Bonfirraro sceglie Torino: “Andiamo ‘Oltre il confine’ da piccoli e indipendenti” Sorprese, incontri e tanti eventi


Andare. Oltre i limiti. Oltre il confine. Travalica ancora una volta il limes isolano la casa editrice Bonfirraro e, anche quest’anno, sarà presente al Salone Internazionale del Libro di Torino, in occasione della XXX edizione, che si terrà al Lingotto Fiere dal 18 al 22 maggio 2017.

Un’occasione imperdibile, quella della kermesse più importante dedicata alla cultura e ai libri - che quest’anno si pregia della direzione editoriale di Nicola Lagioia - per affermare la propria presenza, sempre in continua crescita, sul panorama editoriale italiano, per sancire il proprio lavoro pionieristico da indipendenti fin qui svolto e rilanciarsi sul mercato con nuove sfide “libresche”.

Lo stand di Bonfirraro sarà ubicato nel secondo padiglione: qui darà vita a un progetto visionario e innovatore, in linea con il claim che da sempre lo caratterizza “La nostra storia è il futuro verso cui ci avviamo…”.

Aderire al Salone piemontese per Bonfirraro è un fattore imprescindibile: per chi ha fatto dell’indipendenza una vera e propria bandiera, sulla quale erigere la propria identità imprenditoriale e culturale, quella di Torino non poteva che confermarsi una casa accogliente, che dà da sempre spazio e voce al pluralismo sul piano internazionale, volgendo lo sguardo anche alla “periferia” e alle piccole realtà editoriali senza preconcetti e pregiudizi.

E se la tematica del contest internazionale è quest’anno dedicata a “Oltre il confine”, Bonfirraro – che per l’occasione con la redazione di MyWhere ha stretto una fruttuosa partnership – si introduce in questa dialettica con l’obiettivo di guardare lontano, osservare l’altrove, di darsi e vincere sfide che sembravano impossibili, attuando progetti forti, basati su una conoscenza vera e approfondita del mondo editoriale, affinata durante i lunghi, importanti trent’anni di esperienza.

Eventi, incontri e approfondimenti sono previsti nella cinque giorni del Salone, ma anche tantissime altre sorprese per tutti i lettori e per gli autori della casa editrice… Così l’editore Bonfirraro: «Eravamo presenti a Torino in occasione della prima edizione ed è un grande onore ritornare trent’anni dopo, nonostante tutto, apprezzando gli sforzi dell’organizzazione che ha dovuto far fronte a una fortissima concorrenza. Noi piccoli editori abbiamo lottato contro una perniciosa crisi che ha distrutto, purtroppo, alcune belle realtà, ma noi siamo ancora qui, con l’entusiasmo dei bambini, pronti a scommettere su quello che è il nostro migliore amico, il libro».

Quest’anno, inoltre, accettando l’invito dell’organizzazione torinese, Bonfirraro ospiterà un editore straniero al proprio interno si tratta della casa editrice ceca Práh di Praga, con la presenza dell’editore Martin Vopenka, che troverà ampio spazio presso il suddetto stand, realizzando così il continuo scambio osmotico tra le culture europee, auspicato tra le migliori intellighentiae, come in un’antica repubblica delle lettere.

GLI EVENTI
Tre gli eventi di cui la casa editrice Bonfirraro si renderà indiscussa protagonista, che rispecchiano a pieno le linee editoriali e le scelte più vincenti: si andrà dal giallo, alla narrativa “in rosa”, passando per gli approfondimenti tematici in cui si distingue la fortunata collana “I Saggi”.

Primo appuntamento, dunque, con il sangue e i misteri legati alla figura, ambigua ed equivoca, di Cesare Lombroso: in uscita nelle librerie a metà maggio, sarà il Salone del Libro di Torino la prestigiosa cornice a ospitare la première del romanzo “Il diario Lombroso e il killer dei musei” dello scrittore Enzo Orlando.

L’appuntamento è fissato al Centro culturale Lombroso 16 (via C. Lombroso, 16) per giovedì 18 maggio, alle 19, e inserito nel contest Salone OFF. Qui l’autore, insieme all’editore Salvo Bonfirraro e lo studioso giallista Andrea Rastelli inizieranno gli astanti al thriller metafisico in un percorso letterario sviluppato tra un passato recente e la Torino del 2011, anno in cui è ambientata la narrazione.

Due, invece, gli incontri previsti per domenica 21 maggio. Alle ore 12 si offrirà un aperitivo filosofico, con la presentazione di “Regressione suicida – Dell’abbandono disperato di Emil Cioran e Manlio Sgalambro” a firma dell’eclettico scrittore Salvatore Massimo Fazio, nella sfiziosa location Si-Vu-Plé (Via Berthollet 11), accompagnato dai suoi relatori Stefano Maria Pantano e Federica Campione.

Nel pomeriggio, invece, ampio spazio si darà al tema della “scrittura al femminile”, con una discussione tra le autrici di Bonfirraro editore e i blogger più autorevoli del panorama editoriale italiano. Insieme si propongono di analizzare le mille sfumature di quel particolare sguardo, complesso e affascinante, tipico dell’altra metà del cielo.
Con la moderazione dell’editore Salvo Bonfirraro e Annarita Briganti, scrittrice e giornalista culturale, all’incontro prenderanno parte le coppie Mariuccia La Manna e Rosa Caruso (La Fenice Book), Cinzia Nazzareno e Maria Anna Patti (Casa Lettori), Ismete Selmanaj e Antonia Storace (Mywhere), Marcella Spinozzi e Debora Lambruschini (Critica Letteraria), Serena Ricciardulli e Giulia Ciarapica (Giulia Ciarapix), Alina Rizzi e Livio Partiti (Il posto delle parole), Samantha Viva e Fabiola Cinque (MyWhere), Simona Zanghì e Viviana Calabria (Emozioni in font) per un battesimo tutto al “femminile”. Seguirà buonissimo aperitivo dai sapori siciliani, con il vino gentilmente offerto dall’azienda agricola Berlingeri. 

Commenti