[Recensione] Un sogno tra i fiocchi di neve di Corina Bomann


Buonasera miei cari Lettori! Oggi una recensione di un libro piccolo e grazioso. Un sogno tra i fiocchi di neve che ho letto in un paio di giorni. Un romanzo semplice e lineare, anche se mi aspettavo di più.

Si apre con una giovane donna di nome, Anna che non ha mai potuto sopportare il Natale, con tutto il suo corredo di luci colorate, dolci, regali e preparativi frenetici.  Ma quest’anno sottrarsi sembra proprio impossibile: il suo adorato fratellino Jonathan le ha strappato la promessa di raggiungerlo per festeggiare con tutta la famiglia, compreso l’insopportabile patrigno. E così, il 23 dicembre, Anna salta su un treno stipato di gente alla volta di Berlino. Un attimo di assopimento – o meglio, quello che sembra un attimo – e si ritrova in una desolata stazione sul Mar Baltico, nel cuore della notte e nel pieno di una tormenta di neve.

Il racconto non è affatto malvagio ma l’ho trovato un po’ pedante e noioso. Ripetitivo. I pensieri sono brevi e con sole duecento pagine la storia si snoda tranquilla, fra imprevisti e svariate nodosa sensazioni. La povera protagonista, si ritroverà a passare mille e un impresa, prima di arrivare alla sua agogniate meta. La parte che più ho trovato sconcertante,  è che lei stessa si ritrovi da sola, la notte a vagare per strade sconosciute e prenda passaggi da chiunque.


Non è brutto ma mi aspettavo, sinceramente qualcosa di più, qualcosa di più sentito e passionale, qualcosa di più caldo e accogliente. La storia narrata non è affatto povera di contenuti ma manca di quel “sex appeal” che ti lascia senza fiato, che ti fa amare il Natale e tutti i suoi difetti. Buona Lettura!

Commenti