Teaser Tuesday

Eccoci ad un nuovo appuntamento con Teaser Tuesday...


Le regole sono:
- Prendete il libro che state leggendo e apritelo in una pagina a caso.
- Condividete un breve estratto di quella pagina senza fare spoiler.

Il Teaser di Maria Grazia è preso da "Le relazioni pericolose"
Il Visconte di Valmont alla marchesa di Marteuil 

A Parigi
I vostri ordini sono incantevoli; il modo in cui li date è ancora più amabile; rendereste desiderabile il dispotismo. Non è la prima volta, come sapete, che rimpiango di non essere più vostro schiavo; e per quanto voi diciate che sono un mostro, ricordo sempre con piacere il tempo in cui mi onoravate con nomi più dolci. Spesso anzi desidero di meritarlo nuovamente, finendo col dare, insieme a voi, un esempio di costanza alla società. Ma interessi della più grande importanza ci chiamano; il nostro destino è la conquista; dobbiamo seguirlo: forse ci incontreremo ancora alla fine della carriera; perché, non infuriatevi bellissima marchesa, mi seguite con un passo almeno uguale; e da quando, separandoci per il bene di tutti, predichiamo la fede ciascuno per conto proprio, mi sembra che in questa missione d’amore voi abbiate fatto più proseliti di me.
Pagina 23
Il Teaser di Rosa è preso da " Il Giardino delle pesche e delle rose"

 Non torno spesso nei posti che ho lasciato. Trovo troppo scomodo avere a che fare con tutte le cose che sono cambiate: caffè chiusi, sentieri invasi dalla vegetazione, amici trasferiti altrove, o sistemati in maniera troppo permanente in cimiteri o case per anziani. 
Certi posti cambiano tanto radicalmente che quasi non riesco a crederci di esserci stata. In un certo senso questa è la cosa migliore: mi risparmia il solito crepacuore di luoghi e tempi già familiari ridotti a riflessi di sè stessi in specchi che abbiamo rotto quando ce ne siamo andate. Alcuni cambiano solo un pò, il che a volte è più duro da sopportare. Ma non ho mai fatto ritorno in un posto dove nulla sembrava essere cambiato affatto...

Pag. 30
Quali sono i vostri Teaser?
Baci...
Ilaria

Commenti

  1. La sveglia suonò alle 5 e mezzo e Robert Neville allungò, nell'oscurità mattutina,un braccio intorpidito e la fece tacere.
    cercò le sigarette e ne accese una,poi si sedette.Dopo pochi istanti si alzò e si diresse verso il buoi soggiorno e aprì lo spioncino della porta.
    fuori sul prato,le scure sagome si stagliavano come silenziose sentinelle.
    mentre li guardava,alcuni di oro cominciarono ad allontanarsi e li udì mormorare insoddisfatti.Un'altra notte era trascorsa.
    R. Matheson. Io,sono leggenda

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari