[Anteprima] I segreti di Murakami di Teruhiko Tsuge

Svela lo scrittore giapponese più amato al mondo


Ad aprile Murakami ha pubblicato in Giappone un nuovo libro, dal titolo Colorless Tsukuru Tazaki and the Year of His Pilgrimage. Si tratta del suo  tredicesimo romanzo, a distanza di 34 anni dal primo, Ascolta la canzone del vento, e a tre dall'ultimo, 1Q84. Più volte  candidato al premio Nobel, regolarmente in vetta alle classifiche e non soltanto con le novità, Haruki Murakami è forse  l'autore giapponese oggi più famoso al mondo: i suoi libri (romanzi, raccolte di racconti, saggi) sono veri e propri casi editoriali e hanno raccolto premi e riconoscimenti da ogni parte del globo. 

Murakami è, però, anche uno degli scrittori viventi più enigmatici e sfuggenti, al punto che  "I SEGRETI DI MURAKAMI", la biografia firmata da Teruhiko Tsuge e pubblicata in Italia da Vallardi, si apre con la domanda  “Lo scrittore misterioso Murakami Haruki esiste davvero?”.

Sono famosi quanto lui, infatti, la sua  refrattarietà alle macchine fotografiche, il suo carattere introverso, il pensiero complesso che si ritrova in trame che, spesso, comprendono  figure affascinanti ed ambigue, che non vengono spiegate ma lasciate all'interpretazione dei lettori. È il caso, ad esempio, dei Little People di 1Q84 o dell'uomo-pecora che troviamo in diversi romanzi.

Nella sua poetica è però possibile individuare elementi che si ripetono, come la presenza di  spiriti,  nani e  gatti, l'esistenza di una o più  porte che collegano mondi differenti, il ruolo della sessualità e del  sesso come chiave dei rapporti umani.

Il libro di Teruhiko Tsuge è allo stesso tempo saggio e biografia, poiché collega questi elementi al vissuto dell'autore e utilizza la sua vita come chiave di lettura per le sue opere. Sfogliando le pagine si scopre l'equa importanza dell' educazione spirituale buddhista e della  passione per i romanzieri americani per la fortuna di Murakami in occidente, l'atipicità della sua  infanzia “da figlio unico”, le somiglianze con gli autori che, come lui, hanno vissuto gli  sconvolgimenti culturali giapponesi della fine degli anni Sessanta e dei primi anni Settanta (e sono stati definiti  “la generazione che perse le parole”), perfino i  ritmi e i tempi della sua attività di scrittore.

Il libro sarà presentato martedì 18 giugno alle 18.30 alla libreria Borgopò di Torino. Ramona Ponzini, traduttrice per Vallardi de I SEGRETI DI MURAKAMI, converserà con Antonietta Pastore, traduttrice per Einaudi di alcune opere dello scrittore giapponese. 


Commenti

  1. Murakami è uno degli autori che leggo più spesso. E devo dire che con i suoi libri non mi ha mai delusa *_*
    Questa libro mi intriga molto!

    RispondiElimina

Posta un commento