[Recensione] London Calling: A tale from Norwich di Giuseppe Vitale & Chiara Listo


Genere:Horror/Gotico E-book: 4,84€
Londra, 2103 Il marchese Victor Howard Norfolk è quasi riuscito dopo anni di tentativi infruttuosi nell’obiettivo che si era prefissato: riuscire a riportare l’anima di sua moglie che vive dentro di lui all’interno di un nuovo corpo. Viene però interrotto nello scantinato dell’ospedale in cui lavora dall’attacco improvviso di decine di animati che entrano all’interno dell’edificio distruggendo le sue speranze a pochi minuti dal coronamento. Disperato e quasi senza denaro il marchese sfrutterà le uniche persone che gli sono rimaste vicine: un dhampir di nome Dem Plant e Juliet, una ragazza alla quale ha promesso di curare la sorellina malata, per provare a coronare la sua ossessione in un ultimo e disperato tentativo di ottenere ciò che vuole. Tra la follia e la lucidità estrema fino alla fine non ci si renderà conto di quale sia la vera realtà in cui si muovono i personaggi e quale invece siano le invenzioni create dalla loro tormentata fantasia.
Proprio nei giorni scorsi è uscito questo E-book. Sono stata contattata dall'autrice del Romanzo per esprimere una mia opinione in merito a esso; leggendo la trama sono stata ben felice di concedergliela.
Di solito leggiamo raramente gli E-book in PDF perchè sono antipatici e scritti in maniera minuscola...difficili da leggere e molto stancanti per gli occhi. Invece io ho scaricato il file E-pub e devo dire che sono riuscita perfettamente nell'intento! Le lettere sono abbastanza grandi e si può leggere tranquillamente su un Tablet, senza sforzare gli occhi. Ho letto più di 250 pagine in soli due giorni.
Il romanzo è vergato da due giovani autori emergenti e per essere "giovani" e alle prime armi hanno dato prova d'essere all'altezza del compito. Il romanzo tranne qualche piccolo errore di battitura è perfettamente in tono con il tema, ti trascina e ti fa vivere nel mondo dei protagonisti. 
Io l'ho trovato semplicemente PERFETTO e grottesco al punto giusto, anime in pena e maledizioni che si avvicendano senza mai lasciar spazio alla compassione. Davvero travolgente e istintivo. Creazioni di nuove razze e passione smodata per l'alchimia hanno reso questo romano uno dei pochi, veri, inattesi baluardi dell'ambientazione. A mio avviso si sono ben prodigati nell'opera e credo che se proseguiranno nel loro intento qualcosa di postivo e duraturo potrà nascere dalle loro penne.
La storia, fondamentalmente si snoda attorno a Victor creatore e ideatore Alchimista, ossessionato dalla morte della moglie e paranoico discernitore dell'essere. Miscelatore della vita/della morte e ricreatore dello spirito.
L'ambientazione è un futuro non identificato ma ben strutturato.
La passione e l'amore portano a vie deserte quando si cerca di arrivare a qualcosa che nemmeno l'essere può spiegare. Ebbene io sono arrivata alla conclusione che la scrittura di questo romanzo è davvero ben fatta. 

VOTAZIONE
Quattro Cuori, avrei messo cinque se non fosse stato per gli errori e qualche altro piccolo punto.
L'abito che mi ha ispirato 

Commenti

  1. Mi incuriosisce molto sprattutto per il personaggio del dampyr, figura che conosco dai fumetti. Volevo perciò chiedere: è un personaggio importante o marginale nel romanzo?

    RispondiElimina
  2. Dem, il dhampir, è uno dei tre punti di vista trattati nel romanzo e, anche se ha il minor numero di capitoli tra i tre protagonisti, le sue scelte influenzeranno molto la narrazione.

    Ciao, spero di essere stato utile

    Giuseppe, uno dei due autori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della precisazione! :)

      Elimina
    2. Di nulla, buona lettura se deciderai di entrare nel nostro mondo. :)

      Per ulteriori informazioni, ci trovi su questa pagina:

      http://www.facebook.com/pages/London-Calling-A-Tale-From/401455066617619?fref=ts

      Ciao !

      Giuseppe

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Posta un commento