[Recensione] La moglie americana di Katherine Wilson


Buona giornata cari lettori! Oggi parliamo di una delle ultime novità targata Piemme.

La moglie americana è un romanzo che racconta la storia vera dell'autrice. Katherine Wilson è una giovane americana che arriva in Italia, a Napoli, per fare uno stage presso il Consolato americano. L'impatto con la città, pur destabilizzandola un po' inizialmente, è più che positivo. Katherine si trova ad amare quella città fatta di sapori e profumi forti ma anche di tante contraddizioni. Grazie a Salvatore, studente napoletano di giurisprudenza, e alla sua grande e calorosa famiglia, gli Avallone, Katherine si sente a casa e impara pian piano ad aprirsi a quella città e al suo caldo abbraccio.
Risultati immagini per napoli
La storia autobiografica della Wilson ci trasporta in una Napoli rumorosa e caotica ma allo stesso tempo estremamente calda e accogliente. Katherine arriva  a Napoli forte della sua educazione molto americana e del suo stile di vita, ma presto si scontrerà con una realtà molto diversa e grazie all'affetto di Salvatore e della sua famiglia, pian piano scoprirà come lasciarsi andare e imparerà ad apprezzare quella vita così lontana da quella cui è abituata.

Lo stile dell'autrice è molto semplice e scorrevole, ho trovato molto interessante il fatto che ogni capitolo abbia un titolo prettamente napoletano e che ognuno di essi vada a scandire il cambiamento che avviene in Katherine. La storia è molto semplice ma anche dolce e calorosa come la famiglia che Katherine trova in Italia.

Essendo anch'io del Sud Italia, ho rivisto spesso me e la mia famiglia in alcune delle situazioni che Katherine descrive. Mi è piaciuto molto il modo in cui l'autrice ha saputo cogliere l'essenza di Napoli e del Sud, quel calore, quell'affetto che ti circondano e ti fanno sentire a casa. Una bella storia che parla di famiglia, di amore e ovviamente, come ogni romanzo ambientato nel Sud Italia, di buona cucina! Buona lettura!

"Goethe ha detto: Vedi Napoli e poi muori. Io ho visto Napoli e ho cominciato a vivere."

Commenti