa bizzarra miscela di giovinezza, fantasia e voglia di vivere?Sottile, divertente e disinibito, in Sto molto meglio dei miei amici morti tira un incredibile vento di libertà che abbatte ogni pregiudizio verso una fase della vita ancora vissuta come un tabù.
Viviane Chocas
Nata a Parigi nel 1962, Viviane Chocas è scrittrice e giornalista. Il suo primo romanzo, Bazar Magyar, Quête des origines guidée par les saveurs, è uscito nel 2006.

Remco Campert
FESTA D’ESTATE
COLLANA RAGGI
pp.192 - euro 15
Da uno dei maggiori autori olandesi contemporanei, un romanzo sulla libertà e la leggerezza della gioventù
Protagonisti della storia sono due amici, Mees e Boelie, e la sedicenne Panda, tutti desiderosi di spassarsela, cosa comune del resto nel loro mondo di giovani aspiranti artisti. Scritto nel 1961 e da poco ristampato in Olanda, questo piccolo classico tratteggia con umorismo surreale e acume psicologico i personaggi e il loro ambiente, nel quale peraltro il lettore non tarderà a riconoscere coordinate a lui familiari, a prescindere dal decennio in cui è, o è stato, giovane, o addirittura a riconoscersi suo malgrado nell’indecisione, nella superficialità e nel cinismo dei protagonisti. L’autore tratta le debolezze umane senza moralismi, e anche la rapina ai danni di un povero anziano messa a segno nel parco dalla più giovane e “innocente” del trio conduce poi a un doppio lieto fine: il signore ritrova un’antica amicizia che interrompe la sua solitudine, mentre con il bottino i ragazzi organizzano una grande festa all’insegna di un assoluto carpe diem. La storia si chiude con un’immagine che meglio non potrebbe rispecchiare la leggerezza della narrazione: un ragazzino si lancia dal secondo piano della casa in cui si svolge la festa con un grande ombrello aperto e volteggia lento fino a terra, facendo calare il sipario sull’inquietudine che i personaggi, con il loro vitalismo, non riescono a nascondere al lettore.
Remco Campert
Nato nel 1929 a L’Aia, Remco Campert è uno dei più popolari scrittori nederlandesi. Ha iniziato negli anni Cinquanta la sua carriera come poeta ma, a partire dagli anni Sessanta, si è dedicato anche alla narrativa ottenendo un grande successo nel 1961 con il romanzo Festa d’estate. Il suo stile è sempre attraversato da una certa ironia e i suoi lavori hanno spesso un’ispirazione autobiografica. Nel 1979 Campert ha ricevuto il prestigioso P.C. Hooft Prize per la sua opera poetica. Dal 2006 ha una rubrica molto seguita sul quotidiano «De Volskrant».


Leggere d'altronde è sempre una scoperta, che ne dite?!

Recensione: Guida per signore in bicicletta sulla via della seta di Suzanne Joinson

Buona Giornata nuova RECENSIONE per La Fenice Book!!

Londra, 1923. Le sorelle Evangeline e Lizzie English iniziano il loro viaggio sulla via della Seta verso l’antica città cinese di Kashgar, dove è in progetto l’apertura di una nuova missione. Lizzie, in preda a un sacro fuoco religioso e alla passione per la fotografia, è completamente succube della carismatica e volitiva missionaria Millicent. Eva, invece, ha intrapreso questa avventura per sfuggire alla vita borghese e, sulla sua gloriosa bicicletta, conta di scrivere la Guida per signore in bicicletta a Kashgar commissionatale da un editore poco prima della partenza. Londra, oggi. La giovane Frieda torna a casa da uno dei suoi lunghi viaggi all’estero e trova un uomo addormentato davanti alla sua porta. Impietosita, lascia accanto all’uomo un cuscino e una coperta. Il mattino seguente trova la biancheria ben ripiegata e il magnifico disegno di un uccello accompagnato da alcuni segni arabi sul muro del pianerottolo. A poco a poco l’uomo, Tayeb, uno yemenita che si è messo nei guai con la polizia, diventa amico di Frieda e, quando la ragazza riceve in eredità il contenuto di un appartamento di proprietà di una donna di cui non ha mai sentito parlare, decide di accompagnarla per scoprire di cosa si tratta. Tra i due si instaurerà un rapporto delicato e sentimentale che sarà di grande aiuto alla ragazza nel momento in cui scoprirà i molti segreti nascosti nel passato della sua famiglia.
 
