Recensione: Vetro di Giuseppe Furno

Buon Pomeriggio!
Oggi vi lascio la Recensione di Vetro,un romanzo di Giuseppe Furno...


Venezia, 1569. Mentre la Serenissima Repubblica si sta preparando a un sanguinoso conflitto con l'Impero Ottomano e l'Inquisizione brucia migliaia di libri, l'esplosione dell'Arsenale illumina la notte, ed è violentissima. Intere contrade vengono rase al suolo, lasciando morti e feriti. Tra i soccorritori c'è Andrea Loredan, secondogenito del Doge e avvocato de' Prigioni, che si destreggia in uno scenario di devastazione e sofferenza destinato a cambiargli la vita. Nel frattempo, un vecchio nuota fra le fiamme che ardono sulla superficie della laguna: ha una missione da compiere in nome di chi ha amato. Riesce a salvarsi, solo per essere subito arrestato dalle milizie veneziane. Dice di essere un mercante turco di tappeti, ma lui e un ragazzo di nome Gabriele vengono gettati nelle Serenissime prigioni. Le accuse sono di inusitata gravità e la bellissima madre di Gabriele implora Andrea di assumere la difesa del figlio. Per difendere i due imputati, il giovane Loredan si trova invischiato in una serie di misteriose morti nel monastero della Celestia e incappa in un oscuro messaggio cifrato: la sua città, la città dei maestri vetrai, la città ella libera stampa e della cultura, rischia di cambiare per sempre volto. In un rocambolesco intrigo, che lo conduce fino a Lepanto, nel cuore del conflitto che vede ontrapposte le armate navali della Croce della Mezzaluna, l'avventura di Andrea diventa un'appassionata, epica e travolgente battaglia in nome della libertà.

Vetro mi ha tenuta impegnata per un po,innanzitutto perchè è in formato digitale ed è risaputo che io e gli Ebook non andiamo d'accordo!
Inoltre è stata anche una lettura impegnativa perchè non è riuscito a catturarmi quanto mi aspettavo...
Il romanzo inizia dallo scoppio dell'Arsenale di Venezia,che sveglia nel cuore della notte tutta la popolazione veneziana; il protagonista del libro, Andrea,si ritrova suo malgrado coinvolto in una serie di situazioni che lo porteranno ad entrare a far parte degli enigmi e dei misteri della vita veneziana...
Nonostante la mole,devo dire che il romanzo scorre veloce e non è eccessivamente pesante,anche se troviamo moltissimi personaggi che risulta un po difficile ricordare.
Dal punto di vista storico Vetro è praticamente perfetto: le descrizioni di Venezia sono accurate e molto dettagliate,il lettore riesce perfettamente a immaginarsi come doveva essere la meravigliosa Venezia a quell'epoca.
Ma,come ho detto all'inizio,il libro non mi è piaciuto particolarmente,ho trovato alcune parti un po noiose e la storia raccontata non è riuscita a catturarmi...
E' comunque stato interessante leggere tutte le parti storiche del romanzo che invece mi sono piaciute molto e che insieme a Venezia,la vera e indiscussa protagonista di Vetro,fanno di questo libro un bell'esordio letterario!

Votazione
3 Cuori e mezzo

Consigliamo di accompagnare la lettura con...


Baci...
Ilaria

Commenti

  1. lo leggerò a breve, vedremo che impressione mi farà, di solito amo i romanzi a sfondo storico!!! ^_^

    RispondiElimina
  2. Ho letto Vetro e me ne sono innamorata perdutamente! La trama è bella e avvincente, la ricostruzione storica è perfetta e la penna dell'autore assolutamente pregevole. Da anni cercavo un libro che mi rapisse in questo modo! Furno ti prende per mano e ti accompagna con eleganza e sapienza alla scoperta della Venezia rinascimentale. Ed è tutto un navigare in gondola nei rii, un camminare nelle calli, un inabissarsi nei meandri più oscuri, paurosi e maleodoranti delle carceri di Palazzo Ducale dove i condannati marciscono, dimenticati da Dio e dal mondo. Senti l'odore della Serenissima, il battito del suo cuore ed ti viene voglia di andarci o di ritornarci per rivivere ciò che ti ha regalato la narrazione. Ho consigliato Vetro ai miei amici e tutti ne sono rimasti entusiasti!

    RispondiElimina

Posta un commento