[Recensione] Quando il Diavolo mi ha preso per Mano di April Genevieve Tucholke

Due Typewriters
Non mi aspettavo di certo un libro così. Tetro, lugubre e scritto in maniera leggera. Non mi è piaciuto, soprattutto l'inizio. Il modo di scrivere del'autrice è molto vago e non copre le caratterestiche che dovrebbero far essere un Romanzo/Thriller/Horror interessante e pieno di suspense, a me sinceramente, non ne ha data per nulla.

La copertina è molto carina anche se il titolo originale era molto più affascinante.
Suppongo che questa sia una trilogia visto che ho già notato il secondo in inglese.

Il libro è scritto in una maniera assurda, a cominciare dalla storia. Ci sono questi due ragazzi che vivono soli, come niente fosse e per sopravvivere affittano la loro depandance. Tutto ciò che succederà dopo sarà una tragedia.

Chi andrà ad abitare nei pressi della casa, sarà un mostro ma non del tutto, si innamorerà della protagonista, anche qui solito clichè e avranno una passione smodata.

Infantile, le prime pagine sono state davvero orrende e noiose, verso la fine è migliorato parecchio, sia il modo di scrivere, che la storia, anche se non si può definire un vero e proprio Thriller/Horror, tantomeno un libro adatto ai ragazzi.

Son rimasta interdetta su alcuni punti e molti non mi hanno convinta definitivamente. La lettura è stata breve perchè il libro non è lunghissimo ma a me sinceramente non ha attirato più di tanto. Ora vi passo la palla. Buona Lettura!

Commenti

  1. Oh, mi dispiace!!
    A me è piaciuto tanto e non vedo l'ora di leggere il secondo quest'estate! *_*

    RispondiElimina

Posta un commento