[Tutto si crea, tutto si distrugge e tutto si trasforma sugli altipiani Islandesi, che ingannano con i riflessi e custodiscono i misteri dell'universo, sotto la neve i teoremi della vita e della morte.] Il libro dei vulcani d'Islanda di Leonardo Piccione

Buona giornata cari Lettori! Oggi parliamo di una delle mie ultime letture targate Iperborea che ogni volta mi sorprende per l'originalità delle sue pubblicazioni e per la bellezza delle sue edizioni.

Il libro dei vulcani d'Islanda - Storie di uomini, fuoco e caducità è un libro davvero molto particolare, infatti protagonisti sono i numerosi vulcani d'Islanda. L'Islanda è un paese che mi affascina moltissimo, spero un giorno di visitarla. Questo libro mi ha trasportato direttamente in questa magnifica terra, fatta di lande isolate, di paesaggi selvaggi e di tanta, tantissima bellezza. La bellezza dell'Islanda sta anche nel suo continuo cambiare e rinnovarsi, cosa che avviene anche a causa dei vulcani.

In Islanda ci sono tantissimi vulcani, di ogni tipo e genere. Vulcani attivi, vulcani sepolti, vulcani sottomarini, addirittura vulcani che sembrano spenti ma che ancora nascondono un'anima viva. Scherzando molti dicono che ci sono quasi più vulcani che persone. In realtà i vulcani fanno parte dell'identità islandese, sono una caratteristica del territorio e hanno reso questa terra quella che è oggi.

Leonardo Piccione ci accompagna tra 47 storie diverse, ognuna che ha per protagonista un vulcano. Si tratta di storie legate a notizie vere, alle famose saghe islandesi o semplicemente ad imprese a cui questi vulcani hanno assistito. I vulcani sono allo stesso tempo protagonisti e spettatori di queste storie, sempre lì sullo sfondo a distruggere e ricreare una terra che è in costante cambiamento.

Ho amato questo libro! Come ho già detto io sono profondamente affascinata dall'Islanda, dalla sua geologia e dalla sua storia. Questo libro ripercorre varie storie legate a questa terra, tutte diverse l'una dall'altra, che ci fanno conoscere qualcosa in più di questo meraviglioso paese. Lo stile dell'autore è molto scorrevole ed interessante, mai prolisso nè noioso. La narrazione è divisa in varie storie che hanno per protagonista un diverso vulcano. All'inizio di ogni racconto c'è una scheda dedicata al vulcano che ci fa una panoramica del vulcano stesso.

Le storie sono davvero molto varie e le ho trovate tutte molto interessanti e particolari. Passiamo da storie legate alla mitologia e alle saghe islandesi, arrivando a storie legate al calcio, alle missioni sulla Luna, alle missioni di esplorazione e così via. Tutte le storie hanno ovviamente in comune i vulcani e l'unicità geologica dell'Islanda, una terra che ha poco in comune con altri paesi e che sembra ricordare la superficie di pianeti come Marte.

Queste storie, gli stessi vulcani ci ricordano che niente resta sempre uguale, che tutto è in continua trasformazione, esattamente come l'Islanda. Un po' saggio e un po' particolare viaggio, questo libro ci offre una diversa chiave di lettura di questo straordinario paese in cui a farla da padrone sono dei giganti di fuoco e la creatività degli uomini. Buona lettura!

"Il sinistro brontolio dei vulcani ha sempre celato questo in fondo, una proposta di evasione, una via di fuga concreta e immaginaria insieme. Un invito a gioire del fuoco e del suo consumarsi, del suo continuo distruggere per ricreare, il solo modo per ingannare l'estinzione e concedersi un futuro nell'eterno presente di questo universo."

Commenti