[Recensione] Intervista con il potere di Oriana Fallaci

Buona giornata cari lettori e buon inizio di settimana! Oggi torniamo a parlare di una delle mie autrici preferite in quello che ormai sta diventando un appuntamento fisso.

Intervista con il potere
è la seconda raccolta di interviste realizzate da Oriana Fallaci tra gli anni '60 e '80 del secolo scorso. Pubblicata postuma, questa raccolta era il seguito ideale a Intervista con la storia. Diviso in due parti, il libro contiene una profonda riflessione sul potere e sull'effetto che detenere il potere assoluto ha su uomini e donne. La raccolta contiene anche le interviste a Khomeini e Gheddafi, incluso il racconto dei retroscena delle interviste. Viaggiando da un capo del mondo all'altro, Oriana intervista i grandi della terra di quel momento storico, fissando su carta le sue impressioni e regalandoci una potente testimonianza sull'uomo al potere.

Oriana Fallaci è stata una giornalista eccezionale, questo è un dato di fatto, ma è proprio leggendo le sue interviste che ci si rende conto di quanto importante sia stato il suo contributo al giornalismo. Stavolta la Fallaci si concentra sul potere, quindi protagonisti delle interviste sono uomini e donne che in un certo periodo storico si sono trovati a governare il loro paese, ad attuare rivoluzioni o semplicemente a combattere per un ideale in cui credevano.

Khomeini, Gheddafi, Robert Kennedy, il Dalai Lama, Sandro Pertini, Enrico Berlinguer, Rashida AbhedoLech Walesa, Ariel Sharon e molti altri. Cosa succede all'uomo quando conquista il potere? E' vero che lo cambia in peggio nonostante tutti i buoni propositi? Quanto c'è di vero nell'affermazione: Il potere corrompe, il potere assoluto corrompe assolutamente?

E' da qui che la Fallaci parte, da un quesito vecchio come il mondo che la conduce ancora una volta a viaggiare intervistando i potenti della terra per tentare di carpire la risposta a questa domanda.
Con parole sempre affilate e uno stile ironico, spesso aggressivo ed estremamente interessante da seguire, Oriana ci conduce in un viaggio diverso dal solito, un viaggio in cui al centro del racconto c'è il potere visto in tutte le sue forme.

Il potere religioso nelle mani di Khomeini, il potere politico di Pertini, Berlinguer, Walesa, il potere militare di Gheddafi, il potere distruttivo dei regimi che in nome di una futura libertà, di un futuro miglioramento, distruggono proprio la libertà di interi popoli. Le interviste sono una più interessante dell'altra, così come i retroscena di alcune di esse che ci permettono di comprendere appieno la forza e la determinazione della Fallaci come giornalista.

Già me la immagino mentre getta all'aria il chador davanti agli occhi scandalizzati di Khomeini, oppure mentre tenta in tutti i modi di spezzare la difesa di Gheddafi, o ancora mentre simpatizza con Walesa o con il Dalai Lama, o mentre ascolta rapita le parole di Pertini. Mentre leggevo era come se la vedessi, come se fossi lì accanto a lei, e vi assicuro che non è cosa da poco, solo pochi riescono attraverso le parole a travolgere il lettore in questo modo.

Da queste pagine emerge un quadro estremamente chiaro di quella che era la situazione socio-politica di quegli anni, con un occhio di riguardo alla situazione dei partiti comunisti in vari paesi. Intervista con il potere è una meravigliosa raccolta di interviste che ci aiutano a comprendere meglio il passato da cui proveniamo e sopratutto il futuro verso cui ci stiamo muovendo. Buona lettura!

"Succede qualcosa agli uomini e alle donne che arrivano in un modo o nell'altro al potere. Qualcosa che li imbruttisce, che li distrugge e li induce a distruggere anche se volevano costruire sulla terra il Giardino dell'Eden. Non si salva nessuno dal potere: a qualsiasi livello, in qualsiasi regime, nelle democrazie come nelle rivoluzioni."

Commenti