 
La mia opinione:
"Guida per signore in bicicletta sulla via della seta" è stato un libro davvero interessante, istruttivo, duro e allo stesso tempo forte!!
Partiamo dalla copertina, importante vedere che la stessa richiama tutte le fasi del libro, le piume vengono disegnate e riportate nelle parti in cui si parla di Londra OGGI... si perchè il libro si divide in due parti mescolate a dovere per arrivare poi a un punto definitivo o a un finale ben studiato.
 Londra 1923 & Londra Oggi.
Per la prima possiamo utilizzare un incentrato senso storico che ci riporta in paesi arabi che noi conosciamo appena, facendoci conoscere la brutalità del trattamento delle donne, la cultura e la redenzione che c'è in quei luoghi ancora remoti nel 1923 .
 La seconda parla di Londra oggi e come Frieda una delle protagoniste del libro sia collegata a tutta la storia; ma non sarò io a svelarvi come e perchè!! Ogni capitolo di Londra oggi avrà una piuma, ben congeniata e di diversa forma, mi è piaciuto come è stato improntato e definito.
Scrittura non troppo leggera ma studiata e affascinante anche se a tratti molto severa ma la realtà è quello che è. La donna che ci porterà nel mondo orientale di Kashgar Lizzie proverà mille peripezie nel bene e nel male, pericoli che una donna inglese dell'epoca non avrebbe proprio dovuto affrontare , invece lei per amor della sorella lo fa!!
La guida per signore verrà scritta da lei perchè è lei che avrà giovamento da questo strumento che ha portato con sè fin lì, si sentirà libera di fuggire quando vuole e su ogni capitolo della Londra del 1923 potrete trovare stralci di "libertà".
Straziante e caparbio un mix di passione e crudeltà ma sicuramente da leggere.
VOTAZIONE:


3 FENICI

26 luglio 2012

[Recensione] Biancaneve e il Cacciatore di Lily Blake


Buona Giornata! Tra le mie ultime letture c'è stato Biancaneve e il Cacciatore, vi lascio la mia recensione...

Biancaneve e il Cacciatore è basato sulla sceneggiatura dell'omonimo film, e bisogna tenerne conto nell'affrontarne la lettura...

Avendo già visto il film, mentre ero a metà lettura, mi sono rovinata un pò il continuo della storia e il finale, ma bisogna dire che, proprio per quello che abbiamo precisato inizialmente, tra il libro e il film non vi sono molte differenze...

In effetti ci troviamo di fronte ad un libro, simile per certi versi alla versione dark di Cappuccetto Rosso Sangue, uscito lo scorso anno... La favola di Biancaneve che tutti conosciamo bene, dimenticatela, perchè nel libro solo pochi elementi corrispondono alla favola originale... Biancaneve non si limita ad essere una semplice e ingenua fanciulla in difficoltà, ma diventa una forte e coraggiosa guerriera, a capo dell'esercito che vuole rivendicare il Regno!

Il Cacciatore diventa quasi un mentore per Biancaneve, mentre il Principe non ha più il ruolo decisivo che invece ricopre nella famosa favola... Ruolo importante lo ricopre anche la perfida Ravenna, non solo quale antagonista di Biancaneve, ma anche quale vero personaggio del libro: infatti, per la prima volta il personaggio della Regina viene analizzato anche dal punto di vista psicologico, cosa che le favole normalmente non si preoccupano di raccontare.

