Il racconto dell'Ancella di Margaret Atwood

Buon Pomeriggio #FeniLettori! Oggi parliamo di un libro interessante che ho letto in questi giorni, dopo aver visto la prima parte della serie TV "The Handmaid's Tale". La curiosità di leggere il libro relativo a questa serie, era tanta, e da qui è nata la voglia di andare oltre, cercare l'origine e le differenze (ve ne parlo anche nel video #Youtube qui sotto).

Il racconto dell'ancella scritto dalla penetrante scrittrice Margaret Atwood, vede la luce come prima edizione nel 1985, poi seguono varie ri-edizioni, fra cui una delle ultime di cui vedete la foto qui su, per Ponte delle Grazie. Con l'avvento della serie tv, questo libro assume notorietà e visibilità (come succede spesso) e arriva nei cuori degli spettatori.  

Ci troviamo in un mondo stravolto, dove vige la teocrazia totalitaria e le poche donne rimaste fertili sono chiamate ancelle, sfruttate per gli scopi dei più potenti, ma la scrittrice ci racconta uno scenario immaginario atroce. Non viene tollerato più nulla, tutto ciò che prima sembrava normale, in questo regime non lo è. A comandare il governo ci sono i Comandanti affiancati dalle loro mogli infertili che rimangono al loro fianco come statuine inutili.

Margaret Atwood ha ricevuto parecchi premi è una nota autrice Canadese, ed è riuscita a sondare bene nel cuore della protagonista, in questo libro tutto ruota attorno a lei a differenza della serie TV. Racconta ciò che ha vissuto e come lo vive ora, un libro introspettivo e pregno di emozioni. Ho apprezzato la scrittura fluida e mai pesante, le descrizioni e le emozioni che ne sgorgano dal cuore. 

Molto bello, pur essendo diverso (io credo che insieme si bilancino) per me è un libro che deve essere letto. Intenso e surreale. Cinque stelle piene come d'altronde per la SERIE TV!

Commenti