[Recensione] Shotgun Lovesongs di Nickolas Butler


Buona giornata cari Lettori! Ho dovuto mandare il mio computer in assistenza, di conseguenza sarò poco presente. Oggi ho preso in ostaggio il computer di mio padre, quindi ne approfitto per parlarvi di un libro davvero bellissimo...

Una cittadina rurale del Wisconsin, quattro amici che si conoscono da una vita, una fabbrica in disuso, matrimoni e separazioni e tanta, tanta musica...questi gli ingredienti principali dell'esordio di Nickolas Butler che ci conduce, attraverso una prosa ricca, alla scoperta del significato della vera amicizia...

Questa è la storia di Lee, musicista affermato, Ronny, ex star del rodeo, Kip, uomo d'affari, e Henry, agricoltore e padre di famiglia. Pur avendo preso strade completamente diverse i quattro amici si ritrovano nella loro città natale,  per festeggiare il matrimonio di Kip. Da questo momento seguiamo gli innumerevoli sviluppi della trama, che ci porta a scoprire i segreti e i pensieri più reconditi di questi quattro uomini così diversi l'uno dall'altro ma legati da una forte amicizia...

Shotgun Lovesongs è una storia che si legge in un battito di ciglia, una storia che nella sua semplicità riesce a catturarti completamente! Durante la lettura abbiamo modo di conoscere tutti i personaggi, grazie ad una narrazione che alterna i diversi punti di vista, permettendoci di entrare in sintonia con ognuno di loro;

Lee è forse il personaggio che più mi è piaciuto: musicista di talento alla ricerca di qualcosa in più, alla ricerca dell'amore, quell'amore senza interessi che è la chiave della vita. Lee è un personaggio complesso, ricco di sfaccettature che sono state perfettamente descritte dall'autore ed è forse l'emblema di tutta la storia. Insieme a Henry, uomo dedito alla famiglia, che ha messo da parte i suoi sogni per dedicarsi agli amori della sua vita,costituisce il meglio del libro, l'essenza di questo romanzo!

La cosa che trasforma una storia semplice come questa in un romanzo di un certo spessore è lo stile dell'autore: come ho detto la sua prosa è ricca, descrittiva, ha un fascino d'altri tempi che trasporta il lettore nei luoghi che fanno da sfondo alla storia, attraverso le sue descrizioni sembra di vedere le campagne del Wisconsin, le strade innevate, la fabbrica rimessa a nuovo e i silos che sovrastano il panorama!
Altro punto forte sono i sentimenti, le emozioni che escono a forza fuori dalle pagine diventando quasi reali e permettendo al lettore di entrare nella storia, di esserne parte!

Un romanzo genuino, basato sui valori dell'amicizia, dell'amore e anche del perdono, quei valori che rendono la vita degna di essere vissuta.Un bellissimo esordio che sono sicura riuscirà a emozionarvi profondamente!

"Quando non ho nessun posto dove andare, torno qui. Torno qui e ritrovo la mia voce come qualcosa che mi è scivolato dalle tasche. Qui riesco a sentire le cose, il mondo pulsa in maniera diversa, il silenzio vibra come una corda pizzicata milioni di anni fa. Come fai a spiegarlo a qualcuno che ami? Cosa succede, se poi non capisce?"

Commenti