28 febbraio 2015

[Recensione] Il pasticcere Giuseppe e la ricetta segreta di Beatrice Cinci e Francesca Cavallaro


Buon Sabato Dolcioso #FeniLettori! Più che una Recensione, un piccolo consiglio di lettura per i vostri cuccioli !

Già ho recensito i piccoli libri della Casa Editrice Camelozampa e devo dire che sono fatti molto bene. Le illustrazioni sono semplicemente uniche e riportano il lettore bambino nella sua oasi di pace e tranquillità. Sono perfetti, a mio avviso, consigliatissimi.

Il pasticcere Giuseppe e la ricetta segreta è un libricino di pochissime pagine che non deve essere letto ma raccontato, visto e sfogliato con estrema calma, dinanzi una buona tazza di latte con il proprio bambino.

La storia narra di una Strega cattiva "Merendona" che attira i bambini nella sua trappola preparando merendine e facendoli divenire dei grossi, verdi e bitorzoluti. Ma Giuseppe il Pasticcere con i suoi animaletti salverà, le sorti di questi poveri fanciulli chiusi in trappola. Una storia dolce e gioviale, perfetta nella sua giocosità.

Molto interessante anche la finalità di questo tometto, di cui parte del ricavato della vendita verrà devoluto all'Azienda Ospedaliera - Università di Padova - Dipartimento per la salute della donna e del bambino U.O.C. T.I.N. e Patologia Neonatale per l'acquisto di uno speciale frigorifero per la Banca del Latte Materno. Meravigliosa iniziativa!

Ebbene io l'ho adorato e ne ho fatto tesoro. Lo sfoglierò nei momenti tristi e abbacchiosi! Anzi preparerò anche la ricetta segreta del nostro amico Giuseppe. Voi cosa aspettate? Buona Lettura!


[Recensione] Il mio sbaglio preferito di Chelsea M.Cameron

Buon pomeriggio cari Lettori!
Oggi parliamo dell'ennesimo romanzo Young Adult che mi ha deluso...Si lo so, probabilmente sono masochista visto che mi ostino a leggerli e puntualmente li odio! Comunque, bando alle chiacchiere e iniziamo la recensione...

"Il mio sbaglio preferito"...Già il titolo è tutto un programma,dovevo aspettarmelo!
Il romanzo parla di Taylor e Hunter. La storia si svolge al college,ovviamente,e giusto per la cronaca i due soggetti non si sopportano anzi forse più che altro bisognerebbe specificare che è Taylor a odiare Hunter...
Il primo incontro tra i due non è certo dei migliori in quanto Taylor insieme alle sue due coinquiline scopre che la sua nuova compagna di stanza è Hunter! Inutile dire che Taylor non ha alcuna intenzione di dividere la stanza con Hunter che,oltre al fatto di avere il difetto di essere un uomo,è il classico fusto che riuscirebbe a far cadere ai suoi piedi qualsiasi donna,ma chiariamo una cosa,non certo Taylor! Almeno per le prime 50 pagine...
Dopo un inizio alquanto spumeggiante,alla fine i due arrivano ad un compromesso: se Taylor sarà capace di dimostrare ad Hunter che lo odia davvero o che lo ama,allora lui lascerà l'appartamento una volta per tutte...

Allora io capisco che lo schema di quasi tutti gli Young Adult in circolazione,a parte qualcuno,è questo ma insomma un po' di originalità è chieder troppo? Mi è sembrato di leggere un'accozzaglia di cose già lette,sentite e risentite! Mi è sembrato che questo libro abbia preso spunto da altri romanzi del genere con una sola aggiunta: Taylor. Taylor è insopportabile, no seriamente è ovviamente affetta da qualche grave problema psichico! Altrimenti non mi spiego il fatto che la prima volta che vede Hunter e viene a conoscenza del fatto che è il nuovo coinquilino, la sua reazione da donna adulta e matura è prenderlo a pugni...Ma stiamo scherzando?  Inoltre durante il corso della lettura assistiamo ai suoi improvvisi cambiamenti di personalità, e vi assicuro qui non si tratta di soffrire di una grave forma di bipolarismo,questa qui la personalità la cambia come si cambia i vestiti! Taylor praticamente pensa una cosa, ne dice un'altra e poi fa l'esatto contrario! Fossi stata in Hunter sarei scappata dopo il primo incontro, invece no, lui si fissa con Taylor e pur di conquistarla diventa il suo tappetino personale...

Passiamo ad Hunter...Hunter è ovviamente bellissimo, sa fare tutto, suona la chitarra da Dio e sembra che abbia in corpo un jukebox, vi sfido:provate a chiedergli una canzone qualsiasi e lui ve la saprà suonare,con tanto di accompagnamento vocale...Ah e stavo dimenticando che Hunter ha un passato dark e misterioso che cerca in tutti i modi di dimenticare...


Stereotipi,stereotipi,stereotipi ovunque!


La storia va avanti tra litigate,smancerie varie,feste universitarie e gli inadeguatissimi atteggiamenti di Taylor che viene però sempre compatita,perchè come in ogni Young Adult che si rispetti anche la protagonista femminile ha alle spalle un evento doloroso che l'ha segnata per sempre e che nel giro di poco,grazie al caro Hunter, riesce a dimenticare...
La storia è davvero banale perchè in giro se ne possono trovare a bizzeffe come questa,i protagonisti sono insulsi,insomma non riesco a trovare nulla di positivo! Potrei andare avanti per ore a parlare di ogni cosa che non mi è piaciuta di questo romanzo, ma non credo proprio che voi siate interessati ai miei sproloqui...

In conclusione questo romanzo si aggiunge alla lista delle letture più brutte e inutili di inizio 2015 e adesso vado a leggermi qualche passo del Conte di Montecristo per riprendermi un po'!

[Recensione] Oltre l'incerto limite di Tina Caramanico


Buongiorno cari #FeniLettori! 
Oggi un'altra recensione. Si, sto leggendo in maniera celere, lo so, ma ho una marea di libri da smaltire e non so proprio quando li finirò, forse in un altra vita. Passiamo a noi...

Oltre l'incerto limite è una raccolta strutturata in vari racconti ognuno dei quali ha un suo filo conduttore che si ricollega strenuamente al filone principale. Molti racconti sono tragici, molti improntanti sulla morte, altri su vecchie dicerie, altri ancora su problemi giovanili. Questo libro racchiude, in poche storie, il vero fulcro di molti problemi. Spingersi proprio oltre l'incerto come menziona il titolo ...qual'è il limite? Ognuno ha un suo modo di vedere il limite e in questi racconti vengono espletati,  anche se lasciati con una nota di mistero. 

I racconti variano, alcuni sono scritti molto bene, altri decadono leggermente ma la scrittura c'è e si denota. Molti sarebbero potuti essere espletati in maniera più ampia e approfondita. Mi sono affezionata ad alcuni personaggi molto carismatici.

Le storie sono variegate, intense e perspicaci. La tonalità con cui si crea un nesso è davvero affascinante. Le parole che scorrono si leggono in pochissimo e il significato di tutto piano piano viene a galla lasciandoti con delle domande. La raccolta è completa e esaustiva. La scrittura fluida, anche se all'inizio ho trovato qualche incertezza ma andando avanti si denota un netto miglioramento e si conforma perfettamente . 

Una raccolta che ci fa riflettere su molti punti ignoti della vita, su molti problemi  e sofferenze. Ognuno a proprio modo ha dei limiti e deve riuscire a superare quelli, altrimenti la vita diviene un inferno. Buona Lettura! 


27 febbraio 2015

[Segnalazione] Da qualche parte oltre l'arcobaleno di Emiliano Petrone

Pagine: 220 Prezzo: 0,99€
Editore: Lettere Animate
Uscita: 13 Febbraio 2015
Federico è un ragazzo di ventotto anni che sta vivendo il periodo più complicato della sua vita. Tutto è iniziato due anni prima con la morte della madre, proseguendo con il dover assistere al successo della sua ex compagnia teatrale, abbandonata per un buon lavoro come copywriter, ma soprattutto perché spinto dalle pressioni del padre. Inoltre, la commedia che regala il successo agli ormai ex colleghi, fu ideata e scritta proprio da lui. Una beffa molto amara, ma che è solo il preludio a quanto sta per accadere. Infatti, come se non bastasse, arriva l’uno due che farebbe vacillare anche il più forte dei pugili: il licenziamento improvviso e una relazione decennale che si sgretola sotto i suoi piedi. Si ritrova così in un vortice di negatività da cui non sa come uscire, ma nel momento di peggior sconforto, dopo aver pianto e pregato sulla tomba di sua madre, incontra Carlo, un vecchio amico di scuola che non vede dai tempi delle medie. Davanti a una pizza, rievocano i ricordi del passato e infine finiscono a raccontarsi il presente. Sarà proprio Carlo a spingere Federico lontano da tutti e tutto, proponendogli un lavoro nel suo albergo a San Francisco e, nonostante il rimorso di lasciare solo l’anziano padre rischi di divorarlo, si convince a partire per la California.
Nasco a Roma, il 17 Luglio del 1980. Cresciuto con il mito di Isaac Asimov, all'età di diciotto anni decido di scrivere romanzi di fantascienza. Ho alcune idee che mi sembrano ottime, ma temo di non avere ancore la giusta esperienza per compiere un passo del genere e mi nascondo dietro la promessa di completarlo, prima o poi. Il prima, però, scompare nel momento in cui trovo lavoro come tecnico informatico, impiego che mi terrà impegnato per ben quindici anni e che ad oggi, è ancora in grado di darmi il pane quotidiano. In tutto questo tempo, non faccio altro che raccogliere idee e prendere appunti, aspettando che il "poi" si decida a entrare in campo campo. Questo avviene nei primi mesi del 2013. Apro così il cassetto dei sogni e inizio a scrivere una storia soft, ricca di sentimenti e qualche scena (spero) divertente, che devo ammettere essermi capitata davvero. L'obiettivo è quello di lanciare un messaggio e allo stesso tempo convincermi di avere le carte in regola per provarci ma soprattutto riuscirci. E i romanzi di fantascienza? Questione di tempo...

