Tutti i buoni motivi per struccarsi con l’acqua micellare

L’acqua micellare è senza dubbio uno dei prodotti più efficaci e delicati nel campo degli struccanti, e non solo: eppure non tutti ne conoscono né la composizione, né i benefici. Di cosa si tratta, dunque? Questo prodotto è il risultato di un mix di acqua termale e di micelle: elementi naturali che attaccano le impurità della pelle del viso, ma in modo molto delicato. Tutti i grandi marchi nel settore dello skincare hanno un prodotto di questo tipo: per esempio, Nivea propone un’acqua micellare extra-delicata, ottima anche per la pelle sensibile. Come funziona? In pratica, le micelle assorbono lo sporco ma senza impoverire la barriera idrolipidica.

Come si usa l’acqua micellare?

Utilizzare l’acqua micellare per struccarsi è davvero semplice: basta usare dei dischetti imbevuti di questo prodotto la mattina e la sera, passarli su tutto il viso e successivamente lasciare ai tensioattivi il resto delle operazioni. Questo perché non serve risciacquare, visto che la pelle è immediatamente pronta per la crema idratante. Il segreto, piuttosto, è usarla soprattutto in parti come le palpebre e la zona T, proprio perché molto leggera ma ugualmente efficace. Per quanto concerne un discorso di cute, in realtà l’acqua micellare si adatta a qualsiasi pelle, sia essa secca, grassa o sensibile: è un autentico prodotto tuttofare.

L’acqua micellare come rimpiazzo del toner

Prodotti come il toner, se da un lato sono efficaci, dall’altro richiedono anche un’enorme perdita di tempo: non il massimo, quando una donna si ritira a casa stremata da una lunga giornata lavorativa. L’acqua micellare, però, può essere tranquillamente utilizzata per rimpiazzare il toner: è più veloce, ed è anche in grado di spazzare via il make up più resistente. Il merito va tutto ai principi tensioattivi delle micelle, che sono idrofobi e idrofili: i primi vengono attirati dal grasso e dall’olio, i secondi dall’acqua. In sintesi, questo prodotto deterge in profondità ma senza disidratare la cute.

Usi alternativi dell’acqua micellare

L’acqua micellare al momento è al centro di una scoperta tout court: di recente, non a caso, molte hanno cominciato ad usare questo prodotto anche al posto del canonico shampoo. È corretto, oppure si tratta di un’esagerazione? La prima è la risposta esatta: il motivo è da ricercare ancora una volta nei tensioattivi delle micelle, che assorbono il sebo del cuoio capelluto insieme a tutto lo sporco. Dunque, usare questo prodotto sui capelli ha molti benefici e soprattutto non intacca la barriera della pelle, al contrario di alcuni shampoo. Da ciò si capisce perché l’acqua micellare si sia rivelata efficacissima per le chi ha i capelli grassi.

Commenti