30 giugno 2016

[Rubrica: Hating Books that everyone loves #13] P.S. Ti amo ancora di Jenny Han


Buon pomeriggio cari Lettori! Eccoci ad una nuova puntata della nostra Rubrica che contiene le recensioni più irriverenti e canzonatorie. 
Ebbene si, sono tornata! Sono due mesi che non scrivo recensioni cattivelle e che mi comporto da personcina seria ed educata. Tutto questo non poteva durare troppo e infatti eccomi di ritorno armata di una buona dose di sarcasmo e di tante Gif nonsense!



P.S. Ti amo ancora è il seguito di Tutte le volte che ho scritto ti amo. La storia riprende esattamente dove eravamo rimasti: Lara Jean e Peter stanno facendo i conti con gli inaspettati sentimenti nati dalla loro finta relazione. Intanto Margot è tornata dalla Scozia e Lara Jean è riuscita finalmente a chiarirsi con la sorella. Purtroppo però la relazione con Peter non è tutta rose e fiori, invidie e gelosie mettono Lara Jean alla prova e la portano a rimettere in discussione quello che pensava di provare.

Il primo romanzo di questa duologia mi era piaciuto abbastanza, era una lettura sicuramente molto semplice e senza pretese, ma simpatica e dolce. Purtroppo non posso dire lo stesso del seguito della storia che risulta davvero banale e noioso!


Lara Jean sta iniziando a capire cosa significa essere innamorati, e ben presto si rende conto che l'amore non è sempre tutto bello e positivo, ci sono anche i momenti brutti. La sua relazione con Peter, ancora agli inizi, viene già messa alla prova dall'invidia di chi li circonda che li mette al centro di uno scandalo che per la pudica Lara Jean è un vero colpo al cuore. Come se non bastasse in città torna John, un altro ragazzo a cui Lara Jean scrisse una delle sue famose lettere d'amore. Il suo arrivo porta ulteriore scompiglio nella vita di Lara Jean causandole non pochi dubbi e confusione.

La lettura di questo romanzo mi ha delusa parecchio, la storia raccontata nel primo romanzo era dolce e molto carina nella sua semplicità, invece gli sviluppi sono di una banalità atroce, della serie che in alcuni passaggi mi sarei strappata volentieri i capelli dalla noia!


Lo stile è sempre molto semplice e scorrevole, la narrazione però risulta essere troppo lenta. In tutto il romanzo non succede quasi nulla, assistiamo solo al tira e molla di Lara Jean e Peter e agli scherzetti di dubbio gusto di Genevieve. 
Poi, io ho capito che Lara Jean è giovane e inesperta, ma ragazza mia datti una svegliata! Non si può essere così stupidi ehm ingenui. Questo continuo tira e molla, l'indecisione patologica e la confusione più totale di Lara Jean alla lunga stancano e rendono il romanzo monotono. E' possibile che dopo 200 pagine di dubbi atroci e notti insonni, alla fine ancora non hai capito niente!?


Un po' come era successo leggendo il primo romanzo, la cosa che mi è piaciuta, forse l'unica, è la famiglia di Lara Jean e il modo in cui vengono gestiti i rapporti familiari. I passaggi di cui sono protagonisti sono sicuramente i più realistici e dolci. Per quanto mi riguarda mi sento di bocciare questo romanzo, l'evoluzione della storia è davvero troppo banale e prevedibile e alla fine annoia parecchio. Forse le lettrici più giovani potrebbero apprezzarlo maggiormente, ma io che ormai c'ho un'età no! 

Al prossimo appuntamento con "Hating Books that everyone loves"!

[Anteprime Piemme] La figlia del Faraone di Mesu Andrews - Una bellissima colpa di Rebecca Done - La battaglia ai confini del mondo di Ian Ross - E' una bugia ma ti amo di Erika Favaro - Una famiglia felice di Jean H. Korelitz