[Anteprima] Il pasticcere Giuseppe e la ricetta segreta di Beatrice Cinci e Francesca Cavallaro

Collana:LE PIUME (picture books)
Pagine:32 Prezzo: 12,00 €
In pasticceria da Dicembre 2014
In libreria dal 1 Marzo 2015
Circolano dolcetti troppo colorati e zuccherosi in città. Li prepara la strega Merendona, il suo piano è mangiarsi i bambini! Solo Giuseppe, il pasticcere, li potrebbe salvare. Ma la strega l'ha imprigionato nelle segrete del suo castello. Riusciranno i bambini a liberarlo? E Giuseppe riuscirà, con la sua ricetta segreta, a salvare i bambini dalla perfida strega?
Uno spiritoso albo illustrato sull'importante tema della sana alimentazione.
Una fiaba per capire che "siamo quello che mangiamo", anche da piccoli, anche a merenda.

Parte del ricavato della vendita di questo libro verrà devoluto all'Azienda Ospedaliera - Università di Padova - Dipartimento per la salute della donna e del bambino U.O.C. T.I.N. e Patologia Neonatale per l'acquisto di uno speciale frigorifero per la Banca del Latte Materno.
Francesca Cavallaro si è laureata in progettazione grafica all’ISIA di Urbino. Ha all’attivo molti libri per bambini con vari editori, tra cui Fatatrac-Giunti, San Paolo, Arka. Per Camelozampa ha illustrato Buoni, bravi, brutti, cattivi... d’Italia, Mostraz, Mostri di Mostraz e Giochi di mostri. Da anni, con “Il Trabiccolo dei Sogni”, tiene laboratori creativi per i bambini.

Beatrice Cinci è nata nel 1991 e vive a Padova. Ha studiato Product Design al Politecnico di Milano e ottenuto un Master in design creativo. Da tempo fa clown therapy per i bambini e ha conseguito il diploma dell’associazione Over the Rainbow di Patch Adams. 

[Recensione in Anteprima] Il Libro del Male (Inspector McLean #2) di James Oswald


Buon pomeriggio cari #FeniLettori! Dalla Giunti, come dalla Fabbri per il libro precedentemente recensito, siamo stati scelti per leggere questo libro in ANTEPRIMA. In questi ultimi tempi fortunatamente stanno succedendo molte cose positive per il blog (ormai aperto da quattro anni) e di questo ne sono davvero felice; il lavoro (seppur gratuito) ripaga almeno in gratitudine.  Dopo la nostra Intervista all'autore James Oswald ecco la nostra recensione...

Il libro del male è il secondo caso dell’ispettore Tony McLean, un personaggio burbero e stressato dal lavoro con un passato oscuro che, in parte, verrà a galla in questo secondo volume. L'ispettore si era occupato, nel primo volume "Nel nome del male”, del caso dell'assasino di Natale, Donald Anderson che per dieci anni ha sparso il terrore a Edimburgo, uccidendo dieci donne e seguendo sempre lo stesso modus operandi. Tra le vittime, anche la fidanzata dell’ispettore McLean, Kirsty. Finchè il killer non ha commesso un grave errore consentendo a McLean di porre fine a quella catena di ferocia. Dodici anni dopo, Anderson è morto, è stato ammazzato in cella, ma il tempo di assaporare la vendetta per McLean non è ancora arrivato. Con l'avvicinarsi del Natale, infatti, un altro corpo viene rinvenuto: una ragazza nuda, legata a un ponte, e sottoposta allo stesso brutale rituale di anni addietro. Ed è così che nella mente di Anderson si insinua un tarlo indelebile...

Il romanzo è scritto con estrema sapienza, sinceramente, sono incredula del fatto che James Oswald sia un auto-pubblicato perché il suo stile di scrittura è completo. Apposito per Thriller atroci e feroci. I personaggi vengono descritti perfettamente e si ci affeziona subito odiando chi di dovere. La sua maestria è palpabile, tutto sembra confluire in un unico punto, quello in cui egli stesso vuole portarci.

Uno stile incisivo, seppure forte e intenso che lascia che l'anima si attacchi alle pagine e non le lasci più. Si viene emotivamente coinvolti in questa storia. Edimburgo viene descritta in maniera sublime, pregna di particolari e atroci verità. Una città velata e ambigua.


Il passato e il presente si fondono in un solo vortice rendendo questo thriller, unico degno di uno scrittore di fama mondiale. James Oswald ha saputo ben dosare i suoi elementi e ha impregnato le pagine velandole di una nota paranormale, che non guasta. Qualcosa di misterioso che porta le righe a intrecciarsi e confondersi, riuscendo perfettamente ad arrivare al nocciolo della questione .

Un Thriller da togliere il fiato, che lascia, piacevolmente colpiti. Il talento di questo scrittore è davvero sensazionale e le descrizioni approfondite dei luoghi, dei personaggi e la loro caratterizzazione rende lo stile originale. Un libro che sicuramente prima o poi diventerà una fiction, questo è poco ma sicuro! Buona Lettura...

26 febbraio 2015

[Anteprima] L' Accademia del Bene e del Male di Soman Chainani

Il confine tra Bene e Male è molto sottile. 
Un bestseller americano illustrato da Jacopo Bruno. 

I Grandi
Prezzo: € 17,00 Pagine: 504
Pubblicazione: 3 marzo 2015
«Che apparteniate al Bene o al Male, che siate un Mai o un Sempre, dovete imparare a rispettarvi, perché nessuno di voi può esistere senza gli altri. La linea di separazione tra una principessa e una strega è sottilissima».

Agatha e Sophie vivono a Gavaldon, un delizioso villaggio dove le fiabe sono realtà. Sono molto diverse l'una dall'altra, ma entrambe hanno ottime possibilità di essere ammesse all'Accademia del Bene e del Male. Ogni quattro anni, infatti, a Gavaldon accade una cosa strana: due dodicenni scompaiono nel nulla. E secondo la leggenda queste misteriose sparizioni sono opera del Maestro, una magica entità proveniente dal regno delle fiabe. I due prescelti frequentano l'Accademia per quattro anni, in un percorso di formazione che li porterà a diventare protagonisti delle fiabe, arruolati uno fra le Forze del Bene, l'altro fra le Forze del Male. Sophie è convinta di essere la candidata ideale, e da tutta la vita si esercita per impersonare la perfetta principessa. Ma non sempre le cose vanno come ci si aspetta.

The School for Good and Evil:

#1 The School for Good and Evil (L' Accademia del Bene e del Male)
#2 A World Without Princes (Inedito in Italia)
#3 The Last Ever After (Inedito in Italia)

Soman Chainani è laureato ad Harvard summa cum laude con una tesi sul perché i personaggi femminili cattivi nella letteratura siano così affascinanti, si è occupato a lungo di cinema sperimentale e ha partecipato a oltre 150 festival in tutto il mondo con i suoi cortometraggi. Questo è il suo primo romanzo, già tradotto in 18 lingue.

[Recensione] Internet Apocalypse di Wayne Gladstone


Buon pomeriggio cari Lettori!
Tra la rete che mi ha abbandonato e impegni vari è praticamente una settimana che rimando questa recensione...Ma finalmente ci siamo!

Internet Apocalypse è la storia di come improvvisamente e senza alcun motivo apparente Internet scompare...
Un bel giorno New York si sveglia in un mondo che sembra essere tornato indietro di 20 anni,dove la vita sembra fermarsi. Perchè in fondo in una società in cui Internet ormai è parte integrante della vita,come si fa ad andar avanti senza?
La Borsa non può iniziare la sua giornata,le persone non possono più leggere le news del giorno su Google,gli amanti dei selfie non possono più piazzare la foto del giorno...Nulla sembra più avere senso e le reazioni delle persone sono le più disparate: molti si disperano e tentano in tutti i modi di capire cosa sia successo,un folto gruppo inizia ad accusare gravi sintomi di astinenza da Internet diventando dei veri e propri zombie viventi,solo una piccola parte della popolazione della Grande Mela lo vede come un ritorno alle origini che potrebbe anche portare a qualcosa di positivo...
Tra le persone che cercano di barcamenarsi con la scomparsa di Internet c'è Gladstone,che insieme ad una stramba coppia di conoscenti decide di mettersi alla ricerca dello scomparso Internet...

In una New York un po' strampalata e sopra le righe si muove questo personaggio che si erge quasi a detective,mentre si muove per le vie della metropoli turbata dalla scomparsa del suo amato Internet. La soluzione non sarà semplice come sembra e richiederà tutte le doti intuitive del caro Gladstone. Questo è un romanzo particolare,sicuramente non si tratta di uno dei soliti romanzi che leggiamo,è scritto in modo particolare e tratta un argomento anch'esso particolare e quanto mai realistico...

La cosa che mi ha colpito inizialmente è stata l'atmosfera quasi satirica e di presa in giro che si respira durante la lettura,perchè effettivamente il libro si propone proprio come un romanzo satirico e come potrebbe essere altrimenti? Si tratta di un romanzo che parla della scomparsa di Internet e non è forse vero che oggi siamo praticamente dipendenti da Internet? Non passiamo la maggior parte del tempo a navigare sul web? Lo usiamo per lavorare,per passare il tempo,per tenerci in contatto con gli amici,per prenotare le vacanza,insomma ormai Internet è parte integrante della nostra vita e pensate se improvvisamente sparisse...Come reagireste?

Vi disperereste? Sapreste sopravvivere anche senza o fareste tutto ciò che è in vostro potere per riaverlo? Questi sono gli interrogativi che il romanzo mette in risalto,romanzo che attraverso battute varie ed elementi originali riesce ad intrattenere il lettore e a farlo riflettere sull'importanza che diamo alla tecnologia e su come questa influisce sui rapporti che abbiamo con gli altri...Una lettura consigliata!

[Recensione] Amarsi Ancora di Sarah Rabolini


Buongiorno miei cari #FeniLettori!
Oggi una Recensione piena di pace e serenità....

Ho letto "Amarsi Ancora" in poche ore, è un racconto più che un romanzo, molto breve ma delizioso. La storia si snoda bene, anche se si delinea un incertezza nella scrittura che sicuramente migliorerà negli anni a venire e in ulteriori romanzi.

La vita di Giorgia scorre tranquilla e serena. Un lavoro che ama e una relazione stabile con Carlo, fatta di rassicuranti ritualità e una quotidianità che la fanno sentire protetta. Certo non sono sempre rose e fiori tra loro, ma Giorgia sembra aver trovato un equilibro con se stessa, grazie anche alle sue grandi passioni: lo yoga, la meditazione e la biodanza, che le hanno fatto trovare uno spazio prezioso per esprimere la propria spiritualità e diversità rispetto alla meticolosa razionalità di Carlo. Ma è proprio quando tutto fila liscio che la vita riserva le sorprese più inaspettate. Ed è quello che succede a Giorgia quando una sera incontra casualmente Pietro, l'ex che non vedeva ormai da tempo e da cui era stata lasciata all'improvviso.

La passione e l'amore che ha Giorgia verso Pietro è forte, palpabile; pur avendola lasciata per un altra, pur essendosene andato, lei lo ama come l'aria e lui dopo anni è cambiato ma tutto comincia come un avventura. Molto rilassante. Mi è piaciuto molto la descrizione di un arte che non conoscevo, la "biodanza" che sinceramente farei molto volentieri per essere più calma e tranquilla in momenti devastanti. La serenità che mi ha trasmesso questo romanzo e la meditazione che vi è al suo interno mi ha sprigionato nuova forza vitale vita e mi ha donato nuove idee.

Tutti dovrebbero leggerlo, almeno solo per rilassare mente e corpo, o solo per conoscere lo Yoga che rende rilassati e scaccia i pensieri negativi, mi sarebbe piaciuto approfondire ancor di più ma la storia c'è ed è molto sensibile ...amabile come una rosa appena sbocciata.

Una storia davvero elegante e delicata che esalta la meditazione, trattenendola e lasciandola andare quando non se ne ha più bisogno. Così come i pensieri negativi. Da Leggere! Buona Lettura.

24 febbraio 2015

[Segnalazione] Il piano del gatto di Sergio Cova

Anche se lontano, si vede bene l’interno del portavalori. Si vede il pianale lucido di metallo, le pareti blindate e lisce, le piccole aperture protette dalle grate. Si vede ogni cosa. Tranne il denaro. Quello non c’è.
Autore: Sergio Cova
Genere: Narrativa romanzo giallo
Pagine: 256 + 4 Prezzo: € 12,80
Uscita: Febbraio 2015
1977. Amerigo Mombelli, un piccolo malvivente soprannominato Gatto, sogna di rapinare un furgone portavalori della Banca d’Italia ed essere a capo di un gruppo criminale come quello nato da poco a Roma: la banda della Magliana. Ci sono tre ragazzi che frequentano il suo bar. Il Principe, il Monaco e il Rosso. Tutti hanno bisogno di soldi e il Gatto lo sa. Facendo leva sui loro problemi, li convince a far parte della squadra insieme agli ultimi due componenti: Valentino Cutuli e Veronica Oliva. Nonostante i dubbi del Monaco riguardo la mancanza di esperienza del Gatto, l’assalto al portavalori viene organizzato e messo in pratica in una giornata di luglio. Ognuno ha il proprio compito: il Rosso si fingerà un poliziotto e devierà il traffico su una via laterale, Veronica e il Principe simuleranno un incidente bloccando la strada principale e ai tre rimasti toccherà il compito di disarmare la guardia e rubare il denaro. Il piano del Gatto, così perfetto sulla carta, si rivela un disastro. La banda riesce a scappare con dodici miliardi di lire, ma i legami già deboli all’interno del gruppo si spezzano definitivamente. Nel capannone indicato come punto di ritrovo dopo la fuga, il Gatto tenta di convincere gli altri a reinvestire il denaro per altri colpi. Ma gli altri non ci stanno. Vogliono la loro parte e il Gatto tergiversa, con la scusa di aspettare il Principe l’unico che ancora non si è fatto vedere. E in quel momento arriva la polizia ad arrestarli.

