[Recensione] Stormbird (La guerra delle rose#1) di Conn Iggulden


Buona domenica cari Lettori! Oggi parliamo di un bel romanzo storico che mi è piaciuto moltissimo...

Stormbird è il primo volume di una nuova serie storica ambientata alla corte di Enrico VI d'Inghilterra agli inizi del 1437.  Morto Enrico V, re amato e ammirato, grazie al quale gli inglesi erano riusciti ad ottenere importanti vittorie contro i francesi, sale al trono il suo giovane e inesperto figlio, Enrico VI, che sembra non condividere lo stesso ardore e la stessa inclinazione al comando dei suoi avi. Incapace di prendere decisioni, debole nell'anima e nello spirito, il nuovo re viene manovrato dai suoi consiglieri decisi a mantenere a tutti i costi sul trono un Lancaster; ma nell'ombra sono molti quelli che cospirano contro il re, primo fra tutti Riccardo di York, esponente di maggior rilievo della casata rivale dei Lancaster, che vede nella debolezza del re l'opportunità di ottenere il potere della corona d'Inghilterra. L'atmosfera che si respira nel paese non aiuta di certo il Regno del nuovo re, e la situazione sembra peggiorare quando viene dato l'annuncio che il re sta per sposare Margherita D'Angiò, una giovane nobildonna francese,in cambio della quale il re cederà alcuni territori alla Francia, quegli stessi territori che i suoi avi avevano tanto faticato per ottenere. Da qui iniziano in tutto il paese sommosse e rivoluzioni, e in Inghilterra si alza forte il lamento di coloro che per colpa della debolezza del Re hanno perso tutto...

Leggere questo romanzo è stato come fare un tuffo nell'Inghilterra del 1400, l'accuratezza storica è padrona del romanzo, infatti a parte qualche piccola licenza, si può notare l'enorme lavoro di studio e ricerca che l'autore ha dovuto fare per scrivere un romanzo di tale portata. Nonostante la mole del libro e l'argomento sicuramente non leggero, il romanzo si legge tutto d'un fiato, trascinando il lettore in un vortice di intrighi, tradimenti, sommosse e rivendicazioni! I capitoli si alternano tra vari punti di vista, tra cui una menzione va fatta a Derry Brewer, personaggio in questo caso inventato dall'autore, consigliere del Re e capo delle sue spie. Principale artefice degli eventi di cui si parla nel libro, Derry e Lord Suffolk sono tra i principali sostenitori del re, alcuni dei pochi che nonostante le sue scarse capacità governative tentano di mantenere intatta la dinastia reale dei Lancaster. Altro punto di vista interessante è quello della Regina Margherita, tanto forte quanto suo marito è debole; infatti è proprio lei, come conferma anche la storia, a farsi carico delle responsabilità della Corona, ancor più quando il Re si ammala di uno strano male che lo rende simile a un vegetale. E poi ci sono loro: i rivoluzionari, Jack Cade e i suoi uomini del Kent che mettono a ferro e fuoco le campagne inglesi e rivolgono poi la loro attenzione a Londra, in cui riusciranno a entrare in una notte che verrà sempre ricordata come una notte di sangue e combattimenti.

La narrazione alternata permette di avere un quadro d'insieme completo, dando ad ogni personaggio il giusto spazio e creando un'atmosfera carica di attesa, mi sembrava quasi di trovarmi alla Corte d'Inghilterra ad assistere in prima persona al suo declino! Lo stile dell'autore è avvincente, descrittivo ma mai noioso, e privo di quella didattica che potrebbe renderlo un semplice libro di storia.

La catena degli eventi segue esattamente quello che accadde a quel tempo e si interrompe al punto giusto,giusto abbastanza per evitare un cliffhanger, ma allo stesso tempo lasciando al lettore la voglia di sapere che cosa ne sarà del Re agnellino e della sua corte. Se amate i romanzi storici non potete esimervi dal leggere Stormbird, se invece non siete avvezzi a questo genere magari potreste iniziare proprio con la trilogia di Conn Iggulden, che vi assicuro saprà catturarvi e farvi vivere una bellissima avventura!


Sfortunato è quel regno che ha per re un uomo debole...



Commenti

  1. Ciao :)) ho letto da poco anch'io questo libro e non posso non essere daccordo con te **, ho adorato dall'inizio Derry e tutti i suoi complotti e per essere un romanzo storico (non proprio il mio genere) ha saputo coinvolgermi alla grande !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Eika! Mi fa piacere che sia piaciuto anche a te! :)

      Elimina
  2. Non sono una grandissima fan del genere storico, eppure questo titolo in particolare, un po', mi ispira! La tua recensione è mooolto incoraggiante, per fortuna! ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova,magari sarà proprio il romanzo che ti farà appassionare al genere! :)

      Elimina
  3. Lo volevo leggere da un sacco di tempo :D

    RispondiElimina

Posta un commento