[Anteprima] London in Love di Melinda Miller

Una commedia romantica a due voci: quella di Lisa e quella di Michele. Anche dietro lo pseudonimo di Melinda Miller ci sono una lei e un lui, una coppia non solo nella scrittura… Per di più, italiana. Che ha molto in comune con la coppia del romanzo. 

DIO SALVI I TACCHI… E L'AMORE!
Cosa c'è di più magico che innamorarsi? Che domanda! Innamorarsi indossando un paio di Louboutin!

London in Love
Pagine: 256 Prezzo: 12,00
In libreria: 25 settembre 2014
London in love è un romanzo a due voci.
Lei è Lisa: trent'anni (o poco più), un fidanzato storico che l'ha appena lasciata e una gran voglia di ricominciare. E forse è possibile: trasferirsi a Londra, per un anno, a casa di un'amica. E poi chissà…
Lui è Michele: trent'anni (o poco più), una fidanzata storica che sta per sposare, una vita da broker e una gran voglia di stabilità. Il suo sogno: lasciare Londra, dove lavora, e rientrare in Italia. E poi chissà…

Le strade di Lisa e di Michele s'incrociano brevemente sul volo Milano-Londra (vicini di posto, si detestano all’istante), per dividersi, con grande sollievo di entrambi, a Heathrow. Ma il destino li farà incontrare di nuovo, a Notting Hill, tra gli scaffali di God Save the Heels, la boutique di scarpe vintage, stilosissime e griffatissime, dove Lisa lavora.

Sullo sfondo di una Londra travolgentemente romantica, animata da personaggi indimenticabili ‒ da Palmer, l'eccentrico vicino di casa gay, a Marta, la fidanzata di Michele, perfettina e isterica, a Lady J, la celeb icona di stile, che mette all’asta la sua preziosissima collezione di scarpe ‒, Lisa e Michele si troveranno coinvolti in un inebriante girotondo in cui sarà molto difficile non cadere (dall’alto di un tacco 12) nelle braccia dell’amore.


Melinda Miller, in realtà, non esiste: dietro a questo pseudonimo si cela una coppia italianissima, unita non soltanto nella vita ma anche da una grande passione per la scrittura. London in love è ispirato alla loro storia: si sono sposati dopo essersi conosciuti in aeroporto, proprio come Lisa e Michele, e ora vivono e lavorano a Londra.

Commenti