26 maggio 2017

Un libro, un consiglio e uno spuntino per ogni età!


Buon Venerdì cari #FeniLettori! Credo che conosciate un pò tutti la nostra rubrica "C'era una volta.." che tratta di libri per neonati/bambini/ragazzi. Oggi voglio consigliarvi tre libri che abbiamo letto io e il mio bambino, in una modalità un pò differente. Io vi racconto come e dove li abbiamo letti noi, poi però attendo i vostri messaggi per sapere come e dove li avete letti voi! 


Voto: 💙💙💙
Da: 0-3 anni
Come: insieme sul letto
Con: latte caldo e biscotti

Ti voglio bene mamma è un bellissimo regalo che mi ha fatto il mio bambino per la festa della mamma, la sua prima festa con me. Quando guardiamo questo libricino inspiegabilmente è felice e grida osservando le immagini.

Lo guardiamo sempre sul letto prima di dormire bevendo latte e biscotti. Gli piace io gli illustri le immagini e gli legga le piccole frasi che ci sono scritte.

Il piccolo libro è di poche pagine e si presenta con copertina rigida, all'interno non ci sono tanti colori ma degli animali con colori marmorizzati. 

Voto: 💙💙💙💙
Da: 2-4 anni
Come: nel prato
Con: mela o banana grattugiata 

Rory il dinosauro e il suo cucciolo invece è un libro che abbiamo letto da poco, distesi su un grande prato, ieri, c'era un bellissimo sole e noi a piedi nudi abbiamo iniziato la lettura con della fruttina fresca.

I disegni sono perfetti per i piccoli che li vedono tutti arrotondati, dai colori tenui. La storia è un pò più complessa del libro di cui vi parlavo prima, molto simpatica e istruttiva.

Il libro è abbastanza grande anch'esso con la copertina rigida. Le pagine ariose e bianche lo rendono perfetto per i più piccoli, dando un grande aiuto anche a chi ancora non conosce gli animali.

Voto: 💙💙💙💙💙
Da: 8 anni 
Come: nel girello 
Con: un succo di frutta

Il Gran Consiglio di real Coniglio invece è un libro per bambini più grandi, la storia è molto più complessa. Quando la raccontavo al mio bambino stava attento e osservava la copertina che è meravigliosa, coni suoi colori.  E' stato scritto da due autori inglesi, ispirati dal figlio.

L'idea della suddivisione dei conigli è davvero meravigliosa. I disegni sono molto belli e ricordano vagamente quelli di Beatrix Potter, che sapete io amo da morire. 

La copertina è rigida ed ha una sovra-copertina e il protagonista è un piccolo coniglietto Shylo, davvero in gamba. Lo abbiamo letto nel girello sorseggiando un succo.  

Uèèè...Uèèèè....mamma andiamo a leggere?!

