giovedì 31 luglio 2014

[Recensione] Sotto il segno dei pesci di Letizia Draghi

Quattro Typewriters
Buongiorno miei cari Lettori. Oggi una recensione da Sogno! Sotto il segno dei pesci scritto da Letizia Draghi con le nuova linea Youfeel edizioni Rizzoli.

La copertina è fresca ed estiva, dai colori forti e decisi. Il racconto non è lungo ma breve, si legge in sole poche ore.

La storia narra di Rachele Pallavicino che si guadagna da vivere facendo l’oroscopo per i clienti in un villaggio turistico dove fa l'animatrice . Ad attenderla sull’atollo c’è Giove in Cancro, ovvero Edoardo Della Valle, un imprenditore tanto eccentrico quanto bello ( nel segno dello Scorpione) che sarà il suo angelo custode.

Intrigante, spiritoso e fresco da leggere in quelle serata calde con tante lucciole, che girano intorno, osservare le onde del mare in lontananza e sognare. La scrittura è fluida, scorrevole e impostata in maniera corretta. Mi è piaciuto l'oroscopo giornaliero che la giovane Rachele fa, associando tutti i protagonisti del romanzo. Romantico, divertente e pulito. Una storia di astri contrapposti, stelle innamorate e pianeti ingarbugliati. Il sogno che ogni donna vorrebbe vivere. Buona Lettura!

Grado di sensualità: Eccitante come la melassa
"Ancora non riesco a credere di trovarmi proprio assieme all'Uomo Ideale, che è anche un portento a letto, in una cornice da sogno. Non sono abituata ai regali della dea bendata."

mercoledì 30 luglio 2014

[Anteprima] Lo strano caso dell'apprendista libraia di Deborah Meyler

Una piccola libreria a New York. Un amore da dimenticare. Una magia tra i libri. 

Narratori Moderni
Traduzione: Claudia Marseguerra
360 pagine € 14.90
Uscita: 28 agosto 2014
Esme ama ogni angolo di New York, e soprattutto quello che considera il suo posto speciale: La Civetta, una piccola libreria nell'Upper West Side. Un luogo magico in cui si narra che Pynchon ami passare i pomeriggi d'inverno e che nasconde insoliti tesori, come una prima edizione del Vecchio e il mare di Hemingway. Ed è lì che il destino decide di sorriderle quando sulla vetrina della libreria vede appeso un cartello: cercasi libraia. È l'occasione che aspettava, il lavoro di cui ha tanto bisogno. Perché a soli ventitré anni è incinta e non sa cosa fare: il fidanzato Mitchell l'ha lasciata prima che potesse parlargli del bambino. Ma Esme non ha nessuna idea di come funzioni una libreria. Per fortuna ad aiutarla ci sono i suoi curiosi colleghi: George, che crede ancora che le parole possano cambiare il mondo; Mary, che ha un consiglio per tutti; David e il suo sogno di fare l'attore. Poi c'è Luke, timido e taciturno, che comunica con lei con le note della sua chitarra. Sono loro a insegnarle la difficile arte di indovinare i desideri dei lettori: Il Mago di Oz può salvare una giornata storta, Il giovane Holden fa vedere le cose da una nuova prospettiva e tra le opere di Shakespeare si trova sempre una risposta per ogni domanda. E proprio quando Esme riesce di nuovo a guardare al futuro con fiducia, la vita la sorprende ancora: Mitchell viene a sapere del bambino e vuole tornare con lei. Esme si trova davanti a un bivio. Il suo più grande desiderio sta per realizzarsi, ma non è più la ragazza spaventata di un tempo e non sa più se è quello che vuole davvero. Perché a volte basta la pagina di un libro, una melodia sussurrata, una chiacchierata a cuore aperto con un nuovo amico per capire chi si è veramente. Perché Esme non è più un'apprendista libraia, ora è una libraia per scelta. Lo strano caso dell'apprendista libraia è il romanzo più amato dalle librerie indipendenti americane. Grazie a loro è partito un passaparola tra i lettori che ne sono rimasti incantati. Deborah Meyler è convinta che l'esperienza più bella della sua vita sia stata lavorare in un negozio di libri e ha deciso di descriverla. Un romanzo che ricorda a tutti noi come il fascino delle librerie sia intramontabile. E che spesso quei luoghi pieni di scaffali polverosi nascondono sorprese inaspettate.
 
Deborah Meyler è nata a Manchester, ha frequentato il Trinity College a Oxford e poi la St Andrews University. Qualche anno dopo si è trasferita a New York: qui ha aperto due librerie indipendenti, che sono sopravvissute nonostante la crisi. Il suo primo romanzo è Lo strano caso dell'apprendista libraia, con cui ha ottenuto grande successo in America.