Capiamo perchè Ravenna è diventata quel che è, perchè per lei restare giovane è un'ossessione, tanto da spingerla ad azioni crudeli pur di mantenere intatta la sua bellezza, ma alla fine non c'è bellezza che tenga se si rischia di perdere il proprio cuore... Nel finale essendo una favola, il lieto fine non poteva certo mancare, anche se non è quello che ci si aspetterebbe...

Il libro si legge velocemente ed è sicuramente consigliato a tutti coloro che amano le favole e le loro rivisitazioni!

25 luglio 2012

Rubrica: Books in the World "Waterfall" di Lisa T. Bergren

Eccomi di nuovo, per riprendere l'appuntamento settimanale con la rubrica Books in the World!
Il libro di questa settimana è Waterfall di Lisa T. Bergren, primo libro della saga "The River of Time" incentrata sul tema dei viaggi nel tempo...



Waterfall
Autrice: Lisa T. Bergren
Editore: David C. Cook
Pagine: 369
Data di pubblicazione: 1 Febbraio 2011

Plot:
What do you do when your knight in shining armor lives, literally, in a different world?


Most American teenagers want a vacation in Italy, but the Betarrini sisters have spent every summer of their lives among the romantic hills with their archaelogist parents. Stuck among the rubble of the medieval castles in rural Tuscany, on yet another hot, dusty archaeological site, Gabi and Lia are bored out of their minds...until Gabi places her hand atop a handprint in an ancient tomb and finds herself in fourteenth-century Italy. And worse yet, in the middle of a fierce battle between knights of two opposing forces.
And thus she comes to be rescued by the knight-prince Marcello Falassi, who takes her back to his father’s castle—a castle Gabi has seen in ruins in another life. 

Suddenly Gabi's summer in Italy is much, much more interesting.





Trama:

Cosa fare quando il vostro cavaliere in armatura splendente vive, letteralmente, in un mondo diverso?

Molti ragazzi americani vorrebbero passare una vacanza in Italia, ma le sorelle Betarrini hanno passato ogni estate della loro vita in Italia, insieme ai genitori archeologi. Incastrate tra le rovine di un castello medievale in Toscana, in un altro caldo e polveroso sito archeologico, Gabi e Lia si annoiano a morte...Fino a quando Gabi appoggia la sua mano sulla cima di un'antica tomba e si ritrova nell'Italia del Quattordicesimo secolo. Peggio ancora, nel mezzo di una feroce battaglia tra cavalieri di due opposte fazioni...
E qui finisce per essere salvata dal cavaliere Marcello Falassi, che la porta al castello di suo padre, un castello che Gabi ha visto in rovina in un'altra vita.
Improvvisamente l'estate di Gabi in Italia si fa molto più interessante...

Queste sono le cover di Cascade e Torrent,gli altri due volumi che compongono la serie:





Che ne dite?
Alla prossima puntata!
Baci...
Ilaria


Anteprima: Starters di Lissa Price

Buona Giornata!
Oggi voglio mostrarvi l'Anteprima di un libro molto intrigante che ha subito catturato la mia attenzione!
Si tratta di Starters,primo libro di una nuova serie distopica, in uscita a Settembre...

Dal 25 Settembre in Libreria

Starters
Autrice: Lissa Price
Editore: Sperling & Kupfer
Pagine: 320
Prezzo: € 14,90

Un mondo senza speranza.
Un gioco senza regole.
Una ragazza disposta a tutto pur di sopravvivere.


Trama:
In un futuro non molto lontano, in un mondo devastato dalla guerra e dalla fame, una terribile pandemia ha decimato la popolazione adulta tra i 20 e i 60 anni, lasciando in vita solo i giovani e i vecchi. Ora, in una società senza speranza, i giovani combattono per un futuro che non esiste più e i vecchi sognano un passato che non tornerà mai. Per questo molti anziani affittano illegalmente il corpo di ragazzi disperati, pur di rivivere emozioni perse per sempre. Callie ha sedici anni e ha visto morire i suoi genitori. Senza una casa, senza un soldo e con un fratellino malato a cui badare, non ha altra scelta che mettere il proprio corpo in affitto. Si trova così intrappolata in un gioco più pericoloso di quanto avesse mai immaginato…


Lissa Price è una sceneggiatrice pluripremiata. Ha studiato scrittura creativa e ha viaggiato in tutto il mondo. Ha vissuto in Giappone e in India e ora risiede nel sud della California con il marito. Starters è il suo romanzo d'esordio.