[Anteprime DeAgostini] Wolf 2 di Ryan Graudin & Time Deal di Leonardo Patrignani


Prezzo: € 14,90
Data di uscita: 6 Giugno 2017
È il 1956 e il mondo è in fermento: dopo decenni di dominio assoluto, Hitler è stato assassinato e la Resistenza è pronta a prendere le armi. A innescare la scintilla è stata Yael, la ragazza dagli straordinari poteri mutaforma, miracolosamente sopravvissuta al campo di concentramento. È solo grazie al suo coraggio se il Nuovo Ordine ha le ore contate. O almeno così tutti credono. Ma la verità è molto più complicata di come appare, e le conseguenze di quanto è accaduto sono devastanti. Ora Yael è in fuga in territorio nemico. Non è sola, però. Insieme a lei ci sono Luka e Felix, i due ragazzi che ha dovuto tradire per portare a termine la sua missione e che adesso vuole proteggere a ogni costo. Ed è nel bel mezzo del caos che il passato e il futuro di Yael si scontrano, obbligandola a fare i conti con i propri sentimenti. Odio e amore, vendetta e perdono. Scegliere non è facile, soprattutto quando sul piatto della bilancia ci sono da un lato il destino del mondo intero e dall’altro la vita di chi ama. Quale sarà la scelta di Yael? Vita o morte?
L’adrenalinica conclusione dell’appassionante saga di Ryan Graudin, iniziata con Wolf. La ragazza che sfidò il destino. Un romanzo straordinario dal finale travolgente, in cui l’arma più letale non è quella capace di uccidere, ma quella in grado di condizionare interi popoli.
Ryan Graudin è nata e cresciuta a Charleston, in Carolina del Sud, dove si è laureata in Scrittura Creativa. Vive con il marito e un cane lupo. Wolf. La ragazza che sfidò il destino è lo straordinario romanzo con cui esordisce sulla scena letteraria italiana.
Pagine: 480  Prezzo: € 14,90
Data di uscita: 13 Giugno 2017
Julian ha diciassette anni e vive con la sorellina Sara nella periferia industriale di Aurora, una metropoli soffocata dall'inquinamento e devastata dalle malattie, in cui l'aspettativa di vita è scesa drasticamente negli ultimi anni. Fino all'arrivo del Time Deal, un farmaco in grado di arrestare l'invecchiamento cellulare. Nessuno ne conosce gli effetti collaterali, solo qualcuno immagina quali possano essere le conseguenze morali e sociali di questo farmaco. Ben presto, la città si spacca in due: da una parte chi insegue ciecamente il sogno della vita eterna, dall'altra chi invece si rifiuta di manipolare la propria esistenza e preferisce invecchiare secondo natura. Julian è tra questi ultimi. Ma la sua ragazza Aileen non ha avuto scelta: figlia di un noto avvocato, che finanzia da sempre la casa farmaceutica del Time Deal, è stata sottoposta al trattamento. Finché qualcosa va storto. Aileen inizia ad accusare disturbi della memoria, e poi sparisce nel nulla. Julian però è disposto a tutto pur di ritrovarla. E a far luce sugli effetti collaterali del Time Deal.
Leonardo Patrignani è nato a Moncalieri nel 1980. Appassionato lettore di Stephen King, è anche compositore e doppiatore. I diritti del suo romanzo d'esordio, Multiversum (Mondadori, 2012), sono stati venduti in diciotto paesi.

[IV° Tappa Blogtour+Giveaway] L'Albero della Vita – La Genesi di Ella M. Scarlett


Buongiorno #FeniLettori e Benvenuti alla IV° Tappa del BlogTour "L'Albero della Vita – La Genesi” di Ella M. Scarlett. Oggi tanti contenuti originali in anteprima e due e-book del romanzo in premio!
Pagine: 315 Genere: ParanormalRomance
E-Book: 3,99€ Cartaceo: 11,60€
Editore: Genesis Publishing
Uscita: 14 Marzo 2017
Per Eva il giardino dell'Eden è solo un vago ricordo, così come gli arcangeli e tutto ciò che fa parte del Regno Celeste. L'unica cosa che vorrebbe la ragazza è riavere Adam al suo fianco, ma la terribile maledizione, che pende sui loro capi, sembra destinata a durare per sempre. Per Lilith, il Regno Celeste è il nemico da sconfiggere ed Eva la pedina ideale per raggiungere i suoi scopi di vendetta. Mentre le forze del bene e del male si risvegliano dal loro antico torpore, vecchi e nuovi legami sono messi a dura prova in quella che, ben presto, si trasformerà nell'ultima grande guerra tra il Regno Celeste e gli Inferi. Chi avrà la meglio, guadagnando la vittoria? E il Padre, che ha generato ogni creatura con immenso Amore, rimarrà spettatore dello sfacelo tra Suoi figli?
Ella M. Scarlett laureata in Giurisprudenza, pratica la professione di avvocato a Genova, dove è nata e cresciuta. Amante di fumetti e letteratura, coltiva la passione per la scrittura fin da bambina. Passa l’adolescenza immersa nel mondo delle fanfiction, a cui deve molto più di quanto possa dire, e che continua a leggere assiduamente, anche oggi. Predilige le storie in cui la realtà si intreccia con la fantasia e in cui nulla è impossibile o incredibile, perché l’immaginazione, per lei, non conosce limiti. L’Albero della Vita - La Genesi è il suo romanzo d’esordio, primo volume di una serie paranormal romance, pubblicata dalla Genesis Publishing.

25 maggio 2017

[Anteprime Iperborea] L'arte della fuga di Fredrik Sjöberg - Atlante leggendario delle strade d'Islanda di Jón R. Hjálmarsson - Arabia Felix di Thorkild Hansen


Pagine: 252  Prezzo: € 17,00
Data di uscita: 1 Giugno 2017
«Le esperienze artistiche possono essere travolgenti quasi quanto gli amori», pensa Fredrik Sjöberg quando in una casa d’aste di Stoccolma rimane folgorato dal dipinto di un pino. Spinto dalla sua proverbiale passione per tutto ciò che è insolito, scopre che l’artista è Gunnar Widforss (1879-1934), tanto sconosciuto in Europa quanto amato in Nord America, dove è considerato «il pittore dei parchi nazionali» e ha dato il proprio nome a una cima del Grand Canyon. Comincia così un’avventura sulle tracce di opere, lettere e fonti sperdute per ricostruire la vita, la vocazione e l’ossessione di questo inquieto acquerellista: un vagabondo squattrinato alla solitaria ricerca di bellezza, stretto tra il bisogno di creare e l’ansia di riuscire, che dopo aver girato mezzo mondo pianta la sua tenda nello Yosemite e dedica i suoi giorni a ritrarre i più suggestivi paesaggi d’oltreoceano. Un viaggio che conduce Sjöberg in Nevada, Arizona e Colorado, nella wilderness di Emerson e Thoreau, attraverso la storia delle riserve, naturali e indiane, con il dubbio se servano più a proteggere o a ghettizzare. Un racconto che si snoda tra curiosità storiche e aneddoti spassosi, dalla nascita dell’industria del chewing gum alla carovana di cammelli che aprì la Route 66, dalla luce dei dipinti di Turner al tacchino che Benjamin Franklin voleva al posto dell’aquila come simbolo degli Stati Uniti. Irresistibile affabulatore, Sjöberg ci fa appassionare a un altro dei suoi eccentrici outsider con un nuovo capitolo della sua riflessione sul rapporto tra uomo e natura. 
Fredrik Sjöberg, scrittore, entomologo, collezionista e giornalista culturale, dopo gli studi di biologia a Lund ha passato due anni viaggiando intorno al mondo. Dal 1986 vive sull’isola di Runmarö, un paradiso naturale di quindici chilometri quadrati al largo di Stoccolma, dove studia le mosche, di cui è diventato uno dei maggiori esperti. La sua collezione di sirfidi è stata esposta alla Biennale d’Arte di Venezia del 2009. L’originalità della sua scrittura, che fonde letteratura, riflessione e divulgazione con umorismo e poesia, ha ottenuto successo e riconoscimenti a livello internazionale. Iperborea ha inoltre pubblicato L’arte di collezionare mosche, caso editoriale in tutta Europa e nominato dal The Times «Nature Book of the Year».

[Recensione] Mistero siciliano di Mario Giordano


Buongiorno #FeniLettori! Oggi parliamo di un giallo che ho letto lungo la via di andata e ritorno per Torino.

Mistero siciliano è un giallo alla Agatha Christie con le sue mille sfumature e una donnina eccentrica di nome Zia Poldi originaria di Monaco di Baviera trasferitasi dopo la morte del marito a Torre Archirafi, in Sicilia. Zia Poldi è una donna molto diversa dalle donnine della sua età, ha sessant'anni e un carattere ribelle e progressista.

Arrivata in Sicilia alla casa ereditata dei genitori, vuole affogare i suoi dispiaceri nell'alcool ma si ritrova a fare i conti con la famiglia del suo defunto marito che non la lascia in pace. A completare il quadretto surreale, un ragazzo della zona che l'aiuta in qualche lavoretto ...viene trovato morto.

Solo allora la nostra stramba amica incanalerà la sua forza e la sua energia in un' interminabile ricerca del colpevole.
Una storia piena di suspense e enigmi, la nostra eroina salterà da un posto ad un altro cercando di barcamenarsi e trovare infine il punto della questione.

La sua vita è un groviglio di emozioni e a peggiorare la cosa arriva anche il nostro caro Commissario che si occupa del caso.

La parlata tedesca è accennata in alcuni casi, la scrittura molto articolata ma a ogni inizio capitolo vi è un piccolo trafiletto su ciò che succede in tutto il capitolo.

I personaggi sono variegati e hanno caratteri molto contrastanti, con le loro personalità sfaccettate come tutti i gialli che si rispettino.

In una bellissima Sicilia, dal mare e stradine polverose, dove il caldo asfissiante predomina .

La nostra Poldi è una donna che ho adorato letteralmente con la sua forza di volontà e la sua voglia di fare, credere ancora nell'amore e rendere giustizia.

Un giallo intrigante con una protagonista molto molto particolare!

[Oggi in Libreria] Happy Hour di Mary Miller


Pagine: 264  Prezzo: € 15,00
Data di uscita: 25 Maggio 2017
Dopo il successo del suo romanzo di esordio, Last Days of California, Mary Miller torna con una raccolta di racconti che la riconferma come una delle voci più crude e taglienti della sua generazione di scrittori americani.
Ammantato dal fascino proprio del Sud degli Stati Uniti, Happy Hour è un susseguirsi di storie di donne, figure tormentate quanto realistiche, in lotta contro se stesse. Donne che bevono, che dipendono dal sesso; donne che prendono decisioni sbagliate accompagnandosi a uomini che le amano troppo o troppo poco; donne che sono la causa della propria rovina. Su uno sfondo di scialbi distributori di benzina, piscine pubbliche, drive-thru e bettole, ciascun personaggio si trascina dietro il proprio fardello nella ferma convinzione di meritare di meglio. Queste donne cercano comprensione nei luoghi più improbabili: nella casa dei genitori adottivi, dove l’amore è vissuto come indice di debolezza, in un campeggio per roulotte dimenticato da Dio, negli angoli di una casa da sogno acquistata col denaro ottenuto da un brutto divorzio. Sono consapevoli dei loro errori e della necessità di un cambiamento, eppure non reagiscono, forse bloccate dalla paura, o dalla semplice pigrizia. Osservando il delicato tessuto della vita quotidiana delle sue protagoniste, Miller ci narra l’amore degli incompresi, la ricerca di conforto nelle cattive abitudini di cui non si riesce a fare a meno e i dettagli quotidiani di rapporti destinati a finire. Con l’onestà che contraddistingue la sua scrittura, Mary Miller firma ancora una volta un lucido e struggente ritratto della femminilità oggi.
Mary Miller è nata e cresciuta a Jackson, Mississippi. È autrice di due raccolte di racconti, Big World e Always Happy Hour, e un romanzo, Last Days of California, uscito nel 2015 come primo titolo della collana Black Coffee. I suoi racconti sono apparsi su riviste quali Oxford American, McSweeney’s Quarterly, American Short Fiction e Mississippi Review. Insegna alla Mississippi University for Women di Columbus, Mississippi.

[Anteprime Sperling & Kupfer] Un respiro nell'ombra di Christian Carayon - La locanda dove il mare parla piano di Emma Sternberg - Il libro maledetto di Kai Erik - It di Stephen King - Paper Prince di Erin Watt - La maledizione del re di Philippa Gregory


