26 marzo 2017

[Rubrica] Songs of the Week #30


Buona domenica cari Lettori e benvenuti al trentesimo appuntamento con la nostra rubrica dedicata interamente alla musica! 

Dopo aver latitato lo scorso weekend, questa settimana invece riprendiamo con due pezzi molto recenti che ci ascoltiamo insieme: Il conforto di Tiziano Ferro e Carmen Consoli e Cold dei Maroon 5.


Anche per questa domenica è tutto. Fatemi sapere quali sono le canzoni che avete ascoltato di più! Alla prossima! 

25 marzo 2017

[Recensione] Ricomincia da qui di Ste Tirasso


Oggi doppia recensione per noi. Altra Graphic Novel che mi è arrivata un pò di tempo fa. 

Ricomincia da qui
è il fumetto illustrato da Ste Tirasso, un giovanissimo autore, bravissimo nell'arte del disegno. Molto particolari i volti dei personaggi che si caratterizzano man mano.

Sembra quasi un sogno dai colori tenui, sempre spenti e mai forti. Questa è la storia di due amici, Samuele e Franz che dovranno tornare alle origini per ritrovare se stessi. Un amicizia che è perpetuata nel tempo con i loro caratteri diversi e i loro sogni non realizzati.
Emozioni che si toccano con mano e si assaporano attraverso i disegni che ci raccontano la vita dei due protagonisti, si aggiungono altri volti e altre storie che vanno a chiudere le loro vite. Sogni che si fondono, caratteri che scorrono a volta tirati con una semplicità disarmante.

La città che andiamo a visitare stavolta è Genova, sotto un ulteriore e variegato punto di vista. Andiamo a sondare il territorio e ad ammirare la bellezza della città.

In un connubbio di emozioni e sensazioni, insieme all'autore ricerchiamo la strada per i sogni.


[Recensione] Louis e i suoi fantasmi di Fanny Britt, illustrato da Isabelle Arsenault


Buon Sabato miei cari #FeniLettori! Sono satura di impegni e cose da fare. Ma non temete la vostra Fenice priuscirà a venirne a capo! AHAH 😝

Oggi parliamo di una bellissima Graphic Novel che mi è arrivata solo ieri. L'ho letta in un soffio e devo dire che è meravigliosa, delicata e surreale.

Louis e i suoi fantasmi è scritto da Fanny Britt e illustrato da Isabelle Arsenault, una grandissima illustratrice per bambini. Queste due menti hanno già collaborato insieme con Jane, la volpe e io con una veste grafica molto simile a questa.

La storia è quella di Louis, come da titolo, che ripercorre la sua vita e i suoi vizi, uno al di sopra di tutti è la dipendenza dall'alcool. La sua sofferenza è ben visibile nella pagine che scorrono in una malinconica estate dove un uomo cerca di sopravvivere alla vita, dei bambini cercano di osservare la vita da un punto di vista positivo e una moglie con mille paure che cerca di tornare sui suoi passi sperando che suo marito possa cambiare.
Piccoli gesti, piccoli movimenti e attenzioni che si svelano lentamente e si scoprono attraverso i sorprendenti disegni di questa illustratrice. Parole che rimangono nell'aria e volano cercando di trovare la strada, come Louis che cerca di sconfiggere il suo demone, come un adolescente che cerca disperatamente la sua famiglia e cerca di superare le sue paure. 

Vari punti di vista in una famiglia divisa, dove la vita scorre troppo velocemente in ricordi persi ormai da tempo. Una vita che può essere ricostruita se si ha la forza di scacciare le paure più profonde quelle che ogni giorno assillano l'animo umano.

Una storia emozionante e malinconica.


24 marzo 2017

[Recensione] Romanzo siciliano di Ann Radcliffe


Buona giornata cari Lettori e buon quasi fine settimana! Oggi torniamo a parlare di classici con uno dei miei ultimi acquisti.

Romanzo siciliano è il primo romanzo che leggo della Radcliffe, autrice simbolo del romanzo gotico inglese. La storia è ambientata, come si evince anche dal titolo, nella Sicilia del XVI e precisamente al Castello del Marchese di Mazzini. Qui vivono le due figlie del Marchese, Emilia e Giulia, insieme alla loro governante e amica, la Signora Menon. Il ritorno al castello del Marchese insieme alla sua seconda moglie, accompagnati da un folto gruppo di persone appartenenti alla ricca nobiltà napoletana, riporterà a galla dei segreti sepolti nell'ala diroccata del castello, segreti spaventosi che si trasformano in fantasmi che perseguitano gli ignari ospiti della tenuta.
Il romanzo gotico è un genere che non ho mai approfondito molto, principalmente perchè credevo non mi fosse particolarmente congeniale, e devo dire che leggendo questo romanzo ne ho avuto la conferma. Ci troviamo in una tenuta immersa nella selvaggia natura siciliana, il castello è abitato dalle due figlie del Marchese Mazzini, Emilia e Giulia, dalla Signora Menon e da poche altre persone. Un'intera ala del castello è disabitata ed è proprio da lì che si iniziano a sentire strani rumori accompagnati dall'apparizione di luci improvvise in luoghi che dovrebbero essere disabitati.

Il Marchese fa ritorno al castello accompagnato da una ricca compagnia di nobili. Per Giulia ed Emilia, da sempre confinate nella solitudine del castello, quello dovrebbe essere un nuovo inizio che permetterà a entrambe di entrare in contatto con la buona società. Questo ritorno però coincide con degli strani eventi che sembrano quasi di origine soprannaturale e che gettano una coltre di oscurità su tutta la tenuta.

Lo stile della Radcliffe è molto descrittivo, si sofferma particolarmente a descrivere paesaggi naturali colmando le sue descrizioni di dettagli che permettono al lettore di figurarsi quei luoghi. La narrazione è abbastanza lenta e ha il tono tipico appunto del gotico. Ogni elemento rimanda al genere a cui appartiene, quindi abbiamo un luogo oscuro e funestato da strani eventi,la fanciulla in difficoltà, l'eroe pronto a salvarla e ovviamente la componente soprannaturale che poi si rivela essere qualcosa di completamente diverso da quello che ci si potrebbe aspettare.

Ho trovato la storia troppo lenta in alcune parti e poco intrigante. Non posso dire che il romanzo non mi sia piaciuto affatto, ma mi aspettavo qualcosa di più. Le descrizioni sono sicuramente una delle parti che ho apprezzato di più, sono davvero ben scritte e molto evocative, così come le atmosfere che la Radcliffe riesce a creare. 

Bisogna tener conto ovviamente del periodo in cui il romanzo è stato scritto, all'epoca ebbe un successo travolgente ma leggendolo oggi forse si rischia di trovarlo un po' noioso e con dei personaggi troppo stereotipati. Io personalmente mi trovo a metà strada, ho apprezzato degli elementi mentre ho trovato alcune parti troppo lente, quindi ve lo consiglio ma solo se amate le atmosfere gotiche e le narrazioni particolarmente lente e descrittive. Buona lettura!

"L'astro benefico che ruota intorno alla terra, non contento di dare vita alla natura, di apportarle il necessario calore e la luce, restituisce anche alle nostre anime l'energia alterata dalle fantasie notturne, restituisce loro il coraggio e le rasserena."