Che ne dite?
Io non vedo l'ora di leggerlo!
Baci...
Ilaria

24 luglio 2012

Rubrica: Teaser Tuesday

Buon Pomeriggio!
Da oggi in poi,ogni martedì inizieremo anche noi a pubblicare la rubrica Teaser Tuesday,ideata dal blog Should be Reading...
Le regole da seguire sono: prendere il libro che si sta leggendo,aprirlo in una pagina a caso e condividere un breve estratto di quella pagina,senza fare spoiler...
Iniziamo!



Il mio estratto è preso da "Biancaneve e il Cacciatore"


Biancaneve lo aveva seguito,aggrappandosi al tronco dell'albero per non cadere. Quando erano ormai saliti un pò, William aveva staccato una mela da un ramo e gliel'aveva offerta. Era bianca e rossa, perfetta.
-Tieni - le aveva detto, la mano tesa, aspettando che la prendesse. William aveva occhi castano chiaro. Quando guardava verso il sole, si notavano delle pagliuzze verdi.
Biancaneve si era allungata a prendere la mela e lui aveva ritratto la mano, dando un morso al frutto. 
Poi aveva sorriso, una smorfia scherzosa che Biancaneve conosceva bene.
- Ci sei cascata! -

Pagina 29





L'estratto di Rosa è preso, invece, da "Guida per signore in bicicletta sulla via della seta"

Ero sorpresa. L'amicizia tra Millicent e Lizzie era così stretta, loro due erano talmente unite, che nei due anni passati erano state come vecchi cardigan stipati insieme in una cassa. Anzi, persino di più contando i Kilometri che avevano macinato per arrivare fino a qui. Come faceva Millicent a non sapere  di questa cosa? O di quello che inevitabilmente avrebbe seguito i mal di testa? Devo confessare che mi sono quasi rallegrata all'idea che Lizzie avrebbe sofferto, proprio come io avevo accusato la solitudine mentre lei e Millicent leggevano la Bibbia insieme, le teste che si urtavano alla luce delle candele. Poi mi sono vergognata dei miei pensieri. Mi sono voltata verso Lizzie, col desiderio di prenderle la mano e ritrovare la realtà di mia sorella, ma era andata via.


Pagina 79



Quali sono i vostri Teaser di questa settimana?
Baci...
Ilaria

23 luglio 2012

Anteprima: Roma - La spia dell'imperatore & Un amore di cupcake

Eccomi con altre Anteprime,stavolta si tratta di due libri in uscita a Settembre per la Tre60...


Dal 6 Settembre in Libreria


Roma
La spia dell'imperatore
Autrice: M.C. Scott
Editore: Tre60
Pagine: 512
Prezzo: € 9,90



Lo stile della Scott è sublime,
la trama è appassionante
e i personaggi sono molto credibili.
The Times


Trama:

