[Anteprima] Maximum ride "Nevermore" di James Patterson

titolo originale:  Nevermore
traduzione: Alessandro Zabini
categoria: Narrativa
pagine: 320 - prezzo: € 16,90
In libreria: 18 luglio 2013

Il capitolo finale di una saga creata dall’autore più venduto al mondo



Max, Fang, Iggy, Nudge, Gasman e Angel sono stati le cavie di un esperimento genetico che ha mutato per sempre il loro DNA, rendendoli al novantotto per cento uomini e al due per cento uccelli. Braccati dai loro creatori, i ragazzi sono costretti a combattere non solo per se stessi, ma anche per la salvezza del mondo…

Quando un tifone d’inaudita potenza devasta le Filippine, Max non ha dubbi: quella è solo la prima di una serie di calamità naturali che, ben presto, si abbatterà sul mondo intero, segnando la fine del genero umano. Gli unici che possono fermare l’apocalisse sono lei e i suoi «fratelli», tuttavia lo stormo non è pronto ad affrontare la battaglia finale: Fang li ha abbandonati, scegliendo di restare in California, mentre la piccola Angel sembra svanita nel nulla, dopo che una terribile esplosione ha raso al suolo Parigi. Ma, all’improvviso, Fang si presenta alla porta di casa con una notizia drammatica: Angel è viva, però è stata fatta prigioniera dai Camici Bianchi, che la stanno usando come cavia per alcuni esperimenti. Costretta a scegliere fra il dovere e i sentimenti, Max prende infine una decisione: il mondo può aspettare. Così, insieme col resto dello stormo, organizza una rischiosissima operazione di salvataggio, senza sapere che uno degli scienziati che sta torturando Angel è la dottoressa Martinez, sua madre…

James Patterson è uno dei più grandi fenomeni editoriali dei giorni nostri. È il creatore di personaggi famosissimi come il profiler Alex Cross, le «donne del club omicidi» e i ragazzi della serie di Maximum Ride (pubblicata da Nord). È l’autore più venduto al mondo, con 220 milioni di copie (più di 2 milioni in Italia): negli Stati Uniti, ogni 15 libri venduti, uno è firmato James Patterson, per un totale di 16 milioni di copie all’anno.

Commenti

  1. Ok, non vedo l'ora... ma spero che sia migliore degli ultimi. Li ho trovati un po' sottotono.

    RispondiElimina

Posta un commento