[Recensione] Il mondo secondo Bertie di McCall Smith Alexander

Buon Venerdì! Oggi parliamo di un libro che ho letto a rallentatore ma ultimamente sono un bradipo. Non me ne vogliate...

Il mondo secondo Bertie
ha attirato la mia attenzione in libreria, la sua copertina mi ha affascinata, la trama era interessante e avevo già acquistato qualcosa di questo scrittore. Questo è il quarto volume de "Le storie del 44 Scotland Street" dove si intrecciano le vicende di vari personaggi, si amalgamano vite vissute e vite appena nate.

Ci troviamo a Edimburgo, Scozia, dove possiamo scorgere uno squarcio delle vite di alcuni inquilini. Domenica antropologa che è appena tornata da uno dei suoi viaggi. Antonia che ha appena acquistato l'appartamento difronte a Domenica. Il piccolo Bertie con i suoi grandi problemi, con un fratellino appena nato e la sua mamma Irene insopportabile donna che impone al figlio le sue scelte. Harmony la maestra di Bertie, Pat la fidanzata di Matthew e tanti altri che si confondono in mille vicissitudini, dove ognuno a suo modo porta con sè armonia, gioia e allegria.

Tutto gira attorno al 44 di Scotland Street, una strada fin troppo in voga. Un romanzo elegante, marcato, con una scrittura articolata  che denota una certa maestria da parte dell'autore Alexander McCall Smith. Note ironiche e sarcastiche che definiscono il carattere scozzese e gli stessi scozzesi, dove si può denotare uno squarcio di Edimburgo e dei suoi abitanti.  La bellezza del paesaggio e le mille sfumature che si colgono sono imperdibili...  
Il libro è diviso in capitoli e ogni due capitoli, più o meno, ci riportano nella vita di uno dei personaggi. Le descrizioni sono approfondite, ben articolate e studiate. Ogni piccolo particolare è sottolineato, forse alcune volte eccessivamente risultando noioso. Avrei preferito qualcosa di più scorrevole e meno puntiglioso. Nulla però da ridire sullo stile impeccabile e altero che compone il libro. Storie delicate, vere e reali che toccano argomenti fondamentali, di tutti i giorni e la difficoltà che c'è ora per ogni mestiere...

Il carattere di ogni singolo personaggio viene lentamente a galla e il tutto ci lascia affascinati. Un romanzo che sicuramente merita di essere letto. Vite che meritano di essere scorte...

Il maglione color porridge sgualcito che indossava non era propriamente di cattivo gusto, ma era senza dubbio una cattiva scelta se ci si voleva dare un tono, come Matthew. Per non parlare dei pantaloni che erano di quella tinta sempre più in voga, fragola spiaccicata, da cui Pat si trovò costretta a distogliere gli occhi. 

Commenti