63 d.C. In una placida notte senza luna, le fredde e nere acque della Manica conducono in porto un vascello senza insegne. Sul molo sbarca Sebastos Pantera, una spia reduce da una lunga missione in Britannia, che lo ha profondamente segnato sia nello spirito sia nel fisico. Ma non è tempo di riposo. Ad attenderlo c’è il suo mentore, Seneca, che lo porta subito al cospetto dell’imperatore. Giunto in Gallia per assistere a una corsa di quadrighe, Nerone è infatti impaziente d’incontrare in segreto il suo miglior agente per rivelargli l’esistenza di un’oscura quanto minacciosa profezia: Roma sarà avvolta dalle fiamme e brucerà in cenere, annientata dalla sua abissale depravazione. Allora il Regno del Cielo si manifesterà com’è stato promesso. Terrorizzato all’idea che qualcuno stia tramando contro di lui, l’imperatore ordina quindi a Pantera di scoprire l’origine di quel testo misterioso. All’abile spia non resta dunque che piegarsi al suo volere e assumere una nuova identità, infiltrarsi tra le fila dell’esercito sui campi di battaglia e tra i circoli di potere nei palazzi della capitale, e chiarire un enigma che potrebbe nascondere una rete d’inganni, intrighi e tradimenti in grado di annientare il cuore stesso dell’impero. Il destino di Roma è nelle sue mani…





M.C. Scott è nata e cresciuta in Scozia. Pubblicati in 15 Paesi, i suoi romanzi hanno vinto numerosi premi e hanno scalato tutte le classifiche di vendita, imponendola come una delle autrici di bestseller storici di maggior successo degli ultimi anni.












Dal 13 Settembre in Libreria

Un amore di cupcake
Autrice: Donna Kauffman
Editore: Tre60
Pagine: 352
Prezzo: € 9,90

Un amore di cupcake è un romanzo dolce e seducente come un cupcake.
Publishers Weekly


Trama:
La trentenne Leilani Trusdale non ce la fa più: i ritmi frenetici, le pressioni costanti e il carattere burbero dello chef Baxter Dunne, che ormai dedica più tempo alla sua trasmissione televisiva che alla cucina, sono ormai diventati insostenibili. Insomma, è giunto il momento di darci un taglio. Così, dopo oltre quattro anni di duro lavoro e poche soddisfazioni come executive chef del ristorante «Gâteau» di New York, Leilani decide di tornare nella città natale della bisnonna materna dove vive suo padre, sulla piccola isola di Sugarberry, per realizzare il sogno che coltiva sin da ragazzina: aprire una pasticceria di cupcake, un luogo caldo e magico dove poter creare irresistibili dolcetti da decorare con golose glasse. E le cose sembrano andare subito per il verso giusto, anche grazie all’aiuto degli amici di sempre, del padre e dell’intera comunità di Sugarberry, tutti convinti che il suo talento e la sua passione possano finalmente trovare un degno riconoscimento. Quando però viene a sapere che Baxter ha intenzione di girare la prossima serie del suo show proprio a Sugarberry, Leilani inizia ad agitarsi, ad emozionarsi… perché, in fondo al cuore, sa che il suo scontroso ex-capo è proprio l’ingrediente «magico» che le manca per essere felice. Prima però sarà necessario superare la dura scorza di Baxter e mettere a nudo il suo lato dolce, nascosto eppure irresistibile, come un cupcake...

 

Donna Kauffman è autrice di bestseller che scalano regolarmente le classifiche americane e che sono tradotti in tutto il mondo. Vive in Virginia col marito, i figli adolescenti e i suoi adorati animali domestici. Un amore di cupcake è il suo primo romanzo pubblicato in Italia.

Che ne dite?
Baci!
Ilaria


Anteprime: Il Signore degli incantesimi & Le parole del nostro destino

Buona Giornata!
Oggi vi mostriamo qualche anteprima...
Iniziamo con due nuove uscite della Nord...

Dal 19 Luglio in Libreria

Il Signore degli incantesimi
Autore: Markus Heitz 
Editore: Nord
Pagine: 432
Prezzo: € 19,90

