[Recensione]Il sogno di Jessica di Marta Dionisio

Quattro Fenici
Oggi non ho effettuato il mio solito pisolino ma ho dovuto subito scrivere la recensione di questo libro, che ho concluso da poco.

Sono rimasta completamente affascinata. La scrittrice pur essendo giovane ...è abile e esperta nella scrittura.Il Sogno di Jessica è uno di quei libri che ti rimangono dentro.

Questo secondo volume si ricollega perfettamente al primo che è nomato "Lo specchio di Beatrice" ove conosciamo Jessica e Beatrice...due ragazze della stessa età vissute in epoche differenti e che tramite uno specchio, si ritroveranno una nel corpo di un altra, a vivere vite completamente diverse.

Dolce romantico, sensuale e ben scritto questo secondo romanzo ha saputo catapultarmi perfettamente nelle epoche in cui le protagoniste  sono state fiondate. Seconda guerra mondiale per una e 2011 per l'altra. Avevamo lasciato le due ragazze con un litigio, uno specchio rotto e tanti guai ma le ritroviamo insicure, fragili e indecise, segnate dall'avventura che hanno dovuto affrontare.
Per Beatrice ritrovarsi nella sua vita originale dopo aver vissuto per svariati mesi nel 2011 non è stato semplice, la guerra, i morti, la povertà le sono ripiombati addosso come un cumulo di macerie. Per Jessica la mondaneità, il lusso, la frivolezza di giovani scialbi e senza senso la mettono in difficoltà, tutto quello che aveva vissuto durante la guerra le era sembrato un incubo e le si è impresso nell'animo e nel cuore segnandola per sempre.

Io credo che molte volte, non badiamo a ciò che la civiltà ci mette d'inanzi, alla quantità di prodotti o di benessere che ci mostra , gli occhi sono ciechi, a ciò che i nostri avi hanno combattuto, a ciò che hanno passato. La mole di morti che abbiamo nel passato che ci hanno liberato da ingiustizie, ormai sono solo un ricordo ma dovremmo farne tesoro e ricordare o almeno rispettare chi ha combattuto per noi. Questo libro è significativo, sensibile, dolce e romantico. Il dolore è palpabile così come le pagine che scorrono leggere e sublimi portandoti a rivivere ciò che è stato. 

Una favola divisa tra realtà e immaginazione. Sogni e incubi che si fondono, speranze e necessità che diventano pure e semplici in un mondo così diverso dal nostro. Ho ammirato la differenza che ella stessa mette nello scrivere le due epoche e l'abilità con cui lo fa. Il romanzo NON RISULTA pesante, ne affievolito ma piacevole, rilassante e scorrevole. Le due donne completamente diverse seppur uguali, si ritrovano ancora una volta, l'una nella vita dell'altra e la forza di Jessica la spunterà. Non aggiungo altro ma vi consiglio di leggere subito questo tomo. Buona Lettura!

Commenti