[Doppia Recensione] La storia di Willie Ellin & Emma di Charlotte Brontë


Buon pomeriggio cari Lettori! Finalmente sono riuscita a trovare lavoro quindi d'ora in poi è possibile che il tempo che dedicherò al Blog sarà un po' in meno, ma non voglio abbandonarlo! Oggi parliamo di due romanzi incompiuti di una delle mie autrici preferite.

La storia di Willie Ellin Emma sono due nuovi racconti incompiuti della Brontë tradotti grazie alla casa editrice Flower-Ed. In entrambi i casi si tratta solamente dei capitoli iniziali dei due romanzi, di un primo abbozzo che non sappiamo cosa sarebbe diventato e se avrebbe mai visto la luce. La prima storia, la più lunga, ruota attorno alla figura di Willie Ellin, personaggio che poi ritroveremo anche nelle poche pagine di Emma. In questa seconda storia la protagonista sembra essere una giovane orfana di cui purtroppo non sapremo mai nulla.

Risultati immagini per charlotte bronteQueste due brevissime storie, solamente abbozzate e qui riportate nel loro testo originale tradotto, sarebbero potute diventare ulteriori prove dell'immenso talento di Charlotte Brontë. In entrambi i casi è riconoscibilissimo lo stile dell'autrice, nonostante si tratti di pagine appena abbozzate e neanche corrette.

I due protagonisti avevano tutte le carte in regola per diventare i nuovi Shirley, Jane, Lucy o William. Il background delle loro storie, la vita difficile che già si intravedeva e la condizione di disagio in cui si trovano all'inizio dei racconti, sono tipici dei personaggi della Brontë.

Pur trattandosi di poche e incomplete pagine, questi racconti rappresentano una preziosa eredità per tutti coloro che amano la Brontë e i suoi romanzi. Possiamo solo immaginare cosa sarebbero diventati Willie Ellin e Emma se Charlotte avesse avuto l'opportunità di completarli, non ci resta che basarci su queste poche pagine e usare l'immaginazione! Buona lettura!

"Il dolore, per acuto che sia, dev'essere vissuto prima o poi."

Commenti

  1. Anch'io amo Charlotte e proprio per questo non li leggeròxD Avere solo i primi capitoli, intuirne la bellezza e rimanere poi a bocca asciutta... No, troppo dolorosoxD Non l'ho fatto neanche con quelli della Austen...

    RispondiElimina

Posta un commento