[Segnalazioni NeroPress Ed.] Zombie history - Il Gioco dell'Erborista

Seconda uscita della collana tascabili Incastri, che si prefigge di essere punto d’incontro interculturale tra la narrativa italiana e quella internazionale. Il volumetto, intitolato Zombie History, per via dei temi trattati, è confezionato in un innovativo taglio bi-fronte e si compone di due racconti: La battaglia di Harlem Heights, firmato Scott Kenemore, e La grande moria, di Livio Gambarini.
La traduzione del racconto di Kenemore è stata affidata al nostro Marco Battaglia, che si è occupato anche di stendere la prefazione. Kenemore e Gambarini si cimentano nella difficile impresa di calare due personaggi storici di rilievo, come George Washington e Giovanni Boccaccio, in un contesto tipicamente horror come l’epidemia zombie. Due racconti, due modi diversi di interpretare un tema caro alla narrativa horror come quello dei morti viventi. Il confronto tra un autore di respiro internazionale come Scott Kenemore e Livio Gambarini, con all’attivo diverse pubblicazioni a sfondo storico. Un confronto che non è una gara ma un “incastro”, non solo nell’idea dell’accostamento ma anche nella forma del libro: un tascabile “reversibile”. Un libro che nasce e muore in un modo, per poi rinascere e morire in un altro, come un perfetto zombie. L’opera è arricchita dalle splendide ed evocative illustrazioni di Roberta Guardascione(del gruppo Electric Sheep Comics), anche autrice dell’immagine di copertina.


La collana digitale Intrecci si correda di una nuova saga, Il Gioco dell’Erborista, serie fantasy rivolta ai ragazzi, scritta da Luca Di Gialleonardo, già autore di storie fantasy (e non solo) per Delos Books.

Il primo volume, intitolato Bracciorosso, è riepilogato qui di seguito: Panfilo, figlio adolescente di una coppia di contadini, conosce Annatea, una bizzarra erborista che vive da sola nel bosco. Tornato a trovarla il giorno successivo, Panfilo incappa in Corrado, fuorilegge che resta colpito da una macchia rossiccia che il ragazzo ha sull’avambraccio fin dalla nascita. Il brigante lo rapisce e lo porta nella sua misteriosa terra di origine: Selleria, un’isola sconosciuta e nascosta da una nebbia che provoca visioni infernali. L’isola è contesa tra il popolo dei Selleri e quello dei Corviniani, tra i quali si combatte una guerra secolare, della cui nascita si sono persi i ricordi. A causa della macchia che ha sull’avambraccio e di una profezia che lo riguarda, Panfilo diventerà ago della bilancia in questa guerra. Ma Panfilo è davvero un predestinato? O soltanto una pedina in un gioco molto più grande di lui?

Commenti

Posta un commento