Trama:
Mai più: è questa la solenne promessa che Lodrik fa a se stesso. È stato grazie all’aiuto del dio Tzulan che il giovane principe è riuscito a sventare una rivolta e a riportare la pace nella remota provincia di Granburg. Tuttavia la potenza del dio ha altresì scatenato una spaventosa forza distruttiva, convincendo Lodrik a rinunciare per sempre a un simile stratagemma. Almeno fino al giorno in cui un messaggero non gli comunica la notizia della morte del padre, sovrano di Tarpol, e l’ordine di tornare subito nella capitale per essere incoronato re. Una volta giunto a palazzo, infatti, Lodrik non solo deve affrontare l’ostilità dei nobili – che lo considerano troppo giovane e inesperto –, ma anche fare i conti con un’antica profezia, secondo cui l’ascesa al trono del principe farà ripiombare il mondo nel caos dell’Epoca buia. E qualcuno sta tramando nell’ombra per organizzare un attentato, ed evitare così che quella terribile predizione si avveri. Schiacciato dalle responsabilità del suo incarico e dalla paura di cadere vittima dei suoi nemici, Lodrik non ha scelta: se vuole governare su Tarpol – e salvarsi la vita –, deve chiedere di nuovo l’intervento di Tzulan…

Markus Heitz è nato il 10 ottobre 1971. All’università ha studiato Letteratura tedesca e Storia e adesso lavora come giornalista freelance. Grazie alla saga incentrata sulle vicende della Terra Nascosta e dei suoi abitanti – Le cinque stirpi, La guerra dei nani, La vendetta dei nani, Il destino dei nani e La leggenda degli albi – ha ottenuto uno straordinario successo sia in patria sia all’estero. E uguale entusiasmo ha suscitato la serie incentrata sulle avventure del giovane principe Lodrik, di cui la Nord ha già pubblicato il primo episodio, La profezia del re (2011). Attualmente è l’autore di fantasy più letto in Germania e uno dei primi in Europa.


Dal 6 Settembre in Libreria

Le parole del nostro destino
Autrice: Beatriz Williams
Editore: Nord
Pagine: 468
Prezzo: € 17,60

La storia indimenticabile di un amore
che non conosce confini.
Publishers Weekly


Trama:
Amiens, Francia, 1916. Incurante della pioggia battente, una donna è in attesa fuori della cattedrale. Tra i fedeli raccolti in preghiera, c’è il capitano Julian Ashford, l’uomo per cui lei ha sacrificato ogni cosa e che tuttavia non rivedrà mai più. Quando tornerà in trincea, Julian morirà. Ma lei è lì per riscrivere il loro destino. Il nome della donna è Kate…
New York, oggi. Incurante del gelo, una donna è in attesa davanti alla porta di Julian Laurence: sebbene sia la vigilia di Natale, deve consegnargli dei documenti urgentissimi. I due si sono conosciuti il giorno precedente, eppure, quando lei entra in casa, lui si comporta come se l’aspettasse da sempre, come se l’amasse da sempre. Ricambiare quell’amore le sarà facile: Julian è uno degli uomini più ricchi e affascinanti di Manhattan, è romantico, appassionato, intenso. Per qualche mese, la vita diventa un sogno da cui non ci si vorrebbe svegliare mai più... Ma poi, dal nulla, spunta un libro: la biografia di Julian Ashford, un prezioso volume corredato di foto e di lettere scritte dal celebre poeta-soldato durante la prima guerra mondiale. La donna non ha dubbi: la calligrafia elegante e ordinata, gli occhi gentili, il volto che s’intravede sotto il berretto sono del suo Julian. E quel libro sta per segnare il loro destino. Il nome della donna è Kate…
In un turbine di sentimenti e di misteri, di speranze e di passione, Le parole del nostro destino racconta la storia di un amore vero, un amore unico, un amore eterno.

Beatriz Williams si è laureata a Stanford e ha conseguito un master in Economia alla Columbia University. Ha lavorato per anni come consulente per la comunicazione di diverse aziende, sia a New York sia a Londra, ma la sua vera passione è sempre stata la narrativa, come dimostrano i numerosi racconti che scriveva di nascosto a casa e in ufficio. Le parole del nostro destino è il suo primo romanzo. Attualmente vive sulla costa del Connecticut con il marito e i quattro figli.


