[Movie Review] Road to Oscar 2020: Piccole Donne

Piccole Donne Il Film
Buona giornata cari lettori! Oggi torniamo a parlare di film con uno dei candidati a Miglior film degli Oscar del 2020. Questa settimana abbiamo scoperto i candidati di quest'anno, di cui ho già visto 3 film in corsa. Nell'attesa di recuperare gli altri, con la piena consapevolezza che mi addormenterò durante il red carpet come ogni anno, parliamo di quello che già sapevo sarebbe stato il mio preferito. 

IL FILM

Piccole Donne locandina
Piccole Donne, il film scritto e diretto da Greta Gerwig, è la versione cinematografica dell'omonimo e celeberrimo romanzo di Louisa May Alcott, pubblicato per la prima volta nel 1868.
La storia è quella delle sorelle March, Meg, Jo, Beth e Amy, quattro giovani donne determinate a seguire i propri sogni, alle prese con i classici problemi della loro età, sullo sfondo della Guerra Civile Americana. Figura di risalto del gruppo è Jo, che si distingue dalle altre per la sua indole indipendente e per la sua perenne ricerca di libertà, che fanno di lei una donna ribelle in pieno contrasto con la figura femminile tradizionale del tempo. Determinata e testarda, Jo desidera affermarsi come scrittrice, nonostante i tempi non siano ancora maturi per un'autrice donna. La giovane, però, è pronta a tutto pur di realizzare il suo desiderio e spronerà le sue sorelle a fare altrettanto con i lori sogni e a ribellarsi a quel rigido sistema sociale che le vuole sposate in un matrimonio di convenienza, abili solo a badare a casa e figli.

LA MIA OPINIONE

Piccole Donne è uno dei candidati a miglior film degli Oscar del 2020 ed è anche la pellicola che io attendevo con maggiore trepidazione. La scoperta della realizzazione di una nuova trasposizione di Piccole Donne della Alcott mi ha riempita di gioia. Piccole Donne è il libro che più mi ricorda perchè ho iniziato a leggere e come ho iniziato ad amare la lettura; è il libro che lega la persona che sono adesso alla bambina che si rifugiava nei libri e che desiderava più di qualsiasi altra cosa essere Jo.

Piccole donne al cinema
Piccole Donne del 2020 è diretto da Greta Gerwig, che l'anno scorso gareggiava agli Oscar con Lady Bird. Si tratta di una trasposizione che poco ha in comune con quelle precedenti, tra cui la bellissima pellicola del 1994 con Winona Ryder nei panni di Jo; la storia infatti parte quasi dalla fine, troviamo Jo a New York che cerca di avviare la sua carriera di scrittrice. Richiamata a casa per l'aggravarsi della malattia di Beth, iniziamo a vedere tanti piccoli flashback che ci raccontano la storia e le vicissitudini delle sorelle più amate della letteratura.

Il taglio dato alla pellicola è molto particolare, infatti si concentra principalmente sulle difficoltà affrontate dalle sorelle March per affermare la propria autonomia, e in  molti casi la loro indipendenza, e nel costruirsi il futuro che desiderano. Ad interpretare le sorelle March troviamo Saoirse Ronan nei panni di Jo, Emma Watson che interpreta Meg, Florence Pugh che veste i panni di Amy e infine Eliza Scanlen come Beth. Ad accompagnarle troviamo Laura Dern nelle vesti di madre, Timothée Chalamet che interpreta Laurie, James Norton come Brooke, Louis Garrel nei panni del Professor Bhaer e infine una sempre meravigliosa Meryl Streep che interpreta la scorbutica zia March.

Piccole DonneIl cast stellare, e particolarmente azzeccato, ha certamente contribuito alla realizzazione di una trasposizione che si mantiene estremamente fedele al romanzo, ma che riesce allo stesso tempo a discostarsene riuscendo a cogliere gli aspetti più intimi del romanzo. La Gerwig infatti ha dato un taglio molto personale al racconto, prediligendo i dettagli della storia che mettono al centro di tutto le sorelle March, il loro ruolo di donne nel mondo, in  base a quello che la società dell'epoca voleva, e il ruolo che avrebbero invece voluto ricoprire.

La fotografia, le scenografie, i costumi e la musica hanno reso pienamente quelle che sono le atmosfere che si respirano durante la lettura dei romanzi. I dialoghi sono brillanti e c'è il giusto mix tra momenti drammatici e divertenti. Ho amato il modo in cui sono stati trattai i rapporti familiari, l'amore stesso, ma sopratutto la determinazione di quattro piccole donne che non si lasciano abbattere da nulla. Al cinema mi sembrava quasi di trovarmi lì, tra le pagine del romanzo insieme a Meg, Jo, Beth e Amy.

Piccole Donne Recensione
Una delle ultime scene del film vede Jo fare un monologo in cui parla di quello che ci si aspetta dalle donne, di quello che gli altri pensano una donna dovrebbe desiderare; tutto questo viene messo in netto contrasto con quello che invece le donne vogliono e dovrebbero desiderare, sulle loro aspirazioni e i loro desideri che non sono poi così diversi da quelli di un uomo. Il monologo è incisivo, perchè non riflette soltanto quello che era l'atteggiamento dell'epoca in cui è ambientato il romanzo, ma riflette un po'  anche la nostra epoca.

Il film è fresco, toccante e moderno, nonostante racconti una storia molto lontana da noi. E' quello che tutti gli appassionati di Piccole Donne desideravano, ma è anche qualcosa che piacerà a chi non conosce ancora la loro storia. Vi invito caldamente ad andare al cinema e a godervi questo piccolo gioiellino!

Sono uscita dalla sala commossa e stupita dalla bellezza del film, mi serviva per ricordare che non è mai troppo tardi, non è mai sbagliato inseguire i propri sogni. Mi sono rivista ancora una volta in Jo, in verità sono sempre stata Jo anch'io, lo sono ancora adesso. 

Buona visione!

Commenti

Post più popolari