Pagine: 420  Prezzo: € 19,90
Data di uscita: 6 Giugno 2017
1980, in una cittadina del Sudovest della Fran­cia, i membri del locale yatch-club stanno celebrando la fine dell’estate. Nel clima disteso della festa, quattro ragazzini ottengono facilmente il permesso di fare campeggio sull’isolotto di Bois-Obscurs. Così prendo­no le loro canoe e si dirigono verso il centro del lago. La mattina successiva  i ragazzi si fanno aspettare. Allora uno dei genitori decide di raggiungere l’isola a nuoto. E scopre l’entità del massacro. Trent’anni più tardi, uno dei bambini testimone della tragedia, Marc-Edouard Peiresoles, dieci anni all’epoca del delitto e ora stimato professore di storia, decide di torna­re sul luogo degli omicidi. Per lui è un modo di esorcizzare, finalmente, antiche paure, ma anche di allontanarsi da nuove trappole senti­mentali. Non appena mette piede nel vecchio paesino dove tutto è successo, però, si ritrova immerso in un passato fatto di ombre, quel­le di indagini poco chiare, e di silenzi, quelli delle persone che hanno vissuto gli eventi. Con il passare dei giorni, davanti agli occhi di Marc-Edouard riprende vita il paese della sua infanzia, e lui si trova inevitabilmente a incon­trare chi è rimasto, per ricostruire il mostruoso delitto. E trovare il vero colpevole.
Christian Carayon, nato nel Sud della Francia, è insegnante di storia e geografia. Appassionato di letteratura, inizia la sua carriera di scrittore nel 2012, entrando subito nella rosa dei premi letterari. Un respiro nell’ombra è il suo terzo romanzo.

[Oggi in Libreria...] Era te che cercavo di Pedro Chagas Freitas


La pioggia si abbatte incessante sulla città nel caos dell'ora di punta. Incurante dei passanti che si affrettano a trovare riparo, Carlos sta scattando fotografie. Con un clic si appresta a catturare l'anima delle persone nell'irripetibilità di pochi istanti. All'improvviso, però, si accorge che nell'obiettivo c'è sempre lei. La donna che silenziosa lo segue ovunque come un'ombra scura. Lui ne è convinto. Perché da quando si è reso conto che il suo matrimonio è diventato una prigione, la sensazione di essere osservato da lontano non lo abbandona mai. E quando comincia a ricevere messaggi enigmatici che riecheggiano minacciosi nella sua testa, Carlos non ha più dubbi: deve trovare quella donna che gli ha sconvolto la vita. Ma la ricerca si rivelerà più complessa del previsto. Indizi fuorvianti lo porteranno a fare i conti con un passato che non credeva potesse tornare, costringendolo a una corsa contro il tempo.
Pedro Chagas Freitas è scrittore, giornalista e insegnante di scrittura creativa. Ha fatto mille mestieri prima di diventare un autore di successo, premiato con prestigiosi riconoscimenti. Con il fenomeno editoriale Prometto di sbagliare si è affermato a livello internazionale. Con Garzanti ha pubblicato anche Prometto di sposarti ogni giornoPrometto di perdere.

24 maggio 2017

[Recensione] Un'anima che vibra di Loredana Frescura


Domenica detta anche Mimì è una ragazzina che vive a Roma, insieme alla mamma separata e alla zia Diletta, una quarantenne alla ricerca del vero amore.

Mimì svolge una vita alquanto tranquilla fino a quando: sia la mamma che la zia vengono trasferite di fabbrica in un paese di nome Piandiperi. Da questo momento inizia il dramma esistenziale della giovane, costretta a cambiare la sua vita per un futuro incerto.

Inizialmente questo romanzo mi è sembrato banale, pensavo fosse la solita storia di adolescenti alle prese con i drammi di quell’età ma non è così, perchè in questo libro vengono trattati, in modo molto delicato, argomenti che sono parte integrante della nostra società: viene descritto il rapporto complesso di un’adolescente divisa tra un padre, che non riuscendo ad affrontare i problemi che la vita pone, decide di scappare e una mamma Caterina, che secondo Mimì e una debole ma che nel corso del racconto si mostra una donna piena di vita e d’ingegno!

Mi ha molto colpito come gli autori abbiano inserito nel racconto il tema dell’ immigrazione; infatti Mimì si innamora di Gaetano un ragazzo nato in Italia da mamma e papà siriani, un ragazzo perfettamente integrato nei nostri usi e costumi, che però soffre in modo atroce per la sua patria sempre sotto assedio.

