30 aprile 2013

Teaser Tuesday

Eccoci ad un nuovo appuntamento con Teaser Tuesday...


Le regole sono:
- Prendete il libro che state leggendo 
- Apritelo in una pagina a caso.
- Condividete un breve estratto di quella pagina senza fare spoiler.

Il Teaser di Rosa è tratto da "L'astrologo"


Firenze, 9 Aprile 1492
"Lorenzo de' Medici è morto." Non era l'unica preoccupazione che affliggeva Giorgio. La sua mente era un turbinio di pensieri. A volte, scivolavano via rapidi come le nuvole in cielo, altre, invece, si ammassavano come mendicanti sulla porta di una chiesa. Ma una cosa era certa, tutti iniziavano e finivano nello stesso punto: "Lorenzo de' Medici è morto". Il suo cadavere era ancora caldo. La vedova, i figli e gli amici lo stavano ancora piangendo. Tutta Firenze era ancora sconvolta
Pagina 9

Il Teaser di Maria Grazia è tratto da "Il poemetto di Dante"


Scusatemi, ma io devo ridiscendere
sulla faccia della terra;
ma capite che mi rovinano
in un fastidioso serra serra
quelli che dovrebbero gridare
con la sferza delle parole
sulla piazze e illuminare
anche e più quando non si vuole
i pelandroni distratti
che se ne stanno asserragliati
nelle metropoli dei misfatti
con tutti e due occhi bendati? 
Pagina 5 

Quali sono i vostri Teaser di questa settimana?

[Recensione] Kill all Enemies di Burgess Melvin

Case Ed.:Mondadori Pagine: 288
Prezzo: € 16,00
Cosa succede se non hai altro se non la tua rabbia cui attaccarti, per sopravvivere?
E se il mondo che ti è intorno sembra frantumarsi a ogni passo?
Billie sa di non avere più possibilità. Non può più farsi beccare in una rissa, a picchiare chiunque si azzardi a provocarla. Verrebbe cacciata dall’ennesima famiglia affidataria e dall’ennesima scuola. Invece ci ricasca.
Chris da quattro anni si rifiuta sistematicamente di studiare, eppure è intelligente e sveglio. I professori non lo sopportano più e all’ennesima pro- vocazione lo sbattono fuori.
Rob è considerato un violento, ma in realtà è il più indifeso di tutti, e sembra impossibile che riesca a usci- re dall’ennesimo guaio in cui si è cacciato.
Tutti, là fuori, saprebbero raccontare la loro storia, infarcendola di bugie, però Billie, Chris e Rob non l’hanno mai veramente raccontata a nessuno. Ma la musica migliore viene quando sei costretto a improvvisare, e allora la rabbia diventa uno strumento da suonare, perché la cosa più difficile, a volte, è farsi ascoltare. Bruciante, crudele e diretto come un pugno in faccia o il primo amore: questo romanzo e i suoi protagonisti lasceranno il segno.
è un autore inglese nato nel 1954. Ha fatto molti mestieri e solo nel 1986 ha cominciato a scrivere. Nel 1996 ha raggiunto il successo con Junk, un romanzo difficile che affronta il tema della dipendenza da eroina tra i ragazzi di Bristol. È considerato uno dei migliori scrittori contemporanei per adolescenti, e non ha mai avuto paura di confrontarsi con gli argomenti più controversi. Ha vinto la Carnegie Medal e il Guardian Children's Fiction Prize.
Il libro è duro, molto. 
La copertina è favolosa, delicata ma allo stesso tempo forte,
 la Mondadori ha colpito in pieno e il succo del libro è tutto incentrato lì!!
Il tema che viene trattato è quello della violenza, bullismo e gravi malattie che trascurate possono anche sfuggire; un forte richiamo ai genitori e più che ai ragazzi questo libro lo farei leggere a loro. Forte, violento e meschino. I tre protagonisti arrivano sull'orlo del precipizio e paron non tornare più indietro. Io l'ho trovato molto contrastante e non mi è piaciuto come sono stati affrontati i temi al suo interno ...mancava di qualcosa, di un pizzico di sensibilità che potesse riunire il tutto.
La storia scorre lenta non per la lettura ma per la vita dei tre ragazzi. Ognuno per un motivo si ritrova immischiato in storie di violenza e subire ciò ...è duro . 
Veriterio, molto, se pensiamo che anche nella nostra società ci sono questi casi e ci vorrebbe davvero qualcuno che fosse in grado di scovare le paure più recondite ma non sempre ve ne è la possibilità. 
Molte volte le scuole, i professori o semplicemente i genitori coprono il tutto, mascherano la realtà ma la verità non può essere nascosta o tradita . 
Lo scritto è serio e disarmante. Sul finale netto miglioramento.
Consigliato a chi ha problemi con i propri figli, 
a chi ancora nell'età dell'adolescenza non riesce a gestire degnamente il tutto.
VOTAZIONE
Tre Cuori
L'abito che mi ha ispirato

