[Recensione] Il tocco dell’aldilà di Ornella Calcagnile

Ciurma!!! Lieta di rivedervi! Non lettori ben venuti fra noi! Oggi le vele resteranno ammainate, non salpiamo per terre lontane, no! Oggi resteremo in Italia, viaggeremo fra Napoli e Benevento, fra mondo terreno e mondo ultraterreno.

Questa è la storia di Davide e Imma, che si sono conosciuti sul web e hanno iniziato la loro amicizia così, come spesso capita ai nostri giorni, dietro uno schermo, finché, non decidono d'incontrarsi...

Davide è un bel ragazzo con un segreto terribile. Il giorno in cui decide di vedere Imma è un bel giorno per lui, finalmente passano del tempo insieme, senza nulla a separarli. Fanno l'amore girano la città di Napoli, la città di lei, e poi lui le rivela il suo segreto, la maledizione che lo tormenta. Davide ha un modo radicale di risolvere la situazione, un modo che libererà lui e incastrerà lei che, in quattro e quattr'otto, risolve il problema.

Ok! Non fraintendetemi, amo gli horror, i fantasmi, i mostri, neppure la mia fifonaggine può qualcosa contro questo, ma il  racconto di cui mi accingo a parlarvi mi ha lasciata un po' perplessa.

È tutto troppo facile, troppo immediato, troppo veloce. Si, è un racconto di fantasmi e i fantasmi sono irreali.. forse, chi lo sa se davvero i nostri occhi non riescano a vedere al di sopra del mondo, insomma quello che non mi spiego di questa  storia è perché se Imma è riuscita nel giro di poco a sistemare tutto, lui, una volta adulto non è riuscito a farlo? Questa storia irreale, non riesce ad essere plausibile, credibile.

L'idea di partenza è ottima, lo sviluppo, non so! Non mi par convincente. Insomma, una buon storia mal sviluppata ed è un peccato, perché il potenziale c'è!

È una storia che può tranquillamente accompagnare un afoso pomeriggio, in cui la noia ci divora e non sa ha voglia di un testo impegnativo. I'm sorry, niente paese delle meraviglie per oggi.

Io mi ritiro di buon ordine oggi e vi lascio ponderare sereni su questo racconto, nell'attesa di rivedervi di nuovo!

Commenti

  1. Devo dire che hai ragione la trama e molto bella, ma concordo con te, alcuni libri hanno potenziale ma non vengono sviluppati come si deve, pero può essere anche una lettura per quelli che non han voglia di leggere un libro troppo impegnativo.

    RispondiElimina

Posta un commento