È proprio grazie a Gaetano e ad eventi che ruotano intorno a lui che Mimì smette i panni di una ragazzina immatura e veste quelli di giovane donna, sempre grazie al suo amore  ritrova il rapporto con la mamma, la donna che per lei ha sempre vissuto.

Il libro però si chiude con un finale che fa spaccare il cuore in mille pezzi…💔

[I° Tappa BlogTour] Absence. Il gioco dei quattro (Absence#1) di Chiara Panzuti


Buongiorno #FeniLettori e Benvenuti alla I° Tappa del BlogTour "Absence” di Chiara Panzuti. Un libro che vi lascerà con il fiato sospeso, un' incognita da svelare, volti da individuare, avventure da scoprire. Pagine voraci che si leggono affamati di autenticità, in questo egoismo dell'animo che ci sta avvolgendo e offuscando. Una trilogia che vi lascerà con la voglia di scoprire la verità...
Pagine: 350 Prezzo: € 15,00
Editore: Fazi
Uscita: 1 Giugno 2017
Viviamo anche attraverso i ricordi degli altri. Lo sa bene Faith, che a sedici anni deve affrontare l’ennesimo trasloco insieme alla madre, in dolce attesa della sorellina. Ecco un ricordo che la ragazza custodirà per sempre. Ma cosa accadrebbe se, da un giorno all’altro, quel ricordo non esistesse più? E cosa accadrebbe se fosse Faith a sparire dai ricordi della madre? La sua vita si trasforma in un incubo quando, all’improvviso, si rende conto di essere diventata invisibile. Nessuno riesce più a vederla, né si ricorda di lei. Non c’è spiegazione a quello che le è accaduto, solo totale smarrimento. Eppure Faith non è invisibile a tutti. Un uomo vestito di nero detta le regole di un gioco insidioso, dove l’unico indizio che conta è nascosto all’interno di un biglietto: 0°13’07’’S 78° 30’35’’W, le coordinate per tornare a vedere. Insieme a Jared, Scott e Christabel – come lei scomparsi dal mondo – la ragazza verrà coinvolta in un viaggio alla ricerca della propria identità, dove altri partecipanti faranno le loro mosse per sbarrarle la strada. Una corsa contro il tempo che da Londra passerà per San Francisco de Quito, in Ecuador, per poi toccare la punta più estrema del Cile, e ancora oltre, verso i confini del mondo.

Primo volume della trilogia di Absence, Il gioco dei quattro porta alla luce la battaglia interiore più difficile dei nostri giorni: definire chi siamo in una società troppo distratta per accorgersi degli individui che la compongono. Cosa resterebbe della nostra esistenza, se il mondo non fosse più in grado di vederci? Quanto saremmo disposti a lottare, per affermare la nostra identità?
Chiara Panzuti nasce nel 1988 a Milano, città in cui attualmente vive. Diplomata in studi classici, ha frequentato un corso di Illustrazione e Animazione Multimediale presso l’Istituto Europeo di Design. Coltiva la passione per la scrittura da quando è piccola. Il gioco dei quattro è il primo volume della trilogia di Absence. Di prossima pubblicazione anche gli altri due titoli, L’altro volto del cielo e La memoria che resta.

23 maggio 2017

[Recensione in Anteprima] Cuore delicato. Lavare a mano di Simona Morani


Buonasera #FeniLettori! Questa sera scrivo una recensione di un libro che mi è piaciuto da morire!!

Cuore delicato. Lavare a mano è un libro ironico e divertente. La storia è quella di Rina una donna di 62 anni che dopo la morte del marito si sente rinata e contro tutti rinnova la sua lavanderia con lavatrici automatiche, una stireria e bolle ai muri.  Qui si sente odore di mele e bucato fresco, dove forse i sogni possono diventare realtà, dove ancora si può vivere un'altra vita.

Il romanzo è brioso e istintivo, fresco, si possono quasi sfiorare con mano i sentimenti che volano leggeri lungo il filo di vapore che Rina emana dalla sua stanza. La sua personalità è forte, nonostante tutte le avversità della sua vita, vuole credere ancora nell'amore e in qualcuno che la fa sentire bene.

Compare così Donato (dono del cielo) un giovane ragazzo che le da ancora la forza di sperare, di ritrovare la femminilità e la bellezza di un tempo nonostante le malelingue che l'accompagnano. In primis la sorella vedova anche lei, fin quando non si innamora di un uomo.
Una storia dai personaggi variegati e speciali, che insegna che non dobbiamo abbatterci mai, nemmeno in tarda età e restare sulla cresta dell'onda sempre.

La scrittura leggera e spontanea rende il romanzo unico e gioviale. Perfetto per rilassarsi, godere di una buona penna e ascoltare i dettami del cuore. Perché l'amore può bussare in qualsiasi momento alla nostra porta.

Non arrendersi mai e credere in sè stessi sono le regole fondamentali per sopravvivere a una vita piatta e noiosa!💓

[Recensione] Gus (Bright Side, #2) di Kim Holden


Ho appena finito di leggere questo romanzo è mi sento ancora scossa dalle profonde emozioni che l’autrice mi ha regalato con questi personaggi.

Gus è un contante rock che si ritrova a combattere con un grande dolore, la morte della sua anima gemella amica, sorella, musa , l'altra metà del suo cervello del suo essere, l'altra metà del suo cuore, Kate o teneramente per lui Bright Side!

Gus si rinchiude nel suo dolore allontanandosi da tutto e da tutti, rifugiandosi nell'alcool, che annebbiando i suoi sentimenti lo fa fuggire dalla realtà. Ma presto la vita lo richiama alla realtà e riemergere dal suo stato di incoscienza, lo aspetta infatti la sua band  e il tour. Neanche la musica, che un tempo aveva condiviso con la sua amata Kate, riesce a far sì che esca dall’oblio in cui e caduto, fatto di sesso occasionale, alcool e droghe. Gus tra tutti quelli che hanno amato Kate è quello che soffre di più, anche più di Keller fidanzato di Kate.

È molto bello come l’autrice attraverso Gus riesce a descrivere quelle che sono le diverse fasi del lutto. Nello scandire dei giorni,  per Gus, la rabbia e il dolore sono sentimenti predominanti che lui vive senza via d'uscita. Ma nel corso del libro quel dolore acceso ed insopportabile diviene non rassegnazione ma gioia. Sembra un controsenso ma non lo è perché Gus capisce la fortuna che ha avuto a conosce ed amare Kate,  non c’è quindi gioia più grande che vivere attraverso  i suoi insegnamenti e il suo amore per la vita!

Viene rappresentato in questo romanzo l 'Amore quello vero nelle sue diverse sfaccettature: per la mamma, per gli amici, per i parenti ma soprattutto per il  prossimo…

In tutto questo tripudio di sentimenti, fa capolinea la storia d' amore che nasce tra Gus e Scout o miss impazienza, come ama chiamarla Gus. Scout una ragazza apparentemente forte, che nasconde una personalità fragile, diviene inconsapevolmente la medicina di Gus e viceversa….entrambi bisognosi di rinascere. Si innamorano piano piano attraversando diverse controversie si ritrovano sempre più vicini, tanto che scout diviene il motivo per Gus di ricominciare a scrivere canzoni….legandosi cosi sia con il corpo che con l' anima!

I sentimenti sono descritti in modo cosi vivido che spesso leggendo sentivo il mio cuore scoppiare o di gioia o di dolore….

Un libro questo da leggere senza mai fermarsi per comprende fino in fondo quanto l'amore quello vero possa guarire anche il dolore più grande.


[Recensione] L'amante alchimista di Isabella della Spina


Salve a tutti cari lettori! Il libro che vorrei proporvi oggi è L'amante alchimista di Isabella della Spina. Un romanzo storico edito da Piemme  che cela in realtà due autrici: Sonia Raule e Daniela Ceselli. 

