17 maggio 2017

[Recensione] Quello che i tuoi occhi nascondono di Serena Nobile


Buona giornata cari lettori! Come va? Qui tutto prosegue regolarmente, sto aspettando un pacco da qualche giorno ma il postino ha deciso che non vuole portarmelo. Comunque passiamo oltre e concentriamoci sulla recensione di oggi.

Quello che i tuoi occhi nascondono è il primo romanzo della serie 5 Sensi. Per chi ancora non lo sapesse, Serena Nobile è un altro pseudonimo di Virginia De Winter, autrice della saga Black Friars e del romanzo La spia del mare. Stavolta ci troviamo di fronte ad un romanzo completamente diverso rispetto a quelli a cui Virginia ci ha abituato. La storia che ci racconta è quella di Bianca, giovane fotografa che vive a Roma. Una notte incontra un ragazzo, uno sconosciuto che con poche parole la colpisce. Quando per caso si incontrano di nuovo, Bianca si rende conto che lei e Federico non potrebbero essere più diversi, lui lavora nell'ambiente televisivo che lei non apprezza. Ma pian piano, nonostante le differenze, i due capiranno di non poter fare a meno l'uno dell'altra, mentre un terribile segreto che Bianca nasconde da anni torna prepotente nella sua vita.
Immagine correlata
Premettiamo che finora non mi sono fatta scappare nemmeno un libro di Virginia e li ho praticamente amati tutti; quando ho saputo dell'uscita di un nuovo libro del tutto diverso, devo dire che la cosa mi ha entusiasmato. Stavolta Virginia o Serena che dir si voglia, si cimenta con il New Adult o qualcosa di simile. Non ci troviamo in epoche passate, non ci sono personaggi in costume nè elementi fantasy. E' una storia semplice, in bilico tra romance e thriller, con dei personaggi molto realistici.

Bianca e Federico si incontrano una notte e, nonostante provengono da famiglie diverse e abbiano vite molto lontane, si sentono immediatamente attratti l'una dall'altro. Bianca è una giovane donna indipendente, una fotografa di talento che ha rinunciato alla carriera diplomatica che la sua famiglia avrebbe voluto per assecondare le sue passioni. Federico è diventato un attore quasi per caso, attratto da quella sicurezza economica che così ha potuto garantire alla sua famiglia. I loro incontri e scontri si stagliano sullo sfondo di una Roma meravigliosa, mentre alle spalle della loro storia d'amore si sviluppa una story line dal sapore thriller.

Il libro si lascia leggere in brevissimo tempo. Lo stile, pur essendo molto più semplice e se vogliamo anche più leggero rispetto all'abituale stile di Virginia, è comunque molto elegante, scorrevole ed evocativo. E' abbastanza evidente che è sempre Virginia a scrivere, il suo stile è molto riconoscibile anche in questa storia così diversa dalla altre. La narrazione ha un bel ritmo sostenuto.

Credo però che, visto che questo romanzo è solo il primo di una serie, la storia che legherà ogni romanzo, quel segreto che Bianca e le sue amiche hanno tenuto nascosto finora, sia stato solamente abbozzato. La parte mistery della storia è abbastanza scarna, a favore invece di una parte romance che prende il sopravvento su tutto e resta comunque l'argomento principale del romanzo.

Bianca e Federico sono dei bei personaggi, ben caratterizzati e a cui è semplice affezionarsi, così come i personaggi secondari della storia. L'ambientazione è sicuramente un punto forte del racconto, Serena descrive Roma in maniera meravigliosa, leggendo le sue descrizioni quasi ci sembra di essere lì. Non do un voto più alto perchè mi aspettavo qualcosa di diverso, avrei preferito meno romance e più dettagli relativi al mistero che sinceramente mi incuriosisce molto.

Sicuramente leggerò il seguito perché come ho detto sono molto curiosa e inoltre, pur non trattandosi di un genere di storia che leggo abitualmente, io continuerò a leggere tutto quello che Virginia pubblicherà perchè è una scrittrice che apprezzo molto. Quindi se vi piacciono le storie romantiche e ben scritte, questo romanzo fa proprio per voi. Buona lettura!

"Mi fai sentire come se non ci fossimo per nessuno. Come se fossimo altrove, molto più lontano della notte e molto più in alto del giorno."

Nessun commento:

Posta un commento