[Recensione] L'esatto contrario di Giulio Perrone

Buona giornata cari Lettori! 
Il caldo continua a non darci tregua e sinceramente non vedo l'ora che arrivi Ottobre portando finalmente un po' di frescura!
Intanto parliamo di un thriller/giallo tutto italiano...

L'esatto contrario racconta una storia dalle atmosfere tipiche dei thriller che si snoda tra passato e presente.
Il protagonista della storia è Riccardo, un trentacinquenne che ha abbandonato gli studi di giurisprudenza per dedicarsi al giornalismo, riuscendo però solo a scrivere recensioni per un piccolo settimanale di cronaca nera "TuttoGiallo".
Una vita che non è certo il massimo che include un fidanzamento miseramente fallito e la convivenza con due strani inquilini. Improvvisamente uno scossone: al telegiornale ritorna a farsi sentire la vicenda di Giulia Rusconi, ex compagna di corso nonchè breve interesse sentimentale del protagonista, uccisa proprio alla Sapienza da un suo professore. 10 anni dopo e appena dopo l'uscita dal carcere, il presunto assassino, il Professor Morelli, viene ritrovato a casa sua morto. Questi eventi riaccendono in  Riccardo la voglia di scoprire la verità sulla morte di Giulia, verità che secondo lui non è mai venuta a galla...

Ho letto questo breve romanzo in un paio d'ore, catturata dalla prosa scorrevole e da uno stile frizzante e a tratti ironico. La storia di Perrone mixa atmosfere cupe a situazioni più leggere, rendendo la lettura interessante e variegata. Ho trovato lo sviluppo della trama molto intrigante, mi sono piaciuti molto i vari colpi di scena inseriti qua e là e sopratutto ho amato il finale che, pur non essendo quel che ci si aspetterebbe, si distingue per originalità!


Il protagonista della storia da disinteressato collaboratore di "TuttoGiallo" diventa, grazie alla riscoperta di nuovi elementi relativi al caso di Giulia, un vero e proprio detective privato. Tra intuizioni giuste e sbagliate, Riccardo si avvicina molto alla verità ma girandoci intorno e non arrivando a scoprire tutto quel che c'era da sapere sul caso.

La storia scorre velocissima e si arriva fin troppo presto al finale che vi lascerà a bocca aperta!
I personaggi sono ben caratterizzati e devo dire che ho apprezzato molto l'ambientazione della storia, tutta circoscritta in alcuni quartieri Romani. In conclusione ho trovato questo romanzo una lettura davvero piacevole e ben scritta, ideale sopratutto per chi ama i thriller tutti italiani! Buona lettura!


Lasciar andare i ricordi e il passato. E' l'unico modo per tentare di godersi la vita e realizzarsi. Non si possono passare i giorni a chiedersi perchè qualcosa è andato in un modo o perchè si è persa un'occasione.

Commenti

Posta un commento