[Recensione] Le sorelle March di Amanda Hodgkinson

Tre e Mezzo Typewriters
Questo romanzo è stato bello da una parte ma malinconico da un altra. Vi è il susseguirsi di quattro generazioni e la storia viene vista attraverso esse.

Ha ispirato subito le mie corde. Un romanzo intenso, che affronta la storia e i relativi cambiamenti. Le sorelle Marsh è un racconto che ti tocca dentro. La guerra, le cattiverie, l'invidia, le dicerire, le superstizioni che vengon narrata ed erano vive durante la prima e poi a scemare nella seconda guerra mondiale si modificano ma alla fine sono sempre le stesse, sotto forme diverse ma sempre uguali.

I figli sono pezzi di anima che vengono strappati al grembo materno e per farli sopravvivere è davvero arduo. Le epoche durante le guerre sono state un evolversi di vittime, alcune ancora sconosciute, senza medicine, senza soldi, senza un briciolo di speranza.

Il susseguirsi del 1914 dove le colture erano floride, le terre l'unico sostentamente all'insegna dello smarrimento, per poi correre veloce fino alla Seconda guerra mondiale, fra amori dissipati, vite traviate e cambiate. Generazioni di Marsh che si susseguono, con le loro paure e problemi.

Una morsa di verità, di libertà che le segue fin dalla nascita, figlie del fiume e come esso vogliono sentirsi libere di seguire il proprio letto, senza nessuna costrizione. Il fiume le ha fatte nascere, il fiume nasconderà per anni il più grande dei segreti, le farà allontanare per potarle di nuovo a sè.

Amanda Hodgkinson ha saputo scegliere perfettamente le gocce da inserire in ogni parola e ha distillato i contenuti rendendoli sublimi al tatto e alla mente. Davvero genuino e sensibile anche se avrei evitato la lungaggine del perpetuare delle generazioni, troppo tediose. Il romanzo è tutto da leggere, BUONA LETTURA!

Commenti