[Recensione] Cecità di Josè Saramago


Buona giornata cari Lettori!Oggi una nuova recensione del nostro collaboratore Valerio,che ci parla di uno dei libri più famosi del premio Nobel per la letteratura Josè Saramago...

Ormai mi sembra chiaro che nella mia vita sia destinato ad affrontare letture dure come il cemento, e destinato in fin dei conti ad adorarle. Cecità di Saramago è un maledetto pugno nello stomaco, uno schiaffo in pieno volto, un grido acuto dritto nei timpani.  Ahinoi, Saramago conosce gli uomini e non risparmia nessuno dalla sua profonda accusa alla natura umana, nemmeno sè stesso. Col suo inconfondibile e ottimo stile, lo scrittore ci racconta un mondo improvvisamente travolto da una bianca cecità, contagiosa come una malattia estremamente virale. Le vicende ci vengono raccontate per mezzo degli unici occhi scampati a quel male e, credetemi, per risparmiarvi quell'orrido spettacolo preferireste che fossero anch'essi privi della vista, come lo vorrebbe colei che quegli occhi li possiede. Preferireste non assistere all'apocalisse in cui un cieco genere umano trascinerà sè stesso, degradazione della quale potrebbe essere perfettamente capace.
La malattia si spande a macchia d'olio; "Sono cieco!", è il grido che risuona a ogni angolo di strada e che di lì a poco accomunerà l'umanità intera. I primi colpiti dal mal bianco vengono segregati come animali, e tali diventeranno, anticipando soltanto quello che sarà di lì a poco il destino di tutti. La cecità mette a nudo il terrificante lato animalesco dell'uomo che, non abituato a essere tale (nella maggior parte dei casi), sprofonderà, rendendosi artefice di nefandezze ben peggiori di quelle perpetrate dal mondo animale; come se insieme alla vista fosse andato perduto anche ogni freno inibitorio. L'umanità sprofonda nel sudiciume che essa stessa ha creato, e leggendo tra le pagine di questo libro li guarderai  anche a fondo, e farà male.

Fa male perchè in fondo al cuore lo sai che è vero, lo sai che in circostanze simili anche tu diventeresti egoista e senza scrupoli, disposto a sacrificare la morale per un tozzo di pane, a perdere la tua umanità in cambio della sopravvivenza. Lo sai perchè scrutando con la mente i personaggi e le loro azioni, ammetti tacitamente a te stesso che faresti esattamente le stesse cose, oppure, quando vien fuori da loro quel briciolo di umanità residua che è sempre dura a morire, rifletti egoisticamente sulle conseguenze che tale buona azione ti porterebbe. Dolore, dolore...

Cecità è il palcoscenico per uomini che hanno perso la vista, ma insieme ad essa hanno perso anche tutto il resto; disposti a rubare il cibo a un morto di fame, a uccidere chiunque lo minacci di portargli via una dignità che in fin dei conti ha già perduto, disposto a sacrificarla in nome di una cieca sopravvivenza. Il barlume di speranza che alla fine lo scrittore ci regala, è soltanto una magra consolazione, dopo il mare di melma nel quale siamo stati costretti a nuotare. Spaventosamente veritiero, ma assolutamente da leggere per chi ha un animo forte.


"Secondo me non siamo diventati ciechi,secondo me lo siamo. Ciechi che vedono. Ciechi che,pur vedendo,non vedono."

Commenti

  1. Letto qualche anno fa, rimane una delle letture più belle e profonde

    RispondiElimina
  2. Recenaione scritta in maniera invidiabile, e libro meraviglioso.

    RispondiElimina
  3. Grazie mille :D un libro molti duro, ma da leggere...

    RispondiElimina

Posta un commento