L'amante alchimista  è la storia di una donna straordinaria, grande astrologa e alchimista, custode delle passioni e contraddizioni delle donne più celebri del Rinascimento. E di un amore illecito e pericoloso.

Sinossi: 1527. Alla vigilia del sacco di Roma, Isabella d’Este apre le porte del suo palazzo ad aristocratici e notabili per dare loro riparo, ma consegna alle truppe pontificie una delle sue ospiti: la magista Margherida de’ Tolomei, sacrificata in cambio della berretta cardinalizia per il figlio minore. Papa Clemente VII ha posto quell’unica condizione, e Isabella non ha avuto scampo, anche se Margherida è stata per lei in passato più che un’amica. Così la donna, avanti negli anni, viene condotta in ceppi a Castel Sant’Angelo e rinchiusa in una cella angusta con due giovani, sospettate di stregoneria, in attesa di conferire con il Papa in persona.
Mentre le truppe imperiali e i lanzichenecchi, seguaci di Lutero, mettono a ferro e fuoco la città, Margherida ripercorre con nuovo sguardo la sua esistenza. Figlia del dotto Cornelio, profonda conoscitrice del potere delle erbe, degli influssi astrali, grande alchimista, ha sempre cercato il segreto della Pietra Filosofale; forse è questo che il Papa, nipote di Lorenzo il Magnifico, vuole ottenere da lei? Ricordi, dubbi, inquietudini si affollano nella sua mente: l’amicizia con Caterina Sforza e con le donne più affascinanti e potenti del suo tempo, le corti italiane raffinate e corrotte, il sangue delle congiure, la violenza della ragion di stato, il tormentato amore per il giovane conte Pico della Mirandola, il piacere dei sensi, le aspirazioni dell’intelletto, il dolore che piega il corpo.

Una vita piena, la sua; una vita che ora deve difendere con tutta sé stessa senza svelarne i segreti. Un libro interessante ma che non ho apprezzato molto. Non consiglio la lettura.

Buona lettura, alla prossima scoperta!

[Anteprima Sonzogno] Victoria di Daisy Goodwin


Pagine: 432  Prezzo: € 19,50
Data di uscita: 1 Giugno 2017
Vittoria ha solo diciott’anni quando, nel 1837, la morte dello zio Guglielmo IV la innalza al trono d’Inghilterra. Esce da un’adolescenza malinconica e nei suoi primi giorni da regina viene guardata a vista dalla madre e dall’onnipresente e ambizioso Sir Lord Conroy, che esercita una grossa influenza sugli affari di stato e si sente minacciato dal carattere indipendente della giovane sovrana. Sebbene il potere la seduca fin da subito e le conferisca una straordinaria energia, le prime mosse dell’inesperta Vittoria sono però piuttosto avventate, soprattutto quando solleva pesanti, e ingiusti, sospetti contro l’inseparabile dama di compagnia di sua madre, accusata di intrattenere una relazione con l’odioso Conroy. Questo e altri passi falsi gettano una luce sinistra sulla regina, che non piace né al parlamento né ai sudditi. Gli scandali si succedono, insieme agli intrighi della corte per ostacolare la sua ascesa. Inoltre, agli stentati inizi sembra che stia per aggiungersi un matrimonio di pura convenienza dinastica. E invece. Le nozze con il cugino Albert si riveleranno il felice punto di svolta della vicenda pubblica e sentimentale di Vittoria d’Inghilterra, destinata, grazie alla non comune abilità politica e all'intrepida personalità, a segnare l’Ottocento britannico e a diventare una delle più grandi figure femminili della storia.
Daisy Goodwin (1961) è scrittrice, produttrice e sceneggiatrice televisiva inglese. Ha pubblicato due romanzi, tradotti in Italia da Sonzogno: L’ereditiera americana (2013) e L’amante inglese di Sissi (2014). Alla regina Vittoria ha dedicato questo romanzo, nonché l’omonima serie televisiva, in onda su laeffe. Vive a Londra con i tre cani, le due figlie e il marito.