Recensione: "La Discesa dei Luminosi" di Ilenia Provenzi e Silvia Loiacono

Siamo sotto la neve, qui da noi è difficile che cadano soffici e bianche stelle di neve perchè il nostro paesino è a un livello molto basso ma credo che un pò tutta l'Italia sia sommersa dalla neve. Oggi ho iniziato la lettura di Changeless di Gail Carriger un  autrice che ho adorato dal primo momento. In questo romanzo, fin'ora, non sembrano esserci "errori" come in Soulless e quant'altro, un vero peccato perchè ha distrutto un libro e una trama meravigliosi. Ma veniamo alla Recensione di oggi.

Editore: Giunti Y Pagine:448
Prezzo € 14,50
Trama:
2012 L’APOCALISSE È VICINA e tra le calli di una romantica Venezia si aggira un ragazzo biondo, così bello da non sembrare umano.
Jude è un abitante di Aurora, un mondo popolato dai Luminosi, creature perfette simili agli dèi ed è venuto sulla Terra in missione per conto del padre. Il potente Damon gli ha ordinato di trovare un antico codice Maya, l’unico strumento in grado di salvare l’umanità dalla catastrofe che è stata profetizzata. Durante le sue ricerche Jude si imbatte in Viola, una studentessa ostinata e razionale il cui passato è legato drammaticamente al codice misterioso. Sullo sfondo della laguna di Venezia, delle colline toscane e delle rovine del Messico, i destini dei protagonisti si intrecciano vorticosamente coinvolgendo non solo altri che come loro sono sulle tracce del codice, ma l’intera umanità.
Un’avventura mozzafiato dove la vendetta e l’amore si sfidano per decidere le sorti del nostro mondo.

La mia opinione:
Sono rimasta piacevolmente colpita dalla copertina...l'interno si spande e tanti puntini dorati ti sommergono facendoti ammirare questo libro a misura tascabile. La Trama a primo impatto sembra molto interessante e scorrevole, leggendo di Venezia subito mi ha attirata e mi ha fatto leggere d'impatto il romanzo ma andando avanti con il susseguirsi delle parole l'ho trovato noioso, non c'erano i soliti vampiri ma una razza diversa "I luminosi" provenienti da un'altro pianeta e con alcuni poteri soprannaturali. La scrittura è scorrevole e tranquilla, non difficile con qualche nozione sui Maya e l'antico Egitto. Tranquillo e rilassante, carino .  Forse ho letto troppi romanzi di questo genere in quest'ultimo periodo ma sinceramente mi aspettavo qualcosa di diverso e di nuovo, di intricante ambientato a Venezia ma così non è stato. I misteri non mancano, si susseguono e i due ragazzi protagonisti riescono a sopravvivere grazie anche al loro "amore". Solite lotte fra bene e male. Anche il finale ci lascia un pò interdetti e alquanto perplessi perchè naturalmente ci dovrà essere una continuazione come ormai tutti i libri che leggo. Comunque una lettura leggera e spassionata . Semplice da leggere e pratico.





Accompagnate la lettura con una bella tazza di Tè Bianco e un cubetto di cioccolata bianca.




Commenti

  1. Il Tè Bianco e il cioccolato mi sembra un connubio perfetto! Grazie mille per la lettura e la recensione!

    RispondiElimina
  2. Thè bianco...mai provato: dovrò rimediare :)
    Anche a me è piaciuto l'interno dorato. ma al contrario di te però a me è piaciuto tantissimo,l'ho trovato diverso dal solito :)

    RispondiElimina
  3. Io ho apprezzato molto il libro e credo che sia qualcosa di nuovo all'interno del panorama odierno degli YA. La storia è originale e lo stile è molto maturo... Credo che la Giunti abbia fatto un'ottima scelta, una scelta di qualità e non facile né scontata. Mi sembra strano che lo abbiate definito "una lettura leggera" quando avete cantato le lodi di Damned che, a mio parere, è qualcosa di trito e ritrito e anche lì ci sono "le solite lotte fra il bene e il male", solo che forse vi ha colpito di più perché è pieno (troppo) di amore e sentimentalismo, a volte anche esasperato, più per ragazzine che per YA veri.

    RispondiElimina
  4. La Giunti Y ha puntato su ben altro di interessante,
    ho letto in Estate molti libri che son usciti per la GIUNTI Y, molto belli
    e che affrontano temi interessanti. Mi sono piaciuti e ritengo che abbiano fatto lì una scelta eccellente tra cui "STARCROSSED" che mi ha attirato fin dal primo momento.
    Ma alla fine come si dice ..."E' tutta questione di gusti" sarebbe innaturale avere tutti lo stesso parere. Il mio parere sia in "Damned" che per "La Discesa dei Luminosi" è questo.

    RispondiElimina
  5. Lungi da me l'idea di fare polemica, figuriamoci, mi domandavo solo dove stesse la novità in Damned. Ecco, per esempio, io in Starcrossed non ci ho visto niente di eccezionale se devo dirla tutta, perché le dinamiche sono molto simili ad altri YA, con la differenza del tema mitologico, che è una bella intuizione, questo sì. Giunti Y ha, per esempio, un'autrice straordinaria in catalogo, che è Lois Lowry, poco commerciale forse, ma di grandissima profondità.
    Io considero quella della Giunti nei confronti della Discesa dei Luminosi una giusta scommessa su autrici italiane, che credo sia giusto sostenere. Capisco che il libro non abbia le caratteristiche più prettamente tipiche dello YA (amore&lacrime)ma rappresenta senz'altro un bello scarto.
    Poi, per carità, de gustibus.

    RispondiElimina

Posta un commento