[Recensione] Volevo essere Audrey Hepburn di Vanessa Valentinuzzi

Quattro Typewriters
Buongiorno miei cari! Oggi partiamo con la recensione di un romanzo Chick-lit molto raffinato. Volevo essere Audrey Hepburn dell'italiana Vanessa Valentinuzzi .

La copertina è molto carina, colorata e solare, perfetta per quest'estate priva di sole che stiamo attraversando. Il romanzo è un mix di eleganza e romanticismo. Divertente a tratti irriverente e scritto con una penna delicata. I personaggi sono tutti perfetti e si calano nel ruolo della spensieratezza senza risultare pesanti.

La storia parla, principalmente, di Viola che arrivata a trent'anni ha una vita davvero catastrofica. Si ritrova con un fidanzato che è sposato, e senza lavoro allora lei stessa dovrà re-inventarsi e il Cous Cous Club sarà un modo per divenire famosa e osannata. Le pagine si incespicano e si rincorrono in un misto di stupore, gioia e apprensione.

La protagonista, come Audrey Hepburn, vorrebbe essere sensuale ma non ci riesce proprio in pieno e trasforma la sua vita in un vero e proprio pasticcio di carne con fagioli. Le righe scorrono veloci, la lettura è semplice e distensiva può essere fatta in soli due giorni, come ho fatto io, e può essere letto tutto d'un fiato. Una lettura elegante come la donna che non scorderemo mai "Audrey Hepburn". Buona Lettura.

Grado di sensualità: Nessuna scena osé-Molto romantico

"Tutto ti servirà nella vita. E poi, non c'è uomo che non possa essere sedotto in cucina. Se lui non è goloso, non è maschio!"


Audrey Hepburn (nata Audrey Kathleen Ruston; Bruxelles, 4 maggio 1929 – Tolochenaz, 20 gennaio 1993) è stata un'attrice olandese. Cresciuta fra Belgio, Regno Unito e Paesi Bassi, dove visse sotto il regime nazista, durante la seconda guerra mondiale studiò danza per poi approdare al teatro e infine al cinema. La Hepburn fu una delle figure di spicco del cinema statunitense degli anni cinquanta e sessanta.
Divenne famosa grazie a ruoli come quello di Gigi in uno spettacolo teatrale tratto dall'omonimo romanzo della scrittrice francese Colette (1951), interpretazione che le valse il Theatre World Award per i debutti teatrali, della Principessa Anna in Vacanze romane (1953), interpretazione che le valse l'Oscar come migliore attrice, di Holly Golightly in Colazione da Tiffany (1961) e di Eliza Doolittle nel film musicale My Fair Lady (1964). Altri importanti film cui prese parte sono Sabrina (1954), Sciarada (1963) e Come rubare un milione di dollari e vivere felici (1966). Negli anni settanta e ottanta apparve sempre più raramente sul grande schermo, preferendo dedicarsi alla famiglia. Nel 1988 fu nominata ambasciatrice ufficiale dell'UNICEF e, da quel momento fino alla sua morte, si dedicò assiduamente al lavoro umanitario. Audrey Hepburn è stata proclamata nel 1999 la terza più grande attrice di sempre dall'American Film Institute, ed ha una sua stella sullo Hollywood Walk of Fame, al 1652 di Vine Street.

lunedì 28 luglio 2014

[Recensione] Donne e Diamanti di Nora Roberts

Due Typewriters
Buongiorno miei cari. Buon inizio settimana tutti, che sia splendida anche per chi rimane a casa a lavorare (come me) Oggi sono qui a esporvi la mia opinione su un libro di Nora Roberts.

Iniziamo col dire che non mi è piaciuto. Non so perchè, ho letto altri libri di Nora Roberts e mi sono sembrati molto più belli di questo. Mi è sembrato tutto così assurdo in questo libro.Per carità, la storia è intricante e bella ma surreale, troppo precipitosa, fin dalle prima pagine. Io credo, che sia stata impostata male fin dall'inizio, se magari questa specie di Investigatore Privato ribelle (che sarebbe uno dei protagonisti) ci fosse andato con i piedi di piombo, la storia sarebbe stata ben diversa, a mio avviso.

