Jack Bennet e il viaggiatore dai mille volti di Fiore Manni

Buongiorno amici lettori! Oggi vi parlo del secondo volume dedicato alle avventure di Jack Bennet, un ragazzino di undici anni che vive a Londra con la mamma e che, grazie all'incontro con il Padre di Tutte le Cose e a una magica chiave passe-partout per aprire ogni serratura, ha iniziato a viaggiare tra i mondi.

In questa seconda avventura ritroviamo Jack, diventato l'apprendista del Padre di Tutte le Cose, pronto a imparare il mestiere dell'uomo che regge l'equilibrio dell'universo. Jack è impaziente di ricominciare a viaggiare in Mondi straordinari, come l'Oceano di Foglie o il Palazzo dell'Architetto dei Sogni, ma il Padre di Tutte le Cose sembra avere per lui altri progetti. E ben presto Jack si ritrova a prendere una difficile decisione: usare la chiave magica per passare in altri mondi, nonostante il divieto del suo maestro, o aspettare ancora.

In questo secondo volume Jack cresce e affronta pericoli e personaggi malvagi e tenebrosi, come l'Architetto degli Incubi, che si intrufola nei suoi sogni, e il Viaggiatore dai Mille Volti, un personaggio ambiguo e affascinante. Dovrà trovare in se stesso il coraggio per affrontare mondi oscuri e fare i conti con le sue paure più profonde.

L'elemento fantasy del romanzo si intreccia con uno più realistico: vedremo infatti Jack alle prese con i bulli della sua scuola, che lo prendono in giro perché così diverso da loro, e con il professore, che lo riprende spesso per la sua distrazione.

La gentilezza e dolcezza di Jack, la sua curiosità e altruismo sono gli elementi che apprezzo di più in questo personaggio, al quale ci si affeziona facilmente. La scrittura semplice e coinvolgente ci trascina, avventura dopo avventura, fino all'ultima pagina, e salutare Jack è sempre un po' triste. Questo secondo volume mi è piaciuto anche più del primo, ho gradito particolarmente i salti tra i mondi fantastici e la realtà di tutti i giorni e i nuovi, tenebrosi personaggi.

Un romanzo pieno di fantasia e immaginazione, sicuramente piacerà ai ragazzi ma anche agli adulti che vogliono riassaporare la magia dell'infanzia, dove tutto era possibile!


Commenti