[Recensione] La bottega dei sogni smarriti di Beth Hoffman


Buon pomeriggio cari Lettori! Fa freddissimo. Piove da decadi. Della serie "Mai na gioia!" Comunque,oggi parliamo di un altro libro che ho letto a Dicembre e che purtroppo mi ha deluso parecchio...

La bottega dei sogni smarriti racconta la storia di Teddi,della sua bottega di antiquariato e della vita tranquilla che conduce a Charleston. Una vita piuttosto solitaria da quando ha deciso di lasciare la sua città natale,lasciandosi alle spalle famiglia e affetti,per dedicarsi al recupero di oggetti antichi,prima da apprendista,e poi come proprietaria della bottega.
Quando sua madre muore improvvisamente, Teddi è costretta a fare ritorno a casa e a rivivere ricordi che era quasi riuscita a dimenticare. Tornare a casa significa ricordare quanto le manca Josh,suo fratello,scomparso molti anni prima e mai ritrovato.
Attraverso i ricordi della protagonista l'autrice ci narra la storia di Teddi e Josh,fratelli accomunati da due passioni diverse,l'antiquariato per Teddi e la natura per Josh.
La trama prometteva una storia magica,ricca di pathos e dalle atmosfere misteriose,ma in realtà ho trovato molto poco rispetto a quello che mi aspettavo.
La storia si trascina lentamente,alternando i capitoli tra presente e passato,narrandoci della vita attuale di Teddi e dei ricordi più belli legati alla sua casa e a suo fratello Josh.
Il romanzo è fin troppo ricco di descrizioni,specialmente riguardo ai luoghi dell'infanzia di Teddi,e devo dire che queste descrizioni alla lunga rendono la lettura un po' noiosa e non particolarmente scorrevole.
Mi aspettavo una storia molto più caratterizzata dai sentimenti,dall'introspezione dei personaggi,ma purtroppo questa lettura mi ha delusa parecchio!In conclusione devo dire che mi aspettavo molto di più da questo romanzo,ma alla fine si è rivelato essere una lettura come tante che non brilla per originalità!

Commenti