[Recensione] Il mistero di Villa Saturn (Le indagini dei detective di Gower St#3) di M.R.C. Kasasian


Buon Venerdì Miei cari #FeniLettori! Ho concluso anche il terzo libro della serie "Le indagini dei detective di Gower St."

Il Mistero di Villa Saturn mi ha delusa! Se il secondo mi aveva entusiasmato questo mi ha confusa. Nulla da dire sul caso complesso e articolato che ha messo in scena l'autore, tanto di cappello ma ho avuto difficoltà a seguire il filo del discorso (forse sarò scema io!). In questo libro è tutto più confusionario, impostato malamente e strascicato. Il libro è suddiviso in varie parti, per la maggiore raccontate da March Middleton che sembra confusa a causa del veleno somministratele, la storia prosegue accavallandosi secondo un filo logico sconnesso e non si riesce a comprendere se sia realtà o finzione. La seconda parte viene narrata da Sidney Grice il nostro detective egoista, pignolo e sarcastico che mostra anche un lato umano, non mi è piaciuto il suo modo di narrare schematico e fin troppo approfondito, con discorsi aleatori. Ritorna dopo poco di nuovo lei per metà in carcere e quasi pazza e per metà sui suoi diari.

La storia esprime una nota alquanto caotica, ritroviamo sempre la Londra  del 1883 con le sue violenze, i bambini lasciati per strada e mille altre povertà ma qui a differenza del secondo romanzo vengono analizzate poco e niente.

In questo romanzo March si trova dalla parte opposta ed è costretta a scagionarsi dalle accuse che la vedono offesa e pungolata di alcuni omicidi. In queste righe la stessa protagonista mi è sembrata leggermente più stupida e ignorante (avevo sperato fosse più intelligente). Si ode il suo passato e la spada di Daclome che le incombe sul capo!

Sidney Grice, molto meno astuto ma con occhio più decadente del solito. Abbruttito dalla malattia non riesce a ragionare lucidamente. L'ispettore Pound (per fortuna c'è lui!) come un povero diavolo sbatte come un forsennato sopportando ingiurie e meschinità da tutti. Molly la cameriera mi ha fatto morire nella sua ignoranza, poverina, ma l'adoro!
Insomma stavolta la storia non ha colpito il bersaglio ma è risultata purtroppo fare acqua da più punti, naturalmente ho ammirato la complessità del caso, come sempre, l'intelligenza dell'autore è superlativa ma non ho apprezzato il guazzabuglio di cambiamenti.

Una veleno che mescola le carte in tavola e fa perdere la direzione da seguire. 


The Gower Street Detective series

Commenti

  1. Questa serie mi incuriosisce moltissimo, l'ho adocchiata già da qualche tempo tra gli scaffali della libreria e spero di iniziarla presto!
    Non amo i libri confusionari, sebbene io ne abbia letto uno in cui la confusione tra gli avvenimenti e la quasi nulla distinzione tra immaginazione e realtà fossero elementi inseriti di proposito.
    Forse lo stesso vale per questo libro, non avendolo letto non posso dirlo con certezza, ma capisco quanto possa essere difficile seguire un caso in quelle condizioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io te la consiglio! Anche a me, nonostante questo terzo libro un pò arzigogolato, è piaciuta.
      Si credo che l'autore l'abbia fatto volutamente, passare da un racconto a un altro per far comprendere che March non era in grado di raccontare gli eventi.

      Comunque sia i casi sono molto belli e articolati in tutti e tre i libri! :*

      Elimina

Posta un commento