Pagine: 456  Prezzo: € 18,50
Data di uscita: 5 Luglio 2016
Ambientato nell’Antico Egitto, un romanzo che mescola verità storica, narrazione biblica e fiction, per restituirci un romanzesco ritratto della figlia del faraone – personaggio che nella Bibbia resta  misterioso –, la donna che raccolse Mosè dalle acque del Nilo, dando inizio alla più straordinaria storia di tutti i tempi. È un giorno caldissimo quello in cui, sulle rive del Nilo, Anippe, figlia del faraone Akhenaton, si accorge in lontananza di un oggetto trascinato dalle correnti. Da quando suo padre è morto, e suo fratello Tutankhamen è salito al trono, la ragazza è stata data in sposa a Sebak, uno dei capitani dell’esercito del faraone. Non ancora madre, e col terrore di perdere la vita dando alla luce un figlio, Anippe si rende conto che l’oggetto regalatole dalle acque è un cesto, e che dentro c’è un neonato: senza pensarci due volte, decide di prendere il bambino con sé, e di spacciarlo per il figlio che suo marito vorrebbe da lei. Ma Anippe sa che la sua decisione avrà delle conseguenze: quel bambino è ebreo, figlio di una schiava, affidato al fiume perché possa sfuggire alla persecuzione contro la sua religione, voluta dal faraone stesso. Così, l’uomo che per il suo popolo sarà Mosè, crescerà col nome di Mehy alla corte dei faraoni, come un principe. Mentre Anippe tesserà una tela sempre più grande di inganni e bugie per proteggere quello che per lei è più di un figlio.
Mesu Andrews, autrice americana di romanzi storici a sfondo biblico, ha un seguito crescente negli Stati Uniti. È stato leggendo la Bibbia alle sue bambine per addormentarle che Mesu ha scoperto la sua passione per quelle storie e quelle atmosfere, unita all’amore per la ricerca storica. La figlia del faraone è il primo di una serie ambientata nell’Egitto di Mosè.
Pagine: 432  Prezzo: € 19,00
Data di uscita: 12 Luglio 2016
Jessica Hart non ha mai dimenticato Matthew Landley. Dopo tutto, è stato il suo primo amore, quando lei aveva appena quindici anni. Ma lui, trentenne bello e misterioso, aveva la colpa di essere anche il suo professore di matematica. E il loro amore era inesorabilmente finito in tragedia, con una condanna per lui e la macchia dello scandalo per lei. Ora, molti anni dopo, Jessica si è costruita la sua vita e, a quanto pare, lo ha fatto anche Matthew. O almeno così sembra quando ritorna nel Norfolk, con una nuova identità, insieme a una moglie e una bambina che non sanno nulla del suo passato. E quando Jessica se lo ritrova sulla soglia di casa, l’intreccio di emozioni è schiacciante: sorpresa, senso di colpa, attrazione, paura. Cosa vuole da lei Matthew? Come può ancora volerla dopo tutto ciò che ha subito a causa sua? Ma è chiaro che il loro vecchio amore è ancora lì, ad attrarli irresistibilmente, anche se Jessica sa che dovrebbe solo star lontana da un uomo che ormai non conosce più. E che forse non ha mai conosciuto davvero. Perché, la notte che segnò la fine della loro storia, accadde dell’altro. Qualcosa che soltanto loro due possono sapere.
Rebecca Done vive a Norwich. Dopo aver studiato Scrittura creativa alla Norwich School of Art and Design, ha lavorato come editor in diverse riviste. Questo è il suo esordio, pubblicato in Germania, Francia, Olanda, Brasile e Serbia.

[Recensione] Mare Nero (Commissario Lolita Lobosco #6) di Gabriella Genisi


Buona Giornata #FeniLettori, oggi una recensione Murder Mistery (si ultimamente ci sto prendendo gusto)! La nostra protagonista di oggi è Lolita Lobosco la più bella e intelligente detective di Bari! La cosa ormai è risaputa amo il modo di scrivere di Gabriella Genisi ed è una delle mie gialliste preferite degli ultimi tempi.

Mare Nero è la sesta indagine del nostro commissario, ogni episodio è a sè e ha una sua storia e un suo epilogo, quindi potete tranquillamente leggere un libro senza leggerne un altro (tranne le storie d'amore della stessa Lolita, ahah)!

La storia è incentrata proprio sul titolo Mare Nero (Mare sporco). In un giorno qualunque vengono ritrovati i corpi di due giovani che si erano immersi per una giornata di svago e tranquillità, per vedere i relitti e assaporare il mare ma la sorte ha deciso per loro diversamente. La prima parte del racconto è incentrata fondamentalmente sulla loro morte, le sensazioni, le loro vite, il dolore e la scoperta di un manoscritto intitolato proprio Mare Nero dove sono state racchiuse notizie fondamentali su tutte le navi affondate con sostanze inquinanti nel mare vicino le coste di Bari. In queste ultime pagine troviamo molte nozioni tecniche e approfondimenti riguardanti, navi, sostanze e incartamenti.

Come sempre l'autrice ci stupisce con la sua scrittura caratteristica, particolare e eccentrica tipica di Bari. Lolita non è sicuramente una donna che sa stare al suo posto ma una donna in carriera, piena di vigore e aspettative anche per i suoi quarant'anni (si perchè compie gli anni proprio in questo libro).  In gamba com'è riuscirebbe a tenere a bada cento uomini e in effetti le sue storie d'amore sono un pò una catastrofe! Ribelle, spuntata non riesce a tenere a freno la lingua e la sua supremazia soprattutto nel campo affettivo, dove dovrebbe essere più docile e conciliante.
I personaggi come sempre sono ben descritti e molti li ritroviamo, la madre, la sorella, la sua amica Marietta, sempre colma di problemi e con due piedi in una scarpa. La sua gioia di vivere però è unica e il suo modo di prendere la nostra Lolita è adorabile.

Ancora una volta Gabriella ci riconferma la sua bravura in questa storia piena di colpi di scena, azione e dinamismo. Due storie in una che si confondono e uniscono, rendendo il romanzo perfetto!

Nelle città senza mare chissà dove va la gente a far riposare i propri pensieri. Me lo sono sempre chiesto.


Commissario Lolita Lobosco series

29 giugno 2016

[Recensione] Ogni cosa è per te di Ronald H. Balson


Buona giornata cari Lettori! Oggi parliamo di un romanzo meraviglioso e molto attuale...

Ogni cosa è per te 
è il nuovo romanzo di Ronald Balson, già autore di Volevo solo averti accanto, romanzo che ho amato. Nella sua nuova storia l'autore si concentra su un altro aspetto della storia del mondo, stavolta ambientato ai giorni nostri. Jack Sommers è un uomo disperato, dopo aver perso la giovane moglie a causa di una brutta malattia, anche la sua bambina, Sophie, le è stata portata via, rapita dai nonni e portata a Hebron in Palestina. Sophie è il frutto di un amore impossibile, quello tra Jack, ebreo, e Alina, palestinese. Adesso Jack è disposto a tutto pur di riavere indietro Sophie, anche a diventare un criminale e a rischiare la sua stessa vita. Incastrato in un gioco pericoloso, Jack troverà aiuto in Liam Taggart e Catherine Lockhart, investigatore privato e avvocato che abbiamo già conosciuto nel precedente romanzo, che prenderanno a cuore la vicenda e lo aiuteranno a portare Sophie a casa...

Ho amato il precedente romanzo di Balson e lo stesso mi è successo con il suo nuovo romanzo, questo libro mi ha letteralmente travolta!
La storia è narrata da vari punti di vista ed è incentrata sul rapimento di Sophie da parte dei nonni materni, palestinesi che vivono a Hebron. Jack è un uomo distrutto e ormai è disposto ad ogni compromesso pur di riavere la piccola Sophie. Dietro il rapimento di Sophie però si nasconde molto di più, un crimine più grande che conduce nella lontana Palestina dove il rancore e la rabbia verso il popolo ebreo stanno per arrivare ad un doloroso epilogo.

Ancora una volta Balson prende un tema sociale di grande spessore e lo inserisce in una storia in cui thriller, misteri e dettagli storici vanno a incrociarsi creando un romanzo imperdibile!
Lo stile di Balson mi piace tantissimo, è ricco di descrizioni, elegante e scorrevole ma mai noioso o banale. La narrazione ha un ritmo adrenalinico che non lascia respiro. Gli eventi si susseguono uno dietro l'altro e la storia è ricca di colpi di scena.

Credo che la parte più interessante del romanzo sia il modo in cui viene trattata la questione israelo-palestinese. La storia ruota tutta attorno a questo problema che da anni ormai è rimasto senza soluzione. Il romanzo è ricco di informazioni riguardanti questa questione, è evidente il lavoro di ricerca accurata dell'autore. Ho trovato molto interessanti gli approfondimenti relativi alla Palestina, tutta la parte della storia ambientata in questa terra così bella ma allo stesso tempo tanto difficile da comprendere, è profondamente intrigante e ben scritta.

Le interazioni tra i personaggi ed essi stessi sono perfetti in ogni particolare. Ho trovato bellissima la descrizione del rapporto tanto inusuale tra Jack e Alina, un ebreo e una palestinese, un'amore proibito che trova comunque la forza di nascere e crescere sempre più. Sophie è il frutto di questo amore e Jack è disposto a tutto pur di riabbracciarla. Il rapporto familiare e lo stesso rapporto padre-figlia sono una parte essenziale del romanzo che risulta estremamente emozionante e realistico.

La questione palestinese, il rapimento di un'innocente, attacchi terroristici e il viaggio in una terra fatta di una cultura che probabilmente non arriveremo mai a comprendere davvero, sono gli ingredienti di questa storia che vi assicuro vi catturerà completamente! Bellissimo il messaggio che questa storia trasmette: alla fine, nonostante tutto il dolore, l'odio e il rancore possibili, il razzismo non vincerà mai, non deve vincere, perchè anche se diversi fondamentalmente siamo tutti uguali, siamo tutti fatti della stessa pasta. Buona lettura!

"Brave persone che hanno il coraggio di accettare la gente e amarla per quello che è, senza ascoltare cosa dicono gli altri. Il razzismo non vincerà mai, alla fine. E' spacciato in ogni caso, perchè l'amore è più forte dell'odio."

[Recensione] L'inaspettata eredità dell'ispettore di Chopra (Baby Ganesh Agency Investigation #1) Vaseem Khan


Buona Giornata #FeniLettori, il caldo è giunto nelle nostre terre! Oggi parliamo di un libro particolare, e andiamo in India, terra di spezie e sapori intensi.

L'inaspettata eredità dell'Ispettore Chopra è stata una scoperta. Un giallo scritto in maniera precisa, puntigliosa e scorrevole. Tutto gira intorno all'ispettore Chopra e al suo carismatico carattere. |Immagino già la sua stazza, la sua bellezza indiana e i suoi baffetti all'insù.| Da come avrete capito me ne sono innamorata, ma non innamorata per la sua bellezza ma per il suo carattere, per come è rappresentato nel libro e per la descrizione che lo scrittore usa. L'ispettore Chopra non è propriamente un dongiovanni e nemmeno giovane ma l'inaspettata prorompenza lascia semplicemente ammaliati.

Il caso è perfetto, accurato e ben descritto. La storia intrigante e spazia dall'ambientazione povera e disadattata dell'India alla bellezza sovra-umana che ella ha anche nella più nera miseria.

Il giorno in cui Chopra è costretto ad andare in pensione per colpa del suo cuore malato, eredita due misteri del tutto inaspettati. Il primo è il caso di un ragazzo annegato, una morte avvenuta in circostanze sospette che nessuno sembra voler chiarire. Il secondo riguarda l’affidamento di un cucciolo di elefante, ma è davvero difficile scoprire chi possa avergli lasciato un’eredità tanto bizzarra e… ingombrante!

Tutto sembra confluire in modo negativo verso il nostro ispettore che saprà destreggiarsi molto bene, fra moglie, suocera arpia e un elefante da poco giunto, ingombrante ma dai strani poteri. Tutto ruota attorno a una città meravigliosa, con descrizioni accurate e colorate proprio come è l'India, dai toni accesi, importanti, dalle case sovrapposte, dall'enorme ammasso di gente, dalla povertà, dai sapori, dagli odori che solo in questa terra possono ritrovarsi, qualcosa che anche nella sua infinita semplicità affascina.
Oltre all'ambientazione, una storia e un caso ben descritti, vi sono dei personaggi particolari, strambi e per certi versi inimitabili, nessun belloccio ma articolati e raccontati in maniera approfondita, lasciando l'immaginazione ben viva. Chopra ama la moglie Poppy che è il suo punto fermo e nonostante tutto la venera come tanti anni fa, le dona parola confortanti e sa come renderla felice. Poppy a sua volta è una donna fragile che deve affrontare i problemi di ogni donna tra cui la sterilità e il non avere un figlio ma Chopra questo non glielo fa pesare minimamente anche se in cuore suo qualcosa erode il suo animo. 

L'elefantino Ganesh è un elemento in più che dona vitalità e una ventata di freschezza alla storia differenziandola dalle solite noiose indagini. 

Una storia bella, un' indagine complicata ma per l'ispettore Chopra nulla è irrisolvibile. Con la sua bravura e il suo intuito riuscirà finalmente a sgominare tutti i malfattori! 


28 giugno 2016

[Speciale] Summer Book Limited Edition!


Buongiorno #FeniLettori! Siamo nel pieno dell'estate e io voglio proporvi una selezione di libri da leggere sotto l'ombrellone! Per le vostre vacanze e per i vostri viaggi. Libri freschi, leggeri e soprattutto belli! Iniziamo...



I fiori sono sbocciati nella cittadina portuale di Saint Felix, in Cornovaglia. Ma l’umore di Poppy Carmichael non è per nulla sollevato dall’arrivo della primavera. Dopo avere ereditato il negozio di fiori della nonna, è stata costretta a ritornare a Saint Felix, un luogo che per lei è carico di troppi ricordi. Poppy ha intenzione di fare del suo meglio per la nonna, che adorava, ma non è facile portare avanti un negozio che è “più shabby che chic”. Ulteriore complicazione: il difficile rapporto con Jake, un uomo riservato, ma cordiale e affascinante, da cui Poppy acquista i fiori. Insomma, la tentazione di mollare tutto è grande, ma la graziosa cittadina ha in serbo per lei un paio di sorprese. Chissà che non accada qualcosa che la porti ad aprire il suo cuore e lasciarsi avvolgere dalla magia di un piccolo negozio di fiori in riva al mare!


Amory Clay nasce il 7 marzo 1908 a Londra da Beverley e Wilfreda Clay. Nell’Inghilterra del tempo è usuale dare ai figli maschi nomi androgini, come appunto Beverley o Evelyn, Hilary, Vivian. Amory è un nome che appartiene alla medesima specie, solo che Amory Clay è una bambina, chiamata così, con disappunto della madre Wilfreda, da Beverley Clay, il padre, un eccentrico uomo di lettere, autore di racconti di argomento soprannaturale e romanziere fallito. Un uomo volubile ma brillante, prima che la Grande Guerra lo faccia uscire di senno. Amory cresce, diligentemente intenta agli studi. È il sodalizio con un altro eccentrico di famiglia, lo zio Greville Reade-Hill, ex ricognitore nei Royal Flying Corps, diventato una leggenda per essere uscito indenne da ben quattro schianti aerei, a segnare il suo destino. Trasformatosi, dopo il quinto incidente aereo, in «fotografo del bel mondo», Greville le regala il giorno del suo settimo compleanno una Kodak Brownie No. 2. Catturare le immagini e immobilizzarle per l’eternità, grazie alle facoltà prodigiose della sua macchina fotografica, diviene da allora la passione di Amory. Una passione che la conduce, giovane donna, nella Berlino della fine degli anni Venti per restituire all’eternità dei suoi scatti la licenziosa atmosfera dei club popolati di lesbiche vestite da marinai e di pingui uomini brizzolati in compagnia di giovani marinaretti. Da quel momento in poi, la promettente fotografa si muta in una preziosa testimone per immagini delle svolte fondamentali del secolo. Diventa reporter di Global-Photo-Watch, la prestigiosa rivista americana diretta da Cleveland Finzi; è a Londra durante le manifestazioni delle camicie nere di Mosley; è nella Parigi del 1944, una città appena liberata dalle truppe naziste e, dunque, dall’atmosfera inebriante; in compagnia della Settima Armata americana dislocata sulla catena dei Vosgi, durante gli ultimi fuochi del conflitto mondiale; a Saigon alla fine degli anni Sessanta, tra reporter pazzoidi, eccentrici, amanti della guerra. Una vita avventurosa costellata di sogni, passioni e amori: da Cleve Finzi, l’editor dal corpo snello e muscoloso sotto abiti raffinati, a Jean-Baptiste Charbonneau, lo scrittore dall’aria scanzonata, a Sholto Farr, il soldato dagli occhi celesti. Una vita in cui l’eternità dell’arte si scontrerà inevitabilmente con la caducità dell’esistenza.


In una giornata di metà settembre, al largo di Bari, il mare restituisce i corpi di due giovani, da poco fidanzati. Insieme ad altri amici, approfittando del clima invitante, erano usciti per una gita in barca e per delle immersioni subacquee nei pressi di un relitto, ma l'allegra escursione si è trasformata in tragedia. Sembra il tipico incidente, dovuto all'imprudenza o alla fatalità. Eppure qualche indizio non quadra e, quando arrivano i risultati dell'autopsia, tutto un altro scenario prende forma. Qualcuno ha voluto uccidere. Ma perché? Toccherà al commissario Lolita Lobosco, animata, come sempre, da un'inesausta passione per la giustizia (oltre che per la buona cucina e i tacchi a spillo), indagare su questo caso. La ricerca della verità si rivelerà particolarmente difficile, tanto più che le acque dell'Adriatico nascondono misteri che in troppi hanno interesse a non far venire a galla. E, come se non bastasse, perfino il questore, attento a non pestare i piedi ai potenti di turno, metterà i bastoni tra le ruote. Ma la bella Lolita, grazie all'aiuto dei suoi fidi collaboratori Esposito e Forte, del sorprendente medico legale Franco Introna e, perché no, di un imprevisto nuovo amore, riuscirà a mettere insieme i pezzi di un inquietante rompicapo. Senza esitare a tuffarsi, letteralmente, nelle gelide profondità del suo mare.




Emma De Tessent. Eterna stagista, trentenne, carina, di buona famiglia, brillante negli studi, salda nei valori (quasi sempre). Residenza: Roma. Per il momento - ma solo per il momento - insieme alla madre. Sogni proibiti: il villino con il glicine dove si rifugia quando si sente giù. Un uomo che probabilmente esiste solo nei romanzi regency di cui va matta. Un contratto a tempo indeterminato. A salvarla dallo stereotipo dell'odierna zitella, solo l'allergia ai gatti. Il giorno in cui la società di produzione cinematografica per cui lavora non le rinnova il contratto, Emma si sente davvero come una delle eroine romantiche dei suoi romanzi: sola, a lottare contro la sorte avversa e la fine del mondo. Avvilita e depressa, dopo una serie di colloqui di lavoro fallimentari trova rifugio in un negozio di vestiti per bambini, dove viene presa come assistente. E così tutto cambia. Ma proprio quando si convince che la tempesta si sia finalmente allontanata, il passato torna a bussare alla sua porta: il mondo del cinema rivuole lei, la tenace stagista. Deve tornare a inseguire il suo sogno oppure restare dov'è? E perché il famoso scrittore che Emma aveva a lungo cercato di convincere a cederle i diritti di trasposizione cinematografica del suo romanzo si è infine deciso a farlo? E cosa vuole da lei quell'affascinante produttore che continua a ronzare intorno al negozio dove lavora?


A diciotto anni che cos'è la vita se non un'incredibile avventura? E cosa c'è di più esaltante che viverla in due, innamorati, pronti a condividere emozioni, gioie e dolori per l'eternità? Erano questi gli ingenui pensieri con cui la giovane Brittany Forrest si apprestava a sposare Zachary Flynn, il seducente cattivo ragazzo capace di farla volare senza bisogno di ali. Ma le promesse nuziali non reggevano l'impatto con la realtà e dopo dieci giorni, turbolenti e tempestosi come è spesso il clima a Puffin Island, di quell'amore non rimaneva che un ricordo. Gli anni sono passati, Brittany ha placato la sua sete di avventura girando il mondo tra polvere e scavi archeologici, continuando a conservare un legame con l'isola al largo della costa del Maine. Nel cottage lasciatole dalla nonna a Puffin Island sa di poter sempre trovare un rifugio, un'oasi di serenità in ogni momento. E quando quel momento arriva, Brittany è sorpresa di scoprire che il suo ex marito ha fatto una scelta analoga. Rivederlo riapre vecchie ferite e alimenta scintille mai spente. Perché Zach è ancora capace di turbarla con una parola, un gesto, uno sguardo. Ora che entrambi sono più sàggi e disincantati, forse troveranno il modo di proteggere e far crescere quella meravigliosa alchimia che li lega. Perché la seconda volta sia per sempre.


È l'estate del 1937 e la famiglia Cazalet si appresta a riunirsi nella dimora di campagna per trascorrervi le vacanze. È un mondo dalle atmosfere d'altri tempi, quello dei Cazalet, dove tutto avviene secondo rituali precisi e codici che il tempo ha reso immutabili, dove i domestici servono il tè a letto al mattino, e a cena si va in abito da sera. Ma sotto la rigida morale vittoriana, incarnata appieno dai due capostipiti affettuosamente soprannominati il Generale e la Duchessa, si avverte che qualcosa sta cominciando a cambiare. Ed ecco svelata, come attraverso un microscopio, la verità sulle dinamiche di coppia fra i figli e le relative consorti. L'affascinante Edward si concede svariate amanti mentre la moglie Villy si lacera nel sospetto e nella noia; Hugh, che porta ancora i segni della grande guerra, forma con la moglie Sybil una coppia perfetta, salvo il fatto che non abbiano idea l'uno dei desideri dell'altra; Rupert, pittore mancato e vedovo, si è risposato con Zoe, un'attrice bellissima e frivola che fatica a calarsi nei panni della madre di famiglia; infine Rachel, devota alla cura dei genitori, che non si è mai sposata per un motivo ben preciso. E poi ci sono i nipoti, descritti mirabilmente nei loro giochi, nelle loro gelosie e nei loro sogni, in modo sottile e mai condiscendente, dalle ingenuità infantili alle inquietudini adolescenziali. Ma c'è anche il mondo fuori...



È un po' di tempo che le cose per Wiebke non vanno per il verso giusto. Non ha passato uno degli esami più importanti del suo corso di laurea in biologia, ha lasciato il fidanzato che la tradiva, e la sua migliore amica passerà delle romantiche vacanze con il nuovo amore, lasciandola sola in città per tutta l'estate: una prospettiva davvero sconfortante. Chissà se la zia Larissa vorrà ospitarla per un paio di settimane nella sua casa in campagna sulle sponde del lago di Müritz? Da sempre un mito per Wiebke, Larissa è single, indipendente e creativa; è fuggita dalla città dopo aver tagliato i ponti con la famiglia in maniera turbolenta. Wiebke non conosce il segreto che sta dietro a questa decisione: sa solo che dodici anni prima Larissa ha perso in modo tragico il suo grande amore, e da quel momento si è rifugiata in campagna, dove dipinge magnifiche scarpe da sposa e coltiva more, circondata dai suoi animali. L'arrivo di Wiebke, con la sua vitalità e il suo affetto, crea scompiglio nella vita di Larissa e del piccolo paesino in cui vive, mettendo alle strette la zia: è giunto il momento di imprimere una svolta alla sua esistenza, complice anche il nuovo, misterioso vicino di casa... Ma riusciranno le due donne a reagire agli imprevisti che ogni trasformazione porta con sé?


Quando Ally, professoressa all'università e single di fatto, invita a cena la figlia Lizzie e il suo "amico speciale" Noah, tutto può immaginare fuorché di trovarsi di fronte il ragazzo per il quale, dieci anni prima, rischiò di perdere il lavoro e la testa. Perché Noah un tempo era Jake, alias "l'allievo carino dell'ultimo anno", lo stesso che scriveva tesine smodatamente lunghe (e fuori tema) per attirare l'attenzione della sua giovane prof... Lo stesso che - tutto muscoli, sorriso e cacciavite in mano - si offrì di aiutarla nei lavoretti domestici e finì per regalarle molto di più: i due giorni più travolgenti, trasgressivi e indimenticabili della sua vita. Adesso, in grembiule da cucina e con la teglia fumante in mano, Ally non sa se ridere o piangere mentre il suo sguardo incrocia quello torbido e tenero di uno smagrito, più maturo, ma ancora bellissimo Noah/Jake. Da quel lontano week-end di passione, Ally non ha mai smesso di custodire il ricordo di Jake liquidato lunedì all'alba con malcelato rimpianto e una frettolosa bugia. L'antica trappola di seduzione ora potrebbe scattare di nuovo. Ma la situazione, se possibile, è ancora più complicata di allora...


