[Anteprime Edizioni E/O] Non lasciare la mia mano di Michel Bussi - Vita a spirale di Abasse Ndione - L'età d'oro di Joan London


Pagine: 368  Prezzo: € 16,00
Data di uscita: 11 Maggio 2017
Un omicidio non è un omicidio se non c’è un cadavere, e il cadavere di Liane Bellion non si trova. Eppure ci sono schizzi di sangue nella sua camera d’albergo. Ed è sparito un coltello. E qualcuno giura di aver visto il marito, Martial, spingere un carrello fino al parcheggio con fare sospetto: il cadavere della moglie? È la settimana di Pasqua e l’isola della Réunion, paradiso tropicale francese in mezzo all’Oceano Indiano, pullula di turisti, il che non impedisce alla giovane e ambiziosa comandante della brigata di gendarmeria, Aja Purvi, di affrontare il caso senza riguardi per nessuno. Nelle indagini è coadiuvata dal fido sottotenente Christos Konstantinov, uno strampalato cinquantenne che sull’isola è soprannominato il “profeta”, gran bevitore e fumatore di marijuana nonché fine investigatore. È caccia all’uomo sull’isola intensa, come i francesi chiamano La Réunion: un vulcano di più di duemila metri circondato da deserti di cenere, foreste tropicali e barriere coralline. Come fa un uomo solo, con una bambina di sei anni al seguito, a sgusciare continuamente tra le maglie dello spiegamento di forze più imponente che sia mai stato messo in atto sull’isola? Ma forse c’è lo zampino di una misteriosa dama azzurra con l’ombrello. Ancora una volta Michel Bussi stupisce tutti con un finale che è un colpo di scena del tutto inaspettato.
Michel Bussi è l’autore francese di gialli attualmente più venduto oltralpe. È nato in Normandia, dove sono ambientati diversi suoi romanzi e dove insegna geografia all’Università di Rouen. Ninfee nere (Edizioni E/O 2016) è stato il romanzo giallo che nel 2011, anno della sua pubblicazione in Francia, ha avuto il maggior numero di premi: Prix Polar Michel Lebrun, Grand Prix Gustave Flaubert, Prix polar méditerranéen, Prix des lecteurs du festival Polar de Cognac, Prix Goutte de Sang d’encre de Vienne.

Pagine: 352  Prezzo: € 10,00
Data di uscita: Maggio 2017
Vita a spirale è un romanzo sorprendente, un on the road africano che ci apre ai misteri delle vite, dei sogni, dei divertimenti, del gergo dei giovani africani di oggi. La corruzione e l’assurdità del continente nero sono ampiamente descritte, ma il tono ironico e leggero contrasta con la cupezza con cui i media ci parlano dell’Africa. Non che Ndione nasconda la povertà, l’ingiustizia, la mancanza di orizzonti cui sono condannate queste giovani esistenze, ma porta alla ribalta con umorismo straordinario anche la gioia di vivere, di stare con gli amici, di sognare e la via maestra per raggiungere questi scopi: la canapa o marijuana o erba, che dir si voglia.
Abasse Ndione è un infermiere in pensione. Vive a Dakar. Le Edizioni E/O hanno pubblicato i romanzi Vita a spirale e Ramata.
Pagine: 240  Prezzo: € 16,50
Data di uscita: Giugno 2017
La famiglia Gold è sopravvissuta all’Olocausto, in Ungheria, e decide di emigrare in Australia. Ma una volta arrivati, i loro sogni di felicità sembrano infrangersi di fronte alla malattia del figlio adolescente, Frank. La diagnosi dei dottori non lascia dubbi, si tratta di poliomelite. Nel sanatorio chiamato “The Golden Age” Frank incontra una coetanea, Elsa, e se ne innamora, mente le loro famiglie sono alle prese con problemi d’integrazione e il dolore per la loro malattia. La mamma di Frank, pianista famosa quando viveva in Ungheria, rifiuta di accettare l’idea che la sua nuova casa sia in questo continente lontano e semidesertico. Mentre la madre di Elsa fatica a reggere il colpo della malattia della figlia. Ma la luminosità che scaturisce dal rapporto amoroso tra i due ragazzini rischiarerà di nuova luce le vite di tutti questi personaggi. Un grande romanzo che assorbe totalmente il lettore, una lettura che ha la luce dei classici.
Joan London è libraia e scrittrice, vive a Perth. È autrice di tre raccolte di racconti e tre romanzi tra cui il bestseller internazionale L’età d’oro. Ha vinto il Patrick White Award, il Prime Minister’s Literary Award e il Nita Kibble Literary Award.

Commenti