1997. Dopo essere evaso dal carcere, il Monaco si è trasferito a Parigi. Ha tagliato i ponti con il passato e ha cercato di dimenticare ciò che è accaduto vent’anni prima. Nonostante abbia cambiato identità, viene rintracciato dall’avvocato del Principe il quale gli mostra una videoregistrazione dell’amico in cui, in punto di morte, giura di non avere preso i miliardi della rapina. Il Monaco torna così in Italia deciso a scoprire cosa ne è stato degli ex componenti della banda e soprattutto di cosa ne è stato del bottino. Viene aiutato da Adele, la figlia del Rosso, convinta che i soldi possano riavvicinare i genitori e da Veronica. Scopriranno che il Gatto, deceduto in prigione, aveva lasciato dei dipinti nei quali sembra esserci una pista sul luogo dove sono nascosti i soldi. Ma forse niente è così semplice e scontato come sembra. Il Monaco, abituato a non fidarsi di nessuno, dovrà capire per quale motivo l’avvocato di Mazzola l’ha convinto a tornare in città. E soprattutto dovrà capire chi sono i veri amici e a chi può davvero confidare le sue teorie.

Sergio Cova è nato a Varese nel 1978. Ha pubblicato due romanzi gialli, Tutti colpevoli (2011) e Una via d'uscita (2013). Il suo racconto Ventitré, vincitore del premio NebbiaGialla 2013, è stato pubblicato sul n. 3100 del Giallo Mondadori.

[Segnalazione] Ora so volare di Michaela DePrince e Elaine DePrince

La speranza mi ha regalato un sogno, 
e mi ha dato la forza di spiccare il volo.
Uscita: 3 Febbraio 2015
Pagine: 165 Prezzo: 13,60 €
Mabinty è piccola, vive in un orfanotrofio ed è per tutti la “figlia del diavolo” solo perché una malattia le macchia la pelle. Ha quattro anni appena e vive in un paese tormentato dalla guerra civile: la Sierra Leone. Eppure Mabinty ha un sogno. Vuole fare la ballerina. Ha raccolto da terra la copertina di una rivista e si è innamorata di quel tutù delicato, di quei gesti eleganti. Sembra un sogno irrealizzabile, il suo. Poi un giorno Mabinty viene adottata da una famiglia statunitense e diventa Michaela. Anche Michaela è piccola e ha la pelle macchiata. Anche Michaela ha un sogno. I suoi genitori capiscono subito che il suo è vero talento e la iscrivono a una scuola di danza. Michaela deve affrontare fatiche, delusioni e il razzismo di chi ancora pensa che il mondo non sia pronto per una danzatrice con la pelle nera. Eppure non si è mai arresa. E ora è pronta a raccontare la sua storia ai ragazzi di tutto il mondo. La vita incredibile di una stella in punta di piedi, che con la sua luce ha saputo oscurare gli orrori del mondo e sconfiggere i pregiudizi.

Michaela DePrince
È nata il 6 gennaio 1995 in Sierra Leone ed è rimasta orfana a causa della guerra civile. Prima che una famiglia americana la adottasse il suo nome era Mabinty Bangura. Appassionata di danza fin da bambina, si è diplomata alla scuola Jacqueline Kennedy Onassis dell’American Ballet Theatre di New York. Ora danza per il Dance Theatre of Harlem e fa parte della compagnia junior del National Ballet in Olanda. Ha partecipato a vari programmi televisivi ed è impegnata contro il razzismo nello sport e nella danza. Viaggia tra Amsterdam e New York, dove vive con la sua famiglia.

Elaine DePrince
È la madre adottiva di Michaela e coautrice di questa biografia. Ha scritto anche Cry Bloody Murder: A Tale of Tainted Blood (Random House, 1997). Laureata alla Rutgers University, con una lunga esperienza come insegnante di sostegno, nel 1999, dopo aver cresciuto cinque figli, ha deciso di adottare un bambino proveniente dall’Africa occidentale, devastata dalla guerra. Alla fine si è ritrovata con sei figlie africane. Vive a New York con il marito e le cinque figlie più giovani.

[Anteprima] Storia di un drago e della bambina che gli cambiò la vita di Laurence Yep e Joanne Ryder

Un fantasy dolcissimo narrato da una voce indimenticabile
... quella di un drago ultramillenario!

