[IV° Tappa BlogTour] Il mio nome è Leon di Kit De Waal

Buon Pomeriggio cari Lettori, è con molto piacere che vi parlo di un libro che ho appena terminato. È un romanzo molto ma molto bello, nonostante tratti temi molto forti, sono stati affrontati dall'autore con semplicità disarmante. Un libro che inevitabilmente vi trascina in un turbine di emozioni forti che ti segnano.

IL LIBRO

Leon ha nove anni quando prende in braccio per la prima volta il suo fratellino appena nato, Jake. Un neonato che sembra un bambolotto, con la pelle bianchissima, così diversa da quella di Leon che ha la pelle scura. Ma ora che la loro mamma non si vede più in giro e loro devono andare a vivere con Maureen, una signora dai capelli rossi e ricci e una pancia come Babbo Natale, Leon capisce che deve proteggere il suo fratellino: perché qualcuno vuole prenderselo e avere quel bambolotto bianco tutto per sé. Anche se Maureen gli spiega che è per il bene di Jake, che c'è una famiglia che vuole dargli una casa e un sacco di amore, per Leon è solo un tradimento. È per questo che Leon adesso è triste e anche un po' arrabbiato. Per fortuna alcune cose lo fanno ancora sorridere, come correre velocissimo in discesa con la bici e rubare con Maureen abbastanza monetine per poter, un giorno, andare a prendere Jake e anche la mamma come un vero supereroe. Con l'evocazione di un'Inghilterra in cui le divisioni sociali sono più che mai evidenti e dal colore della pelle può dipendere il futuro di un bambino, Il mio nome è Leon è un romanzo che ha colto di sorpresa i lettori inglesi; la storia struggente e dolcissima, raccontata con lo sguardo del piccolo Leon, della forza di un amore e della capacità di superare il dolore e la perdita. E soprattutto la storia di che cosa vuol dire avere una famiglia o trovarla dove meno ce lo si aspetta. 

KIT DE WAAL

È nata a Birmingham da madre irlandese e padre caraibico. Ha lavorato per 15 anni come avvocato occupandosi di famiglia e adozioni. È stata consulente legale dei servizi sociali sugli affidi e ha scritto diversi libri sull'argomento, ricevendo diversi premi. Il mio nome è Leon è il suo primo romanzo, accolto da grandissimo successo in Inghilterra e candidato al prestigioso Costa Book Award for First Novel.

RECENSIONE

Leon è un bambino di 9 anni, potrebbe sembrare un bambino normale come tanti ma no, non lo è; non perché lui sia malato o altro, piuttosto perché lui è un bambino nero nell'Inghilterra del 1980. Ma Leon non è solo questo, la sua mamma Carol è bianca e da poco ha dato alla luce il fratellino di Leon, il piccolo Jack che però non è nero come Leon ma bianco come il suo papà. Carol, la mamma di Leon, è una ragazza madre di due bambini, molto fragile e volubile e dopo il secondo parto si ritrova da sola e senza soldi; questo l'ha portata a cadere in una profonda depressione che non le permette di prendersi cura dei suoi bambini.

Leon, per non finire di nuovo nelle mani degli assistenti sociali, decide di occuparsi lui della mamma e del fratellino, così Jack fa tutto con lui: il bagnetto, la pappa, i sonnellini, tanto che Leon non va più a scuola, ma da solo non può farcela, la fame si fa sentire anche per lui, così chiede aiuto ad una vicina che non può far altro se non chiamare gli assistenti sociali.

Leon e Jack vengono portati presso la casa di una donna, Maureen, che vive sola, e la donna con molta cura inizia a occuparsi dei due piccoli. Leon e Jack stanno bene con Maureen anche se gli manca la mamma che è in ospedale per farsi curare. La vita dei due bimbi scorre tranquilla fino a quando un giorno un’assistente sociale, che Leon chiama "zebra" per via dei capelli, spiega a Leon che Jack perché piccolo verrà adottato ma lui resterà con Maureen. Da qui inizia il declino del bambino, il quale si sente privato di una parte di sè, non solo non può vedere la sua mamma e non può vivere con lei, adesso perderà per sempre anche il suo fratellino. Ma Leon un pò di luce riuscirà a trovarla in fondo al tunnel, troverà un barlume di speranza infatti, rubando monetine a Maureen, decide di mettere da parte i soldi per andare a recuperare Jack e non solo, molte altre opportunità si presenteranno lungo il suo tortuoso cammino che gli faranno trovare una famiglia laddove sembrava impossibile.

Ci ritroviamo in un Inghilterra in cui la divisione netta tra bianchi e neri era così forte da precludere anche un’adozione, infatti Leon per via del colore della sua pelle non sarebbe mai stato adottato… ma anche in un mondo così ostile si può trovare l’amore e lui verrà amato per il dolcissimo bambino che è!

Un romanzo bellissimo e commovente in cui l’amore riuscirà a trionfare anche su una grande e dolorosa perdita.




UNA COPIA PER VOI...

a Rafflecopter giveaway

Commenti

  1. si percepisce tanto che il romanzo ti è piaciuto dalla tua recensione! inoltre, bisogna ammetterlo, questa copertina della piemme è straordinaria! spero di leggere presto questo interessantissimo romanzo!
    Luigi Dinardo
    luigi8421@yahoo.it

    RispondiElimina
  2. Grazie! Si mi è piaciuto tantissimo , anche perché è un tema molto forte affrontato con una semplicità disarmante, che ti permette di penetrare i pensieri del piccolo Leon. Impossible resistere alla sua innocenza minata dalla cattiveria dei "grandi"!

    RispondiElimina
  3. Molto bella la tua recensione, sei riuscita a trasmettermi in modo impeccabile le tue emozioni. ❤️
    Ho sentito un brivido sulla pelle mentre la leggevo, sono sicura che questo libro sia emozionante. ❤️
    La storia di Leon e della sua famiglia ti entra nell'anima, è impossibile non commuoversi. ❤️
    Io che non ho ancora letto il libro, sto già male, perchè non sarà facile affrontare questo lungo viaggio all'insegna dell'amore ma anche delle differenze e dell'odio che oggi giorno esiste nel mondo. ❤️
    Spero davvero di leggerlo presto, sono molto emozionata per questa nuova uscita!! ❤️
    La copertina e' meravigliosa, l'adoro. ❤️

    Partecipo al BlogTour e al Giveaway ❤️
    Di seguito vi elenco tutte le regole che ho rispettato nel form.
    Seguo tutti i blog partecipanti al BlogTour con il nome: Elysa Pellino
    La mia email: mora_1993_@hotmail.it
    Seguo tutte le pagine Facebook dei blog partecipanti al BlogTour + quella della casa editrice ” Edizioni Piemme ” con il nome: Elysa Pellino.
    Ho condiviso questo post su Facebook in modalità (Pubblica) taggando la pagina del blog ”La Fenice Book and Lifestyle" ( @FeniceBook ) + 3 amiche :)
    Link Condivisione: https://www.facebook.com/elysa.pellino/posts/10211254175723954?pnref=story
    Ho condiviso questo post su Twitter taggando il profilo del blog ” FeniceBook&Lifestyle "
    Link Condivisione: https://twitter.com/ElysaPellino/status/917853481972715520
    – Ho completato il form in tutti i suoi campi.
    ( Ho commentato e condiviso le tappe precedenti, aspetto l'ultima con ansia.)
    Grazie per la partecipazione!!
    Buona Fortuna a Tutti. ❤️

    RispondiElimina
  4. Grazie di ❤️ ...sono felice che hai captato tutto ciò che mi ha emozionato di quelle pagine 😍

    RispondiElimina
  5. Dalle tue parole si percepisce come questa sia una storia piena di sentimenti ed emozioni delicate. Il piccolo Leon mi sembra un bambino davvero speciale. Sarà una lettura emozionante!
    lauradomy@hotmail.it

    RispondiElimina
  6. Si una lettura unica per quanto bella e interessante....anche perché molto veritiera....💗 Si piange si ride...si vive.

    RispondiElimina
  7. Fin da quando l'ho visto tra le prossime uscite ho capito che aveva qualcosa di speciale!
    sarà sicuramente tra le prossime letture *-*

    RispondiElimina

Posta un commento