Baci...
Ilaria




22 luglio 2012

[Recensione] La ragazza di Charlotte Street di Danny Wallace


Buona Domenica! Le mie vacanze purtroppo sono finite e ieri  sono tornata alla base! Durante queste settimane ho letto molto,quindi iniziamo subito con una recensione...

La ragazza di Charlotte Street è stato una delle mie letture estive,ed è proprio così che mi sento di definirlo...

Il libro è molto scorrevole,scritto bene e a tratti abbastanza divertente,ma non è riuscito a catturarmi...La storia gira attorno a Jason Priestley,un aspirante giornalista che un giorno intravede una ragazza che sale su un taxi e trova poi una macchinetta usa e getta che proprio la ragazza in questione ha perso...

Da questo momento,attraverso le foto che Jason decide di stampare,si parte alla ricerca di questa fantomatica donna!
La ricerca si svolge fra le vie di Londra,quelle meno conosciute e più pittoresche e sono proprio le descrizioni di queste parti quasi sconosciute di Londra,città che io amo particolarmente,che hanno catturato la mia attenzione!

Per il resto il romanzo si legge in fretta,e si arriva ad un lieto fine che dopo tutte le peripezie che il protagonista affronta,gli è praticamente dovuto!


19 luglio 2012

Recensione: Il diario di London Lane di Cat Patrick

Buongiorno, apriamo la mattinata con una delle nostre opinioni,
questa mattina su...

Il diario di London Lane
Autore: Cat Patrick
Editore: Fazi Pagine: 350
Prezzo: € 9,90

London Lane ha sedici anni e ogni volta che si addormenta sa che al risveglio, l’indomani mattina, il suo mondo sarà svanito. Ogni notte, precisamente alle 4:33, perde ogni traccia della memoria della giornata che ha appena trascorso e quando si risveglia è in grado di “rivivere” solo scene che riguardano il suo futuro. Un diario su cui annotare tutti gli avvenimenti della giornata è l’unico mezzo, insieme al sostegno della sua migliore amica e di sua madre, per tenere insieme la sua vita. Quando London conosce Luke, un nuovo studente del suo liceo, qualcosa dentro di lei cambia: inizia a essere tormentata da strani incubi che sembrano perseguitarla anche durante il giorno. Si tratta di tetre previsioni o traumi legati al passato? La strana forma di amnesia che affligge London può essere in qualche modo curata? Perché non riesce a vedere Luke nel suo futuro?

La mia opinione:
Domani uscirà in tutte le Librerie "Il diario di London Lane", noi vi diamo la nostra opinione.

La trama e la copertina sono accattivanti, una sorta di diario di una ragazzina che non ricorda il PASSATO ma bensì il FUTURO. L'idea era buona ma l'ho trovato noioso!! Non so per quale motivo ma mi è parso alquanto deprimente, specialmente l'inizio con la classica vita di una ragazzina di liceo; solo le ultime venti pagine mi sono sembrate interessanti e mi hanno indotto a concludere il libro. Ci sono alcuni refusi(errori) nelle parole ma sorvolabili. Il libro è leggero e si legge in un baleno essendo scritto in maniera larga  e abbastanza distensiva.
Mi aspettavo di più da un libro del genere ma putroppo mi ha un pò delusa; soliti problemi adolescenziali e solita routine, se non per il fatto dei ricordi futuri che ha la protagonista, Lane...che dopo molto tempo è come se si sbloccasse e iniziasse ad avere dei ricordi anche passati. Carino, di poche pretese e leggero. Adatto alla giovane età e molto discorsivo.
Forse, a mio avviso, si sarebbe dovuto dilungare un pò di più sulla vita dei personaggi, sugli ambienti circostanti e sul problema di Lane e la sua famiglia. Per il resto tranquillo e rilassante a tratti tedioso.



VOTAZIONE:

2 fenici e 1/2

18 luglio 2012

Anteprima: "La regina del catrame”, prima indagine del commissario Gigi Berté

Ieri è giunta un' e-mail della Corbaccio nella mia casella postale ed eccovi l'arcano che vi proponiamo|!!