DeAgostini Libri
Pag. 208 Euro 12,90
dal 17 marzo 2015 in libreria
Narrativa per l’infanzia +10 anni
Da quando Fuffy se n’era andata, avevo preso una decisione: niente più cuccioli. Era stata il miglior animaletto domestico che avessi mai avuto ed ero certa che non ne avrei mai più trovato uno come lei. Sono un drago di tremila anni e per secoli ho allevato cuccioli di umani. Insomma, di queste cose me ne intendo. Ma poi ho visto spuntare il musino di Winnie, e ho capito subito che non era una bambina come le altre. C’era qualcosa di magico in lei, e di incontenibile. Come quello strano quadernetto che portava con sé. Appena Winnie ha iniziato a riempire le pagine bianche, i disegni hanno preso vita e se ne sono andati in giro per la città. Improvvisamente eravamo tutti in pericolo, dovevamo fare qualcosa. È stata un’avventura straordinaria. Ma prima che cominciate a leggerla, lasciatevelo dire: se siete draghi e volete allevare un cucciolo di umano, pensateci due volte! Soprattutto se quel cucciolo si chiama Winnie, parola di Miss Drake.
Laurence Yep è nato nella Chinatown di San Francisco. Ha iniziato da ragazzo a scrivere di fantascienza, a diciotto anni ha pubblicato il suo primo racconto e a ventitrè il suo primo romanzo. Vive, scrive e insegna in California, dove abita con Joanne Ryder, sua moglie.

Joanne Ryder è una pluripremiata autrice di libri per bambini. Prima di scrivere a tempo pieno è stata editor di una rivista letteraria, a New York. Ora vive a San Francisco con Laurence Yep, suo marito.

23 febbraio 2015

[Anteprima] La regina proibita di Anne O'Brien

La storia di una donna appassionata, la vita di una regina indimenticabile: dal 24 febbraio non perdete "La regina proibita", bestseller da oltre 200.000 copie vendute nel mondo. Tra intrighi di corte e passioni tormentate, se non avete perso nemmeno un appuntamento con le fiction storiche dei Tudors e i Borgia e amate tuffarvi nelle più intense rievocazioni storiche, preparatevi per un romanzo che vi conquisterà dalla prima all’ultima pagina. Con la sua scrittura appassionata, Anne O’ Brien evoca colori e costumi dello scenario quattrocentesco, per delineare il ritratto di una personalità affascinante, una donna forte e a tratti moderna: Caterina di Valois. 

Uscita: 24 Febbraio 2015
Pagine: 425 Prezzo: 12,90€
1415. Il gioiello della corona francese, Caterina di Valois, sta aspettando che re Enrico V d'Inghilterra la salvi dalla rovina. Lui, intanto, sta falcidiando la sua gente ad Agincourt e ciò che vuole da Caterina è la sua corona, non certo il suo amore innocente. Per Caterina, l'Inghilterra è un covo di avarizia, ingordigia e diffidenza. E quando si ritrova vedova del re a ventun anni diventa ambito premio per molti. Inizia un gioco politico mortale, in cui la regina vedova dovrà presto imparare a districarsi. I contendenti il Duca di Gloucerster, Edmund Beaufort e Owen Tudor sono già pronti a giocare. Chi riuscirà ad averla? Chi ne causerà la rovina? Ecco la storia di Caterina de Valois.

Anne O'Brien, Dopo aver iniziato la sua carriera come insegnante di storia, ha deciso di realizzare il proprio sogno e dedicarsi esclusivamente alla narrativa. Grazie al suo passato professionale i suoi romanzi sono in grado di dipingere scenari tanto suggestivi quanto accurati. Vive in un cottage del XVIII secolo nella regione delle Marche Gallesi, ricca di spunti di ispirazione per storie ambientate nell'Inghilterra medievale.

[Anteprima] Questo indomito cuore di Pearl S. Buck

La riscoperta del capolavoro letterario e protofemminista degli anni Trenta «Chi è sempre stato libero non può capire il potere, terribile e affascinante, della speranza» Torna in libreria una rarità letteraria che ha commosso generazioni di lettrici e che è diventata simbolo ante-litteram delle istanze femministe. Pearl S. Buck, premio Nobel per la letteratura nel 1938, ha creato, dando vita al conflitto interiore di Susan, un’eroina dei tempi moderni. Dopo La garçonne e La Matriarca continuano le riscoperte e i recuperi letterari di Bittersweet, la collana Sonzogno diretta da Irene Bignardi. Esce il 26 febbraio Questo indomito cuore di Pearl S. Buck (€ 16.00, pp. 336 , traduzione di Laura Lepetit). 


In una piccola e tranquilla città americana, negli anni Trenta, la vita procede senza sbalzi. Le ragazze vanno al circolo a divertirsi, poi si sposano. Le donne sposate stanno a casa a curare i bambini, a cucinare, a tenere in ordine. I mariti lavorano e mantengono la famiglia. Poi c’è Susan Gaylord, giovane, bella, che si distingue dalle altre: non si sa bene perché, tutti dicono che lei è diversa. In effetti ha qualcosa in più: con le sue mani sa impastare una torta deliziosa, sa cucire un vestito elegante, sa suonare il pianoforte con sensibilità. Ma soprattutto ha una passione che è solo sua: ha uno spiccato talento per modellare il marmo, per la scultura. È una vera artista. Questo dono, che fa di lei una donna in anticipo sui tempi, la pone di fronte a un classico dilemma: scegliere tra le gioie della famiglia, a cui non intende in alcun modo rinunciare, e la carriera artistica. Susan però – ecco la sua indomita aspirazione - non vuole essere costretta a scegliere, Susan vuole tenere unito tutto. È con questo spirito che si getterà a capofitto – in una scommessa dall’esito incerto - nei due amori della sua vita: Mark, un modesto agente immobiliare, che le assicura il calore dell’affetto domestico, e Blake, un vulcanico bohémien, che le fa conoscere la passione.

Pearl S. Buck (1892-1973), figlia di missionari presbiteriani americani, trascorse in Cina quasi quarant’anni. Alla vita nel grande paese asiatico è ispirato il romanzo più famoso, La buona terra (1931), che le valse il premio Pulitzer. Scrittrice assai prolifica, fu autrice di oltre ottanta opere tra romanzi, saggi, biografie e racconti. Nel 1938 il Nobel per la letteratura premiò la sua carriera e la sua sensibilità, sospese tra Oriente e Occidente. 

[Segnalazione] Amarsi ancora di Sarah Rabolini

Collana Narrativa
Serie Femminile
Pubblicato a Febbraio 2015
La vita di Giorgia scorre tranquilla e serena. Un lavoro che ama e una relazione stabile con Carlo, fatta di rassicuranti ritualità e una quotidianità che la fanno sentire protetta. Certo non sono sempre rose e fiori tra loro, ma Giorgia sembra aver trovato un equilibro con se stessa, grazie anche alle sue grandi passioni: lo yoga, la meditazione e la biodanza, che le hanno fatto trovare uno spazio prezioso per esprimere la propria spiritualità e diversità rispetto alla meticolosa razionalità di Carlo. Ma è proprio quando tutto fila liscio che la vita riserva le sorprese più inaspettate. Ed è quello che succede a Giorgia quando una sera incontra casualmente Pietro, l'ex che non vedeva ormai da tempo e da cui era stata lasciata all'improvviso. Ora Giorgia non ha scampo. Deve fare i conti con un passato che sperava di aver archiviato, con sensazioni ed emozioni nuove e vecchie che rimettono in discussione certezze faticosamente costruite, ma soprattutto con un Pietro completamente cambiato e un Carlo disposto a tutto pur di non perdere ciò che ama. Non sarà facile per Giorgia venirne a capo, perché, per superare il dubbio, dovrà ripensare all'amore e scoprire quello più autentico per lei e la sua anima.

Sarah Rabolini, nata nel 1972, è laureata in Lettere Moderne presso l’Università Statale di Milano. È iscritta all’ordine dei giornalisti pubblicisti di Milano ed è insegnante in una scuola media di Busto Arsizio. Appassionata di mitologia e poesia, ha pubblicato liriche su Agendario del gruppo ScrittoDonna&C dal 1992 al 1998 e sulla rivista Juvenilia. Nel 1996 ha descritto poeticamente le foto di Giovanni Baldoni e Marco Ferloni nel libro Rwanda e Bosnia. Bambini nella guerra per l’ONG, Coopi-Cooperazione Internazionale.

[Anteprima] Semeru - la Grande Battaglia di Emanuele Petrilli

Editore: Mondadori - Collana Chrysalide
Genere: Fantasy
Data d'uscita: 24 febbraio 2015
Prezzo: 4,99€
La razza umana è in pericolo! Un nemico che non dovrebbe esistere compare dal nulla e, in un solo giorno, tutto cambia. Semeru, giovane senza parte fino ad allora, dovrà scoprire come sopravvivere in quel mondo ora sconvolto, destinato ad un futuro diverso e per nessuno, o quasi, prevedibile. Un potere rimasto per secoli nascosto dietro a vecchie storie mostrerà con forza dirompente quella verità che, scambiata per leggenda dal tempo, può trasformare un mondo apparentemente pacifico.

Emanuele Petrilli è nato a Roma nel 1988, dove vive e lavora. Come gli è venuto in mente di raccontare questa storia? Iniziò con un sogno. Ne sognò una piccola parte, ma dal risveglio successivo non è più riuscito ad allontanare questo universo fantastico dalla sua testa. Tornava di tanto in tanto, suggerendo scene e storie. Il tempo passava e lui si era ormai affezionato a questa storia. Un'idea intravista solo con la coda dell'occhio è stata capace di diventare un romanzo. Una storia che, iniziata ad esser scritta ai tempi dell'università, lo ha accompagnato per tanti anni, coinvolgendo la famiglia e diversi amici. Un'avventura che ora, dice l'autore, "spero riesca a far viaggiare con la fantasia ed appassionare tutti quelli che vorranno gettarsi nel suo mondo".