[Recensione] I misteri di Chalk Hill di Susanne Goga


Buon pomeriggio cari Lettori! Oggi parliamo di una nuova uscita targata Giunti...

I misteri di Chalk Hill è una storia dal sapore retrò che richiama le atmosfere del ben più famoso Jane Eyre.
La trama ruota attorno all'arrivo della giovane istitutrice tedesca Charlotte Pauly a Chalk Hill, in Inghilterra, dove si occuperà dell'istruzione della piccola Emily.

Stabilitasi nella tenuta, Charlotte intuisce subito che qualcosa non va in quell'enorme casa: Emily ha continuamente incubi e dice di parlare costantemente con la madre morta ormai da più di un anno, inoltre durante la notte Charlotte sente strani e inquietanti rumori che la tengono allerta.

Aiutata da un giornalista di Londra, Tom Ashdown, Charlotte proverà a fare luce sugli strani fenomeni che avvengono a Chalk Hill e troverà tra le mura di quella vecchia casa molti più segreti di quel che credeva... Tra indagini misteriose e fenomeni che sembrano avere origine soprannaturale, inizia la storia della giovane Charlotte, scappata dalla Germania dopo una brutta delusione sentimentale e approdata nella campagna inglese del Surrey, allo scopo di cominciare una nuova vita lontana da pettegolezzi e brutti ricordi.

La storia privata della protagonista richiama molto quella di Jane nel capolavoro della Brontë,sia per quanto riguarda il suo passato che nei freddi rapporti con il suo datore di lavoro Charlotte ha molti punti in comune con Jane, forse fin troppi.


Purtroppo devo dire che ho trovato molti altri piccoli rimandi alla storia di Jane Eyre, rimandi che hanno reso la lettura poco originale e a tratti banale.
La trama prometteva una storia ricca di suspense e da brividi, ma in realtà il modo in cui l'autrice ha sviluppato la storia è stato fin troppo semplice, i risvolti erano prevedibili e persino il mistero celato dietro agli incubi della piccola Emily, elemento che doveva suscitare più interesse, si è rivelato invece banale, la soluzione è lì e chiunque legga il romanzo riesce a intuire facilmente quale sarà la conclusione della storia.

Un'altra cosa che non ho apprezzato è il fatto che, nonostante la quarta di copertina promettesse una storia romantica che faceva da sfondo alle indagini, in realtà il romanzo non contiene nessuna storia romantica, è appena accennata e non ha alcun risvolto nemmeno al termine del romanzo, il cui finale mi ha lasciato con l'amaro in bocca e poco soddisfatta.

Bisogna dire che dalla sua l'autrice ha uno stile molto curato ma estremamente scorrevole che permette alle pagine di scivolare via veloci,stile che ho apprezzato molto.

Questo romanzo che pareva essere intrigante e misterioso, si è rivelato una lettura poco incisiva e a tratti noiosa, ma se amate le storie tra il giallo e il thriller ambientate nel passato, dategli una possibilità!Buona lettura!

Commenti

  1. Non ho ancora letto Jane Eyre, ma lo farò prima di leggere questo libro a questo punto :) Mi ispira davvero tanto, ero un po' titubante sullo stile, ma mi hai tolto ogni dubbio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jane Eyre è una lettura imperdibile! :)

      Elimina

Posta un commento