Una ragazza con le mani sporche d'inchiostro vi porta dentro la storia della sua magica isola

Salve a tutti cari lettori, se avete voglia di scappare dal vostro mondo piatto questo libro è perfetto per voi! Oggi parliamo di "La ragazza di stelle e inchiostro" scritto da Kiran Millwood Hargrave edito da Mondadori e in libreria dal 20 Febbraio (di cui abbiamo partecipato anche al BlogTour con la nostra tappa"5 Motivi per leggerlo...").  Ho iniziato questo libro in mezzo alla sessione universitaria e grazie alle descrizioni di questi posti così magici riuscivo ad evadere dai miei libri se pur per un poche ore. 

Cosa c’è oltre la foresta? Chi abita i Territori Dimenticati? Isabella, figlia del cartografo che ha mappato la misteriosa isola di Joya fin dove lo spietato governatore Adori permette di esplorarla, sogna di poter disegnare su una cartina la risposta a queste domande. Così quando Lupe, la sua migliore amica nonché figlia del governatore, sparisce proprio in quei territori, è Isabella a guidare la spedizione di ricerca. Le mappe di famiglia la guidano attraverso villaggi deserti, nere foreste e fiumi prosciugati, e le stelle che suo padre le ha insegnato a osservare la accompagnano dall’alto. Ma il vero pericolo del suo viaggio appare presto chiaro: nelle viscere bollenti della terra Yote, un demone di fuoco, si sta risvegliando… 

Il libro riesce a tenerti con il fiato sospeso, è ricco di colpi di scena e di suspense per essere un semplice fantasy per ragazzi. La trama in se è molto avvincente anche se ci sono dei passaggi un pò più lenti all'inizio, dove vi è la presentazione dei personaggi, prima di iniziare la vera avventura tra i territori dimenticati di Joya. Le cose che mi hanno colpito di più di questo romanzo sono principalmente due: i meravigliosi flashback ricchi di sentimento legati alla sua famiglia della piccola protagonista Isabella e il legame che quest'ultima ha con i miti della sua isola

Fin dall'inizio vediamo quanto Isabella sia legata al lavoro di suo padre e quanto voglia scoprire di più sul quel mondo fatto di inchiostro e misure, un lavoro che sembra così lontano dal nostro tempo fatto di GPS, navigatore e di "Ehi Siri, portami in Corso Sicilia numero 1". Entriamo in un mondo fatto di precisione, strumenti delicati, passi e soprattutto tanta tanta passione per quell'inchiostro così magico. Non a caso proprio le mappe di Isabella riusciranno a risolvere i problemi più impossibili durante il loro viaggio. Sembrano solo argomenti di libri di storia che odiamo studiare ma i miti e le leggende sono quell'elemento misterioso e intrigante che regge le fondamenta dei nostri tempi. Isabella non considera queste come "storie mai esistite" ma come dei momenti passati della storia dell'isola realmente accaduti, scontrandosi più volte con lo scetticismo dei suoi amici e delle persone che incontra. 

I personaggi in generale sono abbastanza coerenti con la storia, Isabella in particolare è un bellissimo personaggio. Caratterizzato da una curiosità ai limiti del pericolo, da un grande amore per la sua famiglia, da alcune ferite legate alla morte della madre e dal fratello gemello. Lupe invece rappresenta l'opposto della sua migliore amica, sempre spumeggiante e a volte un po' nel suo mondo incantato costruito da suo padre, il Governatore. Entrambe le amiche ogni tanto però sembrano molto più grandi della loro età reale, l'autrice gli affida dei dialoghi e dei pensieri un po' estranei dalla loro età. Ma questo problema ormai si presenta in molti romanzi con i protagonisti molto giovani (da me ribattezzato "il fenomeno Stranger Things"). I personaggi adulti invece rappresentano benissimo alcune figure della società odierna in maniera perfetta: abbiamo i rivoluzionari sempre pronti a creare disagi per la loro ideologia, i funzionari dello stato costantemente alle direttive del governatore e quest'ultimo causa di tutti i mali dell'isola. 

Che dire di più, vi consiglio davvero di leggere questo romanzo soprattutto se siete dei piccoli adolescenti appassionati di miti e leggende. Sicuramente amerete Isabella e la sua isola di Joya! A tutti buona lettura!

Commenti