Teaser Tuesday

Buon Pomeriggio!
Eccoci ad un nuovo appuntamento con Teaser Tuesday...


Le regole sono:
- Prendete il libro che state leggendo e apritelo in una pagina a caso.
- Condividete un breve estratto di quella pagina senza fare spoiler.





Il mio Teaser è preso da "Kayla 6982" 

"E tu vuoi farla ora? Te la senti di rischiare la tua bella pelle color ambra?
Il respiro le si fermò in gola. Ma il terrore che le impediva di rispondere non aveva nulla a che fare con la leggenda che le raccontava Tala. 
Guardandolo dritto negli occhi, Devak sollevò la mano. Poi l'abbassò lentamente, finchè lei non riuscì a percepirne il calore. E la posò sulla sua.
Pagina 255











Il Teaser di Maria Grazia è preso da "La Profezia 
del lupo - I figli del Caos"

Era da sola. E aveva paura. Aveva fame e sete. 
Da tempo aveva smesso di sentire altre voci umane, gemiti o lamenti strozzati. Ora sentiva solo i topi, i loro passettini rapidi che le riecheggiavano intorno. Le sembrava che fossero sempre più numerosi. Dovevano essere decine. Centinaia. La Stanza dei Giochi era tutto fuorchè una stanza dei giochi.
Pagina 53








Il Teaser di Rosa è preso da "Ladra di Cioccolato"

"Cosa le piace mettere nel cioccolato,mademoiselle?"
Mentre parlava versò della panna in un pentolino, poi aggiunse zucchero invertito. la lezione di Cade aveva preso una direzione diversa rispetto a quella del gruppo. Philippe stava ancora spiegando come tagliare il cioccolato e cercava di mantenere la calma di fronte alla donna che continuava a richiedere il suo aiuto pratico.
"Mandorle" rispose Cade. 
"Amandes?" Sylvain abbozzò un sorriso, come se lei avesse detto qualcosa di charmant. In che senso charmant? Come una buffa ragazzina a cui si ha voglia di scompigliare i capelli?
"Vous aimez la tradition."
Pagina 77


Quali sono i vostri Teaser?
Baci...
Ilaria

Commenti

  1. Ciao! Io sto leggendo the restorer di Amanda Stevens. Questo è il mio teaser:
    Avevo nove anni quando vidi il mio prima fantasma.
    Mio padre e io stavamo rastrellando le foglie nel cimitero dove lavorava come custode da anni. Lìautunno era cominciato da poco, non faceva ancora abbastanza freddo per indossare un maglione, ma quel pomeriggio l'aria era frizante mentre il sole calava all'orizzonte. Una brezza leggera portava con se l'odore del fuomo di legna e degli aghi di pino, e quando il vento aumentò d'intensità, uno stormo di uccelli neri si levò in volo dalla cima degli alberi per solcare come una nube tempestosa il cielo di un azzurro pallido.
    Mi schermai gli occhi con la mano per osservarli e quando alla fine abbassai lo sguardo, lo vidi in lontanaza. [...]
    Chino sul rastello con cui stava ripulendo le lapidi, mio padre sibilò fra i denti: <>.
    Lo puoi trovare qui: http://inside-a-book.blogspot.it/2012/09/teaser-tuesdays-10.html

    RispondiElimina
  2. Ecco il mio:

    Un urlo le riempì le orecchie. Trasalì, mentre il suono perforava il suo sistema audio, e si girò verso la fonte. Sul mercato scese il silenzio. I bambini, che si erano messi a giocare a nascondino tra le bancarelle affollate, fecero capolino dai loro nascondigli.
    L’urlo arrivava dalla panettiera, Chang Sacha. Perplessa, Cinder si alzò e si arrampicò sulla sedia per guardare oltre la folla. Vide Sacha nella sua bancarella, dietro alla vetrina piena di panini dolci e focaccine di maiale, che si fissava le mani tese.
    Cinder si portò una mano al volto nello stesso momento in cui la consapevolezza iniziava a serpeggiare nella piazza.
    — La peste! — urlò qualcuno. — Ha la peste!
    Nella strada esplose il panico.
    Le madri radunarono i propri figli, coprendosi disperatamente il viso con le mani mentre si allontanavano in fretta dalla bancarella di Sacha. I negozianti chiusero di scatto le porte scorrevoli.
    Sunto urlò e corse verso la madre, ma lei allungò le mani per non farlo avvicinare. No, no, stai indietro. Una vicina negoziante afferrò il ragazzino, tenendolo sottobraccio mentre correva via. Sacha gli urlò qualcosa, ma le parole andarono perse nel tumulto.


    da "Cinder - Cronache lunari" di Marissa Meyer

    RispondiElimina

Posta un commento