Emilio Martini
La regina del catrame
Affascinante e simpatico come Montalbano, bello come Manara arriva Gigi Berté, il commissario scrittore»Narratori Corbaccio«
Pagine 128, € 8,90
Le indagini del commissario Berté, una nuova, agile serie per chi ama indagini, ambientazioni, situazioni e noir  tutti italiani

Ma da dove nasce il personaggio di Gigi Berté?
Da un vicequestore che opera in un commissariato italiano…

Il suo nome è Gigi Berté. Commissario Berté. C’è una macchia nel suo passato, un buco nero che gli è costato il trasferimento da Milano a Lungariva, uno di quei paesini liguri che sono troppo pieni d’estate e troppo vuoti d’inverno. In attesa di trovare casa vive nella pensione della Marzia, una donna bella ma decisamente sovrappeso, l’esatto contrario del suo immaginario erotico. Il commissario ha un segreto che non ha mai rivelato a nessuno: scrive racconti gialli e surreali. Ma poi il morto ammazzato arriva per davvero. In un angolo della spiaggia di Lungariva, in mezzo ai bagnanti. Per il commissario Berté è arrivata l’ora di mettersi al lavoro e chissà se per risolvere il caso gli servirà di più la sua esperienza di poliziotto o il suo intuito di scrittore…

Chi è il commissario Gigi Berté, il protagonista
«Dal suo aspetto si intuiva che non aveva origini lombarde: pelle scura, occhi carbone profondi e inquietanti, capelli lunghi, tanti, crespi e appena brizzolati, raccolti in una coda che gli scendeva lungo le scapole, quella coda indimenticabile che la Patty trovava eccitante… Unica eccezione al suo meriodionalissimo aspetto era il metro e ottantacinque di altezza che non si capiva da quali geni derivasse visto che nella sua famiglia erano tutti sotto il metro e settanta.»

L’autore
Dietro il nome de plume Emilio Martini si cela qualcuno che conosce bene il commissario Berté e che preferisce restare nell’ombra. Ma non ci daremo per vinti e continueremo la ricerca, pubblicando tutti gli indizi che troveremo su http://www.facebook.com/CommissarioGigiBerte

Recensione: Jeans e cioccolato di Simona Giorgino

Doppia Recensione per noi oggi con la collaborazione di SannioLife!!
Questo libro ci è arrivato in E-book ma lo trovate anche cartaceo!!
BUONA LETTURA!!
Un colloquio di lavoro finito male e una bugia detta ‘a fin di bene’. Sono questi i punti di partenza di Jeans e cioccolato.
Protagonista la ventisettenne Beatrice Torretta, giardiniera, perennemente insoddisfatta del suo lavoro e alla ricerca spasmodica di una passione. Accanto a lei, Debby, la sua amica del cuore, che cerca in tutti i modi di farle prendere coscienza della sua ‘femminilità’.
La danza, e in particolare, i balli caraibici, sembrano essere la via giusta …

La nostra opinione
Lettura scorrevole. Una storia ‘comune’, in cui potrebbero ritrovarsi diverse ragazze, sia per le circostanze che per l’uso dello slang giovanile …
Un happy end e l’uomo dei sogni che si cela dietro un’insospettabile ‘antipatia’ …
Prevedibile, ma comunque piacevole.



VOTAZIONE:
2 Fenici e 1/2

Un assaggio per i nostri lettori
“Credo che quest’uomo abbia finto di non sentirmi. Mi ha praticamente ignorato. È sordo? O forse non parla la nostra lingua? Beh, anche se non parlasse la nostra lingua, avrebbe potuto mostrare un minimo d’interessamento al muoversi del mio labiale, avremmo potuto comunicare a gesti! Invece no. Mi sta appositamente ignorando. Cos’ha contro le giardiniere? Ammetto di non essere sicuramente la donna più sexy del mondo in questo grembiule verde extralarge e con i gambali ai piedi, ma ciò non gli da il diritto di trattarmi così. O si?”