Un romanzo dolcissimo in cui l’amore viene raccontato sotto diversi aspetti.

Non lasciarmi andare è la storia di Grace, una bimba di 10 anni che vive in una brutta periferia di L.A.. Grace vive con la sua mamma ma tra di loro non c’è un rapporto madre e figlia. Grace è abituata a cavarsela da sola perché la madre è una tossicodipendente che invece di badare alla piccola passa le sue giornate a dormire, così rischia di finire nelle mani degli assistenti sociali; solo una persona potrebbe aiutarla quella persona è Billy Shine.

Bill è il suo vicino di casa, un ragazzo molto particolare. Soffre di attacchi di panico, è spaventato dalla gente e in più odia gli spazi aperti ma quando dalla sua finestra vede la piccola Grace tutta sola qualcosa lo sprona ad uscire per parlare con quella piccola bambina. Non è l’unico a notare la piccolina  anche gli altri inquilini iniziano a chiedersi il motivo della sua solitudine. Man mano che il tempo passa Grace inizia a passare il suo tempo con i suoi vicini mente le giornate della mamma sono fatte solo di sonno, la situazione inizia a farsi insostenibile così Rayleen si auto-nomina baby-sitter di Grace, per cercare di evadere i servizi sociali. Così avviene una cosa nel palazzo dove abita Grace che prima non si era mai vista, gli inquilini aiutano Grace e si aiutano anche tra di loro tanto da formare una routine quotidiana a cui partecipano tutti e tutti, cercando di proteggere Grace e non solo, Bill le insegna anche a ballare il tip tap.

Intanto la sua mamma continua a drogarsi e a non capire ciò che succede. Grace decide allora di scappare dai suoi vicini e con un piano che prevede che lei tornerà dalla madre solo se riuscirà a restare pulita per un mese. Rayleen riesce a convincere anche gli assistenti sociali che le concedono un mese di tempo prima di prelevare definitivamente Grace. Il tempo scorre, Grace e gli altri del palazzo si vogliono sempre più bene. L’apoteosi dell’amore, tutti si aiutano tra loro tanto che anche Bill riesce piano piano a superare un pò le sue paure. I giorni passano e allo scoccare del 27°giorno Grace può tornare a casa, sua mamma c’è l’ha fatta ma ora molte cose cambieranno e soprattutto Bill si troverà di nuovo solo?!

Un romanzo dolcissimo in cui l’amore viene raccontato sotto diversi aspetti. La maturità di una bambina di 10 anni riuscirà ad aprire gli occhi a molti adulti. Un racconto davvero emozionante anche se un pò lungo. Qualche volta quasi sembrava di leggere la stessa pagina ma ciò non toglie che ho trovato la storia davvero molto bella.

Commenti