[Anteprima] Il dono del buio di V.M. Giambanco


in uscita in Italia in anteprima mondiale
il 30 maggio 2013
titolo originale: The Gift of Darkness
categoria: Narrativa
pagine: 470 prezzo: € 17,60

È la paura che gli dà la forza di correre. Il piccolo John Cameron non sente né la fame né il freddo e nemmeno si accorge di avere le braccia coperte di sangue. John sa soltanto che deve attraversare il bosco, nel buio. Solo così potrà chiedere aiuto per il suo amico James Sinclair. Solo così potrà salvare quello che rimane della sua innocenza…

Seattle, oggi. Gli occhi bendati, le mani legate e una croce sulla fronte tracciata col sangue: è in questa macabra posa che il detective Alice Madison trova i cadaveri di James Sinclair e della sua famiglia, trucidati nella loro casa. Dalle prove rinvenute, sembra che il colpevole sia John Cameron, un criminale sospettato di numerosi altri delitti. Ma per Madison i conti non tornano: perché John Cameron avrebbe ucciso il suo amico d’infanzia? Perché avrebbe dovuto odiare proprio la persona con cui aveva condiviso un’esperienza devastante? C’è qualcosa di oscuro dietro quegli omicidi, qualcosa che affonda le radici nel buio di quella notte di venticinque anni prima, quando la polizia aveva salvato i due ragazzini, non riuscendo però ad arrestare i rapitori. E, per scoprire la verità, Madison dovrà entrare in sintonia con l’assassino, e accettare che, quando si volge lo sguardo verso un abisso di tenebra, anche la tenebra guarda dentro di noi

Non c’è luce senza il buio: lo sa bene Alice Madison, la protagonista di questo straordinario romanzo d’esordio che, in un implacabile susseguirsi di sorprese e colpi di scena, ci conduce nei meandri più nascosti dell’animo umano. Madison è sopravvissuta a un’adolescenza segnata dal dolore ma, per fermare un assassino gelido come le nostre paure più profonde, sarà costretta a scendere di nuovo nel cuore dell’oscurità. E noi con lei. Perché bisogna «vedere» il buio per arrivare a riconoscere la luce.



V.M. Giambanco è nata a Roma ed è cresciuta a Firenze e a Milano. Dopo la maturità classica, si è trasferita in Inghilterra, dove si è laureata in Inglese e Teatro. Ha lavorato per anni come assistente al montaggio cinematografico, collaborando alla realizzazione di film come Donnie Brasco e Quattro matrimoni e un funerale. Il dono del buio è il suo esordio nella narrativa e, prima ancora di essere pubblicato, è già divenuto un vero e proprio caso editoriale. Attualmente vive a Londra.


LA SCOPERTA DI UNA VOCE NUOVA, LIMPIDA, INCONFONDIBILE

Prima di andare a pranzo, l’agente letteraria inglese Theresa Chris prende un manoscritto a caso dalla pila che ha sulla scrivania. Non appena comincia a leggerlo, viene catturata dalla trama e dallo stile dell’autrice.

Non ha dubbi, è un romanzo che deve avere: contatta subito V.M. Giambanco per proporsi come sua agente.

Theresa Chris è sempre più convinta di avere tra le mani un futuro bestseller e manda il romanzo in lettura ad alcuni editori selezionati.

Tra gli editor inglesi si scatena un’asta agguerritissima: dopo vari rilanci, vince Quercus, editore di bestseller come Stieg Larsson e Kristin Harmel.

Alla vigilia della Fiera di Londra, cominciano ad arrivare offerte da tutto il mondo. Nel giro di pochi giorni il libro viene venduto in Germania (Droemer-Knaur), Francia (Editions Albin Michel), Olanda (Luitingh Sijthoff), Spagna (Ediciones Pamies), Israele (Keter Books) e Giappone (Shueisha).

È attualmente in corso un’asta per l’acquisto dei diritti negli Stati Uniti e in Canada.

In Italia, la Casa Editrice Nord si è aggiudicata i diritti dopo una delle aste più intense dell’anno, strappando Il dono del buio a un altro importantissimo gruppo editoriale. L’agente e l’autrice hanno scelto la Nord per la sua capacità di portare al successo autori esordienti, come accaduto con Frank Schätzing e Glenn Cooper.

