Ichabod Crane, il maestro di Sleepy Hollow nato dalla penna di Irving

Ichabod Crane. Un personaggio leggendario in un racconto leggendario: quello su Sleepy Hollow. La Valle addormentata.
Proseguiamo a parlarvi di leggende, più o meno note, stavolta andando a proporvi un personaggio, quello di Ichabod Crane, protagonista di una storia inquietante quanto basta da affascinarci. E speriamo affascinarvi.
Lo strascico leggendario lo troviamo nella leggenda del cavaliere senza testa. Ma stavolta puntiamo su un personaggio letterario a cui il cinema ha dato connotazioni alquanto diversificate da quelle originarie.
Ichabod, nato dalla penna dello scrittore statunitense Washington Irving, è un maestro elementare, ben voluto dai suoi compaesani e che per racimolare qualche soldino in più da lezioni di canto.
Dimenticate la versione cinematografica, firmata Tim Burton nel 1999 con "Il mistero di Sleepy Hollow", dove Crane ha i tratti affascinanti di Johnny Depp, investigatore razionale e sui generis, e pensate a un uomo dinoccolato e poco attraente, così come ce lo consegna il suo creatore.
Sicuramente infatti, alla maggior parte di voi lettori (e in verità la utilizzeremo come termine di "paragone" cinematografico) sarà venuta in mente la trasposizione gotica di questa "favola horror" che ha avuto diverse versioni e dove accanto a Deep troviamo anche una giovanissima e bellissima Christina Ricci.

Per quanto riguarda la pellicola di Burton, a onor del vero, va aggiunto che essa si distacca in diversi punti dal racconto originale. Ma procediamo.
Ichabod affianca all'attività di maestro elementare, come dicevamo, quella di insegnante di canto. E tra le sue allieve c'è Katrina Van Tassel, di cui il povero maestro si innamora.  Povero nel senso letterario del termine [...] mentre Katrina è l’unica figlia di un ricco mercante olandese.
Il destino di Crane lo porta a incrociare il misterioso cavaliere senza testa, della cui storia viene a conoscenza dalle dicerie popolari e secondo le quali lo spirito si aggirerebbe di notte tagliando teste ai viaggiatori. La natura intellettuale e razionale di Crane lo spinge a rifiutare tali fantasie, fino a quando lui stesso non diviene bersaglio del fantasma. Il cavaliere senza testa, come racconta Irving, è lo spirito di un soldato che aveva combattuto ed era morto durante la guerra d’Indipendenza statunitense, colpito da una palla di cannone che gli avrebbe staccato la testa di netto. Da quella notte, il cavaliere senza testa dagli inferi cavalcava nei pressi della chiesa olandese e del cimitero di Sleepy Hollow alla ricerca di una testa da tagliare che sostituisse la sua.

Ma che fine fa il nostro Ichabod?

Il finale è un'altra delle parti in cui il film di Burton si distacca dal racconto di Irving. Non vi è alcun lieto fine infatti, perché il maestro scompare nella notte di Ognissanti dopo l'incontro con il fantasma [...]

Commenti