[Recensione]Delirium di Lauren Oliver

Buona Domenica...a voi Lettori.
Prima di andare vi lascio una nuova RECENSIONE!!

Prezzo:    € 9,90
Dati: 2011, 383 p., rilegato
Traduttore: Flore F.
Editore    Piemme (collana Freeway)
Mi chiamo Lena e sono una ragazza come tante. Tra tre mesi, il giorno del mio diciottesimo compleanno, potrò smettere di preoccuparmi: verrò curata e non rischierò più di innamorarmi. Dicono che tanto tempo fa l’amore portasse alla follia, al delirio, alla guerra. E alla morte, come è successo a mia mamma. Per fortuna però gli scienziati trovarono una cura e l’amore venne sconfitto. Tra tre mesi sarò al sicuro, questo è quello che mi hanno insegnato.Questo è quello che mi hanno promesso e che io desideravo. Poi ho incontrato Alex ed è tutto cambiato. L’amore mi ha infettata.

Ieri sera ho concluso "Delirium" e devo dire che mi ha lasciata un pò interdetta. 
Sono giorni che lo aspetto e appena l'ho avuto fra le mani subito ho iniziato a leggerlo. La parola Delirium è davvero "azzeccata" . Il libro è un Delirio, sembra di essere ritornati un pò ai tempi dei "lager"- le cripte sono identiche, putride, sporche e gente buttata lì solo perchè si è innamorata; eh si avete capito bene! La parola amore, i sentimenti, la gioia e tutto ciò che ne consegue, sono una MALATTIA!! Io, personalmente ho trovato il libro un pò noioso, si è dilungato troppo sulle descrizioni e molte volte ripetitivo su alcuni principi. Lena la protagonista essendo cresciuta in questo mondo ha inculcato l'idea che all'età di 18 anni dovrà farsi operare, cioè farsi asportare una parte di cervello e estrapolare quella sezione che  provoca tutti i sentimenti che appartengono all'amore. Alquanto brutale direi ma l'idea non è malvagia. Il libro è scritto molto bene ma il contenuto è forte, mi ha colpito al cuore. Una nota positiva va anche alla copertina che è stata modificata dalla Piemme, davvero molto bella e in tonalità con il secondo libro uscito da poco "Chaos".
Un personaggio che mi ha attirato e piaciuto fin da subito è stato Hana la miglipore amica della protagonista, forte, allegra, decisa e con una nota di malinconia.
 Ci sono stati alti e bassi nella lettura e posso dire che all'inizio è stato davvero interessante; scoprire tutte le caratteristiche e cosa sia successo lo rende diverso, la parte centrale noiosa e la fine mi ha stupita e sono rimasta a bocca aperta anch'io nello scoprire una sconvolgente verità. 
Nel complesso non mi ha entusiasmato, forse perchè è solo l'inizio e spero che CHAOS mi lasci senza fiato... poi vi racconterò. 
Tre Cuori e Mezzo
L'abito che mi ha ispirato:

Commenti