Anteprima e Recensione: Morire dal ridere di Antonietta Usardi

Buona Giornata!
Oggi parliamo di un'Autrice emergente e del suo romanzo d'esordio...

Morire dal ridere
Autrice: Antonietta Usardi
Editore: 011 Edizioni
Pagine: 120
Prezzo versione cartacea:  13,50
Prezzo ebook: € 8,99

Trama:
Il romanzo, opera prima di Antonietta Usardi, ci trasporta piacevolmente nella Chinatown di Milano, il quartiere Paolo Sarpi, per farci conoscere un negozio molto particolare, Una volta e per Sempre, che produce e vende oggettistica per suicidi.
In questo luogo surreale, in cui realtà e fantasia si mescolano, troviamo una famiglia convinta che l’esistenza non offra altro che dolore e disperazione ed un bambino, con un nome da rivoluzionario, deciso a dimostrare che la vita può offrire molto altro.
Milano. La famiglia di Vincent e Amelia gestisce da molti anni a Chinatown un
negozio per suicidi e nella vita non sembra vedere altro che dolore e sofferenza.
Un giorno di ottobre piomba nella pace domestica il nipote, il piccolo Robespierre, amante della vita, che con tutto il candore dell'infanzia si propone un'attenta e scrupolosa opera di ottimistico sabotaggio ai danni dell’attività degli zii.

Antonietta Usardi, milanese di nascita, si dedica da anni con passione alla scrittura e si occupa con successo di MilanoMagazine, giornale online dedicato a tutte le novità e a tutti gli eventi in città. 



La mia opinione:
Morire dal ridere,romanzo d'esordio di Antonietta Usardi,ci porta a Milano,in un particolare negozio,chiamato "Una volta e per sempre",in cui Vincent e famiglia vendono tutto il necessario per le persone che vogliono farla finita...
Insomma nel negozio ci sono piante velenose,armi da taglio di ogni foggia,fucili,revolver e quant'altro e ovviamente veleni in quantità industriale. 
Le persone che frequentano il negozio di Vincent non hanno che l'imbarazzo della scelta,aiutati non solo dal padrone,ma anche dalla moglie Amelia,dalla figlia depressa Sylvia e dal primogenito,nonchè recluso in casa,Ernest: sono la risposta italiana alla famiglia Addams!
Ma in questo tetro quadretto familiare fa la sua comparsa Robespierre,il nipotino di 6 anni di Amelia,che si ritrovano a dover tenere in casa,convinti di riuscire ad educarlo alla depressione...
Ma Robespierre,con un nome che è già tutto un programma,con i suoi sorrisi smaglianti,la sua zazzera di capelli rossi e la sua spontaneità riuscirà a rendere migliore la vita di tutti i componenti della famiglia e a portare gioia e felicità in un posto in cui si vendono accessori da suicidio!
Il romanzo è breve ma molto carino,mi sono divertita a leggere di questa strana famiglia e di come il piccolo Robespierre con la sua voglia di vivere riesca a trasformare ogni persona che incontra e a ridonarle il sorriso!
Mi è piaciuto molto lo stile dell'autrice: lineare,semplice ma non banale e ho apprezzato come sia riuscita  a descrivere con ironia il cambiamento di ogni componente della famiglia dopo l'arrivo del piccolo "sabotatore"!
Morire dal ridere è un pò una favola dolcissima,che ci fa riflettere sul fatto che per quanti problemi possiamo avere,la vita è sempre degna di essere vissuta!
Un ottimo esordio di cui consiglio a tutti la lettura!

Votazione:
4 Fiocchi di neve

Consigliamo di accompagnare la lettura con...



Baci...
Ilaria

Commenti

  1. Avevo già messo questo libro in WL e adesso sono anora più sicura di volerlo leggere.
    Però son stata distratta dalla torta: ma fa una gola!!!

    RispondiElimina
  2. Ahahah è vero la foto distrae un po,ma il libro merita davvero! :)

    RispondiElimina

Posta un commento