Non è scritta male ma ha molte note stonate e vi spiego perchè. La storia ci introcude con Cade un giovane ricco che tenta di ripudiare la sua famiglia e si mette a fare l'investigatore privato, perchè non ama essere imbrigliato in tutte le forme di cortesia che sono obbligati a compiere i suoi familiari e fin qui tutto bene. Arriva però, di punto in bianco, questa donna comparsa dal nulla senza storia, ne ricordi e si affida a lui per cercare di ritrovare la sua memoria perduta ...e lui che fa?! Si innamora all'improvviso, se la vuole portare a letto, se la porta a casa sua e la fa vivere con lui . MioDio, per favore, mi sembra una cosa talmente fuori luogo che ho odiato questa situazione. Ma sicuramente... qualcuno di noi appena vede un bell'uomo e una bella donna pensa ciò che deve, ma di certo non si mette come un tappetino a rincorrere una persona che non conosce nemmeno la sua esistenza, così senza un perchè e se la porta a casa. MAH! 

Sono rimasta sinceramente allibita. Stessa cosa per l'amica, che quasi pensa di farsi violentare da un cacciatore di taglie, appena conosciuto e che è uno spietato vendicatore, ma dico io ...è normale?! A me sinceramente non è piciauto affatto l'impronta che ha dato, forse andando avanti con le pagine il tono si ammorbidisce e tutto diventa più naturale ma l'inizio è davvero TERRIFICANTE! 

Nonostante tutto ho apprezato la scrittura della Roberts molto scorrevole, come sempre e piena di azione e passione, davvero una storia carina se non fosse per gli innamoramenti facili che vi sono. Le tre pietre di Mithra hanno un valore fondamentale e tutti vogliono ottenerle a causa di una leggenda. Molto stimolante e espressivo, però si poteva fare di più. BUONA LETTURA!

Grado di sensualità: Passionale
"Si dice che i diamanti siano i migliori amici delle donne, e infatti un'antica leggenda considera le pietre portatrici di un'immensa fortuna per chi le possiede. Per questo motivo un uomo misterioso cerca con ogni mezzo di rubarle, convinto che non si tratti soltanto di una leggenda."

domenica 27 luglio 2014

[Rubrica: Enjoy the little things#3] Peperoni Arrostiti

Buona Sera miei cari lettori. Ritorniamo con la nostra rubrica a base di cibo e libri. La rubrica: #Enjoythelittlethings sta a significare godere delle piccole cose ed è proprio questo che voglio trasmettervi. Parlerà di ingredienti, di sapori, di odori che io riesco a percepire in quel determinato libro, dal quale estrapolerò una ricetta, la cucinerò e perfezionerò, per poi mostrarvela.Spero che apprezziate e possiate ricrearla anche voi, magari taggando la rubrica proprio con l'hashatag #Enjoythelittlethings o lasciandomi un messaggio/foto qui sotto o nella pagina FB o su Twitter. Fatemi sapere cosa ne pensate... Buona Lettura!

venerdì 25 luglio 2014

[Anteprima] Sotto di Leela Corman

Leela Corman racconta tanto la miseria sociale quanto il peso delle convenzioni, immergendosi nella storia dell’emancipazione femminile. Sotto sconvolge per la sua umanità. |Le Monde|
Finalista L.A. Times Book Award, 
Eisner Award, e Le Prix Artemisia, vincitore del premio Millepages 2013 

Collana: La vie en noir
Pagine: 208 Formato: 18,5x23 cm
Prezzo: € 18,00
Uscita 19 settembre 2014
“Sotto” racconta la vita tumultuosa di due sorelle gemelle cresciute nella comunità ebraica del Lower East Side di New York all’inizio del XX secolo. Adolescenti, le sorelle prendono strade diversissime: Fanya lavora per una donna che  pratica aborti e le inculca idee femministe e improntate al progresso sociale. Esther, affascinata da danzatrici di burlesque, impara a ballare, ma esercita anche la professione di prostituta. I destini delle due sorelle, prima molto legate, si separano del tutto. Leela Corman descrive in questo  splendido volume, dal disegno incredibile, le  difficoltà delle popolazioni immigrate in America fino alla vigilia della Grande Depressione, con sensibilità e umorismo yiddish. E dipinge soprattutto il magnifico ritratto di due donne che cercano la libertà in due modi opposti.

