Giornata della Memoria: Per non dimenticare, mai!

Voi che vivete sicuri
nelle vostre tiepide case,
voi che trovate tornando a sera
il cibo caldo e visi amici:
Considerate se questo è un uomo
che lavora nel fango
che non conosce pace
che lotta per mezzo pane
che muore per un si o per un no.
Considerate se questa è una donna,
senza capelli e senza nome
senza più forza di ricordare
vuoti gli occhi e freddo il grembo
come una rana d'inverno.
Meditate che questo è stato:
vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
stando in casa, andando per via,
coricandovi, alzandovi.
Ripetetele ai vostri figli.
O vi si sfaccia la casa,
la malattia vi impedisca,
i vostri nati torcano il viso da voi.
Primo Levi



Il 27 Gennaio 1945 i cancelli di Auschwitz furono abbattuti, rivelando al mondo gli orrori che lì erano stati commessi...

Oggi 27 Gennaio ricordiamo quello che è stato, ricordiamo la crudeltà di cui l'uomo è stato capace, ricordiamo le persone che hanno sofferto e sono morte per la follia e le ambizioni perverse di un uomo.

Ricordiamo e dobbiamo continuare a farlo per fare in modo che il passato non si ripeta, mai più! Per evitare che cose del genere accadano ancora, per evitare che persone innocenti soffrano ancora a causa del pregiudizio...

"La nostra voce, e quella dei nostri figli, devono servire a non dimenticare e a non accettare con indifferenza e rassegnazione, le rinnovate stragi di innocenti. Bisogna sollevare quel manto di indifferenza che copre il dolore dei martiri! Il mio impegno in questo senso è un dovere verso i miei genitori, mio nonno, e tutti i miei zii. E' un dovere verso i milioni di ebrei 'passati per il camino ', gli zingari, figli di mille patrie e di nessuna, i Testimoni di Geova e verso i mille e mille fiori violentati, calpestati e immolati al vento dell'assurdo; è un dovere verso tutte quelle stelle dell'universo che il male del mondo ha voluto spegnere . . . I giovani liberi devono sapere, dobbiamo aiutarli a capire che tutto ciò che è stato storia, è la storia oggi, si sta paurosamente ripetendo."
E. Springer

Ricordiamo...



Commenti