[Recensione] Primavera a Rose Harbor di Debbie Macomber

Quattro Typewriters
La Locanda di Rose Harbor è davvero un luogo incantato e magico. Mi ha fatto venire voglia di cucinare, di sentirmi libera e passionale. Non so perché mi piaccia tanto questa scrittrice, forse per come scrive, forse perchè riesce perfettamente e farti immedesimare nel romanzo o forse perché scrive in maniera divina. Non lo so, fatto sta che io ho adorato anche questo secondo romanzo. Se volete leggere la mia prima recensione, correte QUI .

La veste grafica è deliziosa, come la prima, dolce e sensibile. La locanda anche stavolta si riempie di vita e la padrona di casa Jo Marie è davvero una donna squisita.

Altre due vite si intrecciano, chi per un motivo, chi per un altro si incespicano cercando di risolvere i problemi che l'esistenza gli ha posto davanti. Ogni volta sento un tuffo al cuore quando leggo e ogni volta mi rimane impresso nell'animo tutto ciò che è stato vergato. Adoro il modo di scrivere di Debbie e ancor di più il suo leggero senso d'essere, di sbrogliare le situazioni in maniera talmente fluida che sembra che piano piano tutto riesca a risolversi.

Questa volta parliamo di una malattia, forte, decisa che non lascia scampo; di un amore quello di Mary che ha trascurato per anni, l'ha distrutto e ora? Cerca redenzione. Come può essere difficile sopravvivere a qualcuno che ti vuole bene ...a qualcuno che ti ama, così profondamente da traviare la sua intera esistenza per il vero sentimento? Durante tutte le pagine sgorga il dolore vivo e pulsante.

La storia di Annie e del suo ex-fidanzato, traditore, petulante che l'ha plagiata per tutti questi anni rendendola schiava di se stessa. Oliver che riuscirà a riportarla a galla, grazie anche ai suoi nonni.

Sono vite, sono esistenze che ti rimangono dentro e che donano un posto; lasciano il cuore e l'animo alla locanda che cambierà le loro vite. Un romanzo intenso, con un cuore che batte forte. O se vogliamo essere precisi, con cuori che battono all'unisono. BUONA LETTURA e Buona permanenza alla Locanda dei Sogni.

Commenti