Leela Corman is an illustrator, cartoonist, and Middle Eastern dancer.. She studied painting, printmaking, and illustration at Massachusetts College of Art. She began her career in comics as an undergraduate, self-publishing three issues of her minicomic, Flimflam. This caught the eye of many readers and small press fans, and she went on to win a Xeric Grant in Fall 1999 for the publication of her first graphic novel, “Queen’s Day”. She went on to publish her second, “Subway Series”, with Alternative Books, and has also published numerous shorter pieces in anthologies in the US, Portugal, Spain, and France. Her latest book, Unterzakhn, a graphic novel set in the tenements, brothels, and vaudeville houses of the Lower East Side at the turn of the last century, was published by Schocken/Pantheon in the spring of 2012, and has been nominated for the L.A. Times Book Award, the Eisner Award, and Le Prix Artemisia. in France.  Portions of Unterzakhn were serialized in 2008 in the Forward, a prominent Yiddish newspaper, and other excerpts ran in HEEB Magazine and Lilith magazine. Unterzakhn has been translated into French, Spanish, Swedish, and Dutch. Her short comics have run in Tablet Magazine, Symbolia, and The OC Weekly. In 2014, her comic "Yahrzeit" won a silver medal from the Society Of Illustrators.

She has illustrated books on topics that range from urban gardening to sex for the very busy to the history of the skirt, and has worked for a diverse array of editorial clients ranging from PBS and the New York Times to BUST Magazine and more.

[Recensione] Tutta colpa del mare (e anche un po' di un mojito) di Chiara Parenti

Cinque Typewriters
Buongiorno miei cari Lettori. Tutta colpa del mare, uscito ieri e finito in una notte. L'idea della Rizzoli di far uscire questi romanzi freschi e estivi è stata una vera chicca. Il romanzo è solare, energico e effervescente!

Mi è piaciuto tantissimo, a cominciare dalla copertina. dai colori vivi e intensi. Ho adorato i protagonisti fin da subito e mi è piaciuto, tanto, il modo di vergare della scrittrice, fresco e veloce.

Tutta colpa del mare è incentrato sulla storia di Maia Marini una ragazza che ha cancellato la sua vita precedente per dedicarsi alla sua nuova vita, tutta fatta d'un pezzo, senza sbavatura e noiosa fino allo spasmo. La sua vita cambierà quando con la sorella del suo fidanzato andrà a fare l'Addio al nubilato in uno dei luoghi a lei ben conosciuti la Versilia e ritroverà tutti coloro che l'hanno amata veramente!

Un romanzo da leggere con le gambe al fresco e la testa piena di bollicine. Elettrizzante, pieno d'amore e di giovialità. Lo scambio di battute dei personaggi, l'iralità e la dolcezza con cui si approcciano a queste righe è davvero fuori da ogni regola. Leggero come una nuvola, frizzante come la coca-cola.

Il mare, tutta colpa del mare che con le sue onde lascerà il cuore per poi ritrovarlo affogato ma qualcosa sta per riportare a galla i vecchi misfatti. Penna priva di sbavature, ottima lunghezza del testo e dialoghi perfetti! Tutto da leggere... BUONA LETTURA!
Grado di Sensualità: Dolce come il caramello
"Il suo Sguardo Assassino mi stese e quando posò le sue labbra sulle mie, le stelle si tuffarono in mare e il mare ricoprì il cielo con una fontana di diamanti di luce."

giovedì 24 luglio 2014

[Uscita del giorno] OverSight di Charlie Fletcher

Genere: Fantasy
Collana: Collana Narrativa
Anno: 2014 Pagine: 528
Marchio editoriale: Fanucci Editore
Londra, metà Ottocento. L’organizzazione segreta Oversight ha il compito sia di proteggere gli esseri umani privi di poteri magici dalle scorribande degli esseri fatati di ogni genere, sia di difendere il mondo magico dalle ingiustizie perpetrate – più o meno involontariamente – dall’umanità che avanza a grandi passi verso la modernizzazione. I membri di Oversight sono tutti dotati di particolari poteri extrasensoriali, ma dopo il Disastro le loro fila sono state decimate a soltanto cinque componenti, il numero minimo indispensabile, costituiscon una Mano. Questi ultimi cinque sopravvissuti hanno la missione di custodire la misteriosa Chiave, il fulcro attorno al quale ruotano gli equilibri tra mondo magico e mondo ‘normale’, oggetto del desiderio per chiunque brami un grande potere... Un fantasy strabiliante, che ha la potenza evocativa di un classico.

Sono rimasti in cinque a sorvegliare i confini tra i mondi, a proteggerci da quello che ci aspetta dall’altra parte.

Charlie Fletcher ha vissuto molto tempo a Los Angeles, dove ha lavorato come autore di videogame e come sceneggiatore per il cinema e per la televisione. Tornato in Scozia, ha deciso di dedicarsi a tempo pieno alla scrittura per ragazzi. Cuore di Pietra (Mondadori 2007), il suo primo romanzo, apre una trilogia che diventerà film.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...