Cristina Chiperi, Ilaria Soragni, Valentina F., Daniela Azzone: quattro penne al femminile, quattro storie per l'estate, infinite sfumature di rosa... Cris, la protagonista di MDIY, è in vacanza a Honolulu, la perla delle Hawaii, talmente ricca di bellezze che una settimana sembra non bastarle per vedere tutto. Ma non saranno solo la natura incontaminata, i tramonti e un mare cristallino a rapire il suo cuore... Ritroviamo i protagonisti di Mess in fuga dal riformatorio del Maryland in cui erano internati. Niall e i suoi compagni sono disposti a tutto pur di lasciare quell'inferno e ricominciare da capo. Ma la strada per la libertà nasconde più insidie del previsto... Caterina ha una passione che le accende la vita: ama fare cocktail ed è talmente brava che ne inventa di suoi. Lavora in un locale a Roma e una sera d'estate è costretta a chiudere per un ritardo del titolare. La saracinesca scende e lei rimarrà dentro, imprigionata nei suoi ricordi senza sapere che qualcun altro sarà vicino a lei... Sofia è una giovane modella che si divide tra il lavoro, lo studio e le questioni di cuore. E poi ci sono le sue amiche, Daniela e Olly, anche loro modelle, ad aggiungere divertimento alla sua vita. Ma ora è il momento di dare il meglio di sé: c'è la settimana di Milano vende Moda...


Il Salone dell'Amore di Visby non è solo un luogo dove si tagliano i capelli. La proprietaria, Angelika, e il suo assistente, Ricky, non fissano mai un appuntamento a caso. Sono già riusciti a far innamorare ben ventisei coppie in sette anni, basandosi sulle combinazioni delle tipologie che hanno stabilito e annotato sul loro taccuino. Un vero record, che però deve rimanere segreto, altrimenti come farebbero i clienti a rimanere vittime dei loro piccoli trucchi? Un giorno, mentre Angelika è impegnata a incastrare gli appuntamenti nel modo migliore, Ricky le chiede perché non sia sposata. Angelika gli svela che è vedova e che non si sente pronta a iniziare una nuova storia. Secondo Ricky, invece, ha solo bisogno di una mano, proprio come i suoi clienti. Un romanzo pieno di humour e ironia nei confronti dell'amore e della bellezza, che spesso incontriamo, ma che a volte non siamo in grado di riconoscere. Eppure basta prendere appuntamento per un taglio e una piega con la Dea dell'Amore per aprirci gli occhi...

27 giugno 2016

[Anteprime Bao Publishing] Basilicò di Giulio Macaione - Come quando eravamo piccoli di Jacopo Paliaga e French Carlomagno

Maria, palermitana e madre di famiglia di ben cinque figli, è una matriarca che nasconde più di un segreto, tra cui il più importante: quello della sua cucina.
Pagine: 152 Cartaceo: 15,00€
Editore: Bao Publishing
Uscita: 29 Giugno 2016
Basilicò, il nuovo graphic novel di Giulio Macaione.

Un affresco familiare raccontato dal punto di vista dei figli di una matriarca siciliana, costruito intorno alle ricette di famiglia, che intervallano i capitoli e si possono copiare e cucinare veramente: parmigiana di melanzane, pesto alla genovese, cuscus trapanese, salsa di pomodoro, pizza margherita e caponata.


Lampi di flashback color seppia punteggiano il bianco e nero della narrazione, disegnando una Sicilia per sempre sospesa tra antico e moderno, bellissima e dolorosa, che Giulio Macaione racconta splendidamente. 


Giulio Macaione (nato a Catania nel 1983) è cresciuto a Palermo ma vive a Bologna, dove si è diplomato all’Accademia di Belle Arti. Debutta nel 2005 con il corto Mortén, vincitore del concorso “Otto tavole per Mondo Naif” indetto da Kappa Edizioni. Sempre con Kappa, pubblica i romanzi grafici The Fag Hag e Innamorarsi a Milano, entrambi su testi di Massimiliano De Giovanni. Con Comma 22 pubblica Ofelia, tradotto anche in Francia da Edition Physalis. Con Renbooks pubblica I colori del vicino. Attualmente sta lavorando al suo prossimo fumetto Alice from dream to dream, ambientato negli Stati Uniti, dove ha vissuto per un periodo.
Il graphic novel d'esordio dei talentuosi Paliaga e Carlomagno nella collana BAO Publishing "Le città viste dall'alto", una commedia romantica che racconta la storia di Pietro, brillante autore televisivo, che da Hollywood torna in Italia per dimenticare un amore finito e troverà invece la risposta alla propria stessa inconcludenza.
Pagine: 124 Cartaceo: 16,00€
Editore: Bao Publishing
Uscita: 19 Maggio 2016
Scrivere le vite degli altri è infinitamente più facile che vivere serenamente la propria, e a volte il blocco dello scrittore è la cosa migliore che può succedere a un uomo che ha bisogno di ricominciare a vivere.

Il primo graphic novel di Jacopo Paliaga e French Carlomagno. Una storia tenera, intelligente, scritta in punta di penna e illustrata con una regia sapiente. Pietro è un italiano che ha fatto fortuna in America. Creatore di una serie TV di successo, era fidanzato con l'attrice protagonista, finché lei non l'ha lasciato per un collega del cast. Così Pietro, spiazzato e con la sensazione di aver perso non solo il controllo della serie che ha creato, ma anche della propria vita, torna in Italia, a casa della sorella, e mentre cerca se stesso conosce qualcuno. Ma lasciarsi andare e accettare di essere cambiato gli risulterà tanto difficile da rischiare di incasinare irrimediabilmente questa nuova, imprevista e imprevedibile sceneggiatura.
Jacopo Paliaga è nato a Trieste nel 1990. Studia sceneggiatura alla Scuola Internazionale di Comics di Padova, e poco dopo la fine delle lezioni crea la serie Aqualung insieme a French Carlomagno. Come quando eravamo piccoli è il suo primo romanzo grafico. Ha un piccolo cane di nome Spritz che diventa Spritz Aperol da venerdì a domenica.

French Carlomagno è nato a Torino nel 1986. Frequenta il corso di illustrazione allo IED e inizia a lavorare sia come illustratore sia come visualizer e storyboardista presso Armando Testa. Crea, insieme a Jacopo Paliaga, il webcomic Aqualung. Come quando eravamo piccoli è il suo primo romanzo grafico. È abbastanza fiero della sua barba.

[Anteprime Dunwich Edizioni] Midnight sun di Charlotte Raine - Oltre il nero dell'anima di David Falchi


Pagine: 200  Prezzo: € 2,99
Data di uscita: 28 Giugno 2016

Wyatt, in Alaska, è una cittadina di rara bellezza, tranquilla… e teatro di inspiegabili tragedie. Due
anni dopo che Aaron Grant ha perso la sua famiglia in un incendio, Sarah, una delle migliori amiche della figlia, viene rapita. Ormai vittima dell’alcolismo, suo malgrado viene incaricato di investigare sul rapimento insieme all’ambiziosa agente dell’FBI Teresa Daniels. Il caso non sarà affatto semplice e l’intera Wyatt correrà il rischio di essere distrutta. In Alaska, il sole non tramonta mai d’estate, ma la luce crea le ombre… e tra le ombre qualunque cosa può strisciare e uccidere.
Charlotte Raine è l’autrice di diversi libri di suspense con altri in via di pubblicazione. Ha lavorato nel settore del marketing per quindici anni prima di concentrarsi sulla sua vera passione: raccontare storie. Charlotte trova ispirazione per i suoi scritti nelle pittoresche ma serene montagne che circondano la sua casa a Vail, in Colorado. Quando non sta scrivendo, potete trovarla dopo una lunga giornata passata a sciare in uno dei rifugi di Vail. Quasi sicuramente sarà seduta vicino al fuoco, bevendo un bicchiere di vino e raccontando storie.

Pagine: 230  Prezzo: € 2,99
Data di uscita: 28 Giugno 2016

Questa volta ho rischiato davvero di sparire nel nulla. Tutto è cominciato quando mi sono trovato a indagare sul caso di possessione di Lucy Spencer, moglie del famoso comico – famoso almeno per il resto del mondo – Dwight Spencer. Che fosse un’indagine fuori dal comune l’ho pensato non appena ho messo piede nella tenuta romana dell’attore, ma mai avrei pensato che per provare a uscirne vivo avrei dovuto evocare io stesso una creatura infernale e fare i conti con uno spirito insinuatosi in casa mia. E no, non sto parlando di Lerner. Mai avrei pensato di essere trasportato fino alle Cascate della Dissoluzione… e di non fare più ritorno.
David Falchi nasce a Perugia nel 1974. Si trasferisce a Roma per studiare Economia e Commercio e rimane nella Capitale anche dopo la laurea. Ha già pubblicato per la Dunwich Edizioni il romanzo Nero Eterno, la prima opera con protagonista l’esperto del sovrannaturale Marcello Kiesel e ha partecipato alla serie Moon Witch con l’episodio Il Ritorno di Rebecca.