[Anteprime Grandi e Associati] L'ombra di Achille di Mario Muda - La superficie dell'acqua di Massimo Volta

L’ombra di Achille di Mario Muda è più di un romanzo d’amore. È un romanzo sull’amore, dentro l’amore, immerso nell’amore.

Jacopo Farnese è un eterno ragazzo assetato di vita, di slanci, di aneliti di libertà che solo le fughe in mare a bordo della sua barca a vela sembrano di tanto in tanto fargli assaporare. Jacopo per tutta la vita insegue una donna cercandola in tutte le donne, senza mai raggiungerla e sperperando nella sua ricerca impossibile un patrimonio infinito di sogni, emozioni, affetti e sentimenti. Finché, quando la passione che lo divora sembra sul punto di concedergli una tregua regalandogli un nuovo equilibrio grazie a una donna e a una bambina che hanno bisogno di lui e gli offrono un amore che lui non ha mai conosciuto, una nuova nemica, subdola e velenosa, la Malattia, travolge il suo estremo tentativo di riscatto.

Sarah ha quattordici anni, è al primo anno di liceo, ama nuotare e difende gelosamente i suoi segreti. Da sola, circondata da adulti distanti anni luce da lei, cerca di capire se stessa e gli altri in quell’età misteriosa che si chiama adolescenza, tra il ricordo della magia dell’infanzia e il freddo di un inverno che ha il sapore dell’età adulta.

Un viaggio nella mente e nel corpo di una ragazza, tra amori delicati e inquietanti pericoli, tra dolcezza e violenza, come una favola oscura in una città senza nome che è uguale a ogni altra città che conosciamo. Senza dimenticare mai quella bacchetta magica che, ben nascosta in fondo al mare, ci ricorda che siamo fatti non solo d’ombra ma soprattutto di luce.

Commenti