Maggio 2013: Il dono del buio esce in Italia in anteprima mondiale


LA FORZA DIROMPENTE DEL ROMANZO

scritto originariamente in inglese,
il libro è stato tradotto e rivisto dall’autrice
per preservare lo stile originale e il timbro inconfondibile

29 aprile 2013

Anteprima: Il trono di ghiaccio di Sarah J. Maas

Buona Giornata!
Oggi parliamo di un libro che non vedo l'ora di leggere: si tratta de Il trono di Ghiaccio di Sarah J. Maas...

Dal 21 Maggio in Libreria


Il Trono di Ghiaccio
Autrice: Sarah J. Maas
Editore: Mondadori
Pagine: 468
Prezzo: € 17,00

Trama:
Ogni assassino ha un prezzo. Anche Celaena ha il suo, ed è altissimo, perchè lei è la migliore. Quel prezzo però l'ha condotta ai lavori forzati nelle miniere di sale. Ma l'occasione arriva inaspettata: il giovane principe ereditario sta cercando un sicario che elimini i nemici di suo padre. Celaena deve guadagnarsi quel posto, in una sfida all'ultimo sangue,perchè il bottino finale, questa volta, è la libertà.
Ma fra le pareti di cristallo del Palazzo Reale si cela un sicario più spietato e terribile di tutti gli altri. Se Celaena non vuole passare da carnefice a vittima dovrà lottare contro ogni certezza e riuscire a sconfiggerlo.



Sarah J. Maas 
è nata e cresciuta a New York, ma dopo essersi laureata nel 2008 si è 
trasferita nel sud della California. Ha sempre adorato le storie di fate e il folclore,anche se preferirebbe essere quella che fa a pezzi il drago (anziché la damigella in difficoltà). Quando non è impegnata a lavorare, si perde tra le sue passioni: Han Solo, sgargianti smalti per unghie e la danza classica.




Intanto per chi avesse voglia di iniziare a conoscere il mondo creato dall'autrice sono già disponibili gratuitamente in formato digitale Tre dei Quattro racconti, che anticipano l'uscita del libro...



Che ne dite?
Anche voi lo aspettate?

Baci...
Ilaria

27 aprile 2013

[Recensione] La Maledizione di Ondine di Barbieri Valentina




Ondine è una giovane sensitiva in grado di percepire una dimensione in cui gli spiriti vagano, anelando il modo per tornare nel mondo dei vivi. Cercando una spiegazione razionale e scientifica, Ondine, insieme all’amico Francesco, indaga su eventi paranormali. La verità inizia a venire allo scoperto quando a Londra incontra Benjamin Law, un giovane e affascinante prete in grado di passare dall’Altra Parte. Grazie a lui, Ondine viene a conoscenza di oggetti posseduti e assiste a un terribile esorcismo. Le informazioni su un antico Ordine dei Guardiani portano Ondine e Benjamin a Praga, alla disperata ricerca di Lysandra Novacek, l’ultima discendente della famiglia a capo dell’Ordine. Tra spiriti e luoghi antichi, Ondine viaggerà per l’Europa, affrontando le sue più grandi paure, compresa quella di un amore così forte quanto impossibile.
Chi sono i Guardiani dei Portali e perché l’Ordine si è sciolto dopo la seconda guerra mondiale? Cosa si nasconde dentro la dimora di Hasdeu, filosofo e politico romeno della fine dell’800? Come si sconfigge chi è già morto?

Valentina Barbieri ha pubblicato un racconto, “Arèl”, nell’Almanacco Fantasy di Lettere Animate. Autrice esordiente La maledizione di Ondine è un e-book edito da Youcanprint. 


L’argomento su cui si sviluppa la trama del primo episodio di questa saga young-adult è molto interessante.
 Come pure i luoghi e i personaggi che lo caratterizzano. Si parla di ‘fenomeni paranormali’, di Taos Hum o metafonia e altre vicende affascinanti che giungono alla fine del romanzo. 

È proprio quando la situazione comincia a complicarsi che il racconto diviene più interessante. 
All’inizio, almeno noi, siamo rimasti un po’ ‘spaesati’, diciamo, da una vicenda, narrata sì con semplicità e immediatezza, ma che ci appariva come ‘incompleta’. 

Bellissima la copertina, che invita e cattura, ma pensiamo che il romanzo manchi di una complessità narrativa che ben si mescolerebbe alla laboriosità della tematica. 

Tre cuori per questo libro che ci ha fatto pensare a un film horror, ESP – fenomeni paranormali …  

VOTAZIONE
Tre cuori
Il film che mi ha ispirato: