[Recensione] Bagliori a San Pietroburgo di Jan Brokken

Buona giornata cari lettori e buon inizio di settimana! Iniziamo il mese di Ottobre con la recensione di un libro meraviglioso che ci trasporta alla scoperta di San Pietroburgo...

Bagliori a San Pietroburgo è il nuovo romanzo di Jan Brokken, già autore de Il giardino dei cosacchi sempre edito Iperborea. Stavolta Brokken ci conduce con sè in un lungo viaggio a San Pietroburgo, la città che forse più di tutte rappresenta la Russia stessa e la sua evoluzione. Sulle orme di scrittori, poeti, pianisti e artisti che hanno fatto la storia della cultura russa, Brokken ci permette di conoscere il volto di una città estremamente affascinante, una città ricca di contraddizioni ma proprio per questo unica al mondo. Avvolti dalla malinconica atmosfera russa, ci troviamo a percorrere le strade di Pietroburgo insieme alla Achmatova, a Dostoevskij, a Gogol e Bulgakov, accompagnati dalle dolci rime di Puškin e dalle note immortali di Stravinskij.

Già di per sè l'Iperborea è una garanzia di qualità, se poi parliamo di Jan Brokken potete star certi che leggerete qualcosa di unico e di immensamente bello! Brokken riesce a parlare della Russia in modo talmente convincente e poetico da renderla viva nella mente del lettore.

Il viaggio a San Pietroburgo è uno spunto per raccontare ed elogiare la meravigliosa cultura di questo paese che ci ha donato le parole di Tolstoj, di Gogol e di Dostoevskij, le poesie struggenti della Achmatova, le note di Stravinskij e di Egorov. Questo libro è un vero e proprio inno alla bellezza della cultura e dell'arte russa!

"La culla dondola sopra un abisso e il buonsenso ci dice che la nostra esistenza è solo un breve spiraglio di luce tra due eternità fatte di tenebra."

Partendo dalla Achmatova, donna che affrontò terribili perdite durante la sua vita e che seppe trasferirle su carta, passando per Dostoevskij e i luoghi in cui visse e ambientò il suo capolavoro, fino ad arrivare ad artisti come Egorov o Nabokov che trovarono il successo lontani da quella terra che amavano follemente. Ogni brano è un frammento di storia che ci permette di comprendere meglio la differenza tra il passato e il presente della Russia, i cambiamenti e le evoluzioni di una terra che dal punto di vista culturale ci ha dato tantissimo.

Leggendo questo libro mi è sembrato di camminare al fianco di Brokken per le strade di Pietroburgo, era come se fossi lì, come se guardassi la città attraverso i suoi occhi. Inoltre il libro è ricco di citazioni e di spunti letterari, la mia lista di libri da leggere si è allungata a dismisura!

L'edizione poi è bellissima, curata nei minimi dettagli e arricchita da illustrazioni e fotografie che rendono la lettura di questo libro un'esperienza molto più ricca e completa. Bagliori a San Pietroburgo è pura poesia, è bellezza e amore per l'arte trasferita su carta, una lettura indimenticabile!

“Tutto è letteratura in questa città, tutto è musica. Anzi, sono la letteratura, l'arte figurativa, il balletto, il teatro a sprigionare il bagliore che emana questa città.”

Commenti