[Recensione] E allora baciami di Roberto Emanuelli

Parlare d’amore non è facile, c’è bisogno di un cuore puro, l’amore è per tutti, parlarne è per pochi!

Ho letto non un romanzo ma una poesia d’amore, mi sono emozionata per ogni parola, il cuore leggero e sereno. Leonardo ha amato una sola volta nella sua vita. Non importa se quell'unico amore è scappato, non importa se per un attimo gli e mancato il respiro, non importa se sono trascorsi 17 anni, lui ama Angela, la ama come il primo giorno. Poi c'è quell'amore unico che gli ha regalato sua figlia Laura, anche se lei in qualche modo lo odia, perché non sopporta la maschera da lui indossata ogni giorno. Leonardo ha 38 anni ed è un meccanico affermato, che aspirava a diventare insegnante, è un uomo bello è pieno di amici che lo aiutano ad andare avanti.

Laura, mora con grandi occhi neri e carnagione scura è il ritratto di Angela, lei e Leonardo hanno i conflitti tipici di padre-figlia. Lei affida i suoi tomenti ad un Diario Segreto e non solo, scrive anche su un blog personale. Laura è una ragazza cresciuta senza mamma che si sente abbandonata senza motivo, in realtà neanche Leonardo riesce a trovare il motivo reale che ha spinto Angela a scappare.

Padre e figlia sono tormentati dagli stessi fantasmi ma la realtà può essere diversa da come sembra, il destino può spingerti da solo verso la soluzione.  Il modo con cui lo scrittore ha raccontato l’ amore è così semplice e reale da toccarti profondamente lasciandoti segni indelebili. Un amore che anche se all'apparenza finito, non è mai crudele anzi è sempre vivo coi ricordi più belli, un amore limpido come limpida è la scrittura che lo racconta ma non solo come anche la musica che lo delinea.

Un amore come pochi